Valle Faul,Viterbo, informazioni turistiche e fotografie a cura di Anna Zelli sito originale e ufficiale web www.annazelli.com

Valle Faul Viterbo
Informazioni Turistiche

valle faul viterbo centro storico

VALLE FAUL
  VITERBO

     Guida Viterbo centro Viterbo dintorni torna alla Home

 Valle Faul

valle faul viterbo centro storico

Valle Faul

Mura Valle Faul
Porta Faul o Farnesiana
Stemmi Porta Faul
Epigrafe a porta Faul

monumento Celestini Foibe

Strada Bagni
Terme di Viterbo
Terme dei Papi
Torre Sassovivo
Torre Bella Galliana o Branca
Torre del Bacarozzo
Torre Bove o Bonaventura
Torre e Porta di Valle
Porta Bove o Bonaventura
Porta Faul
Porta di Valle o d'Eulali
Porta S. Lorenzo Bacarozzo
Ex Chiesa S. Maria Ginestra
Ex Chiesa S. Croce in Valle
Ex Chiesa Valverde
Ex Chiesa S.G. Decollato
Ex Chiesa S. M. Maddalena
Ex Chiesa S. Maria Palomba
Ex Chiesa S. Stefano in Valle
Edicola sacra via Faul
Colonna di Ser Monaldo
Via San Paolo
Cinta Muraria via San Paolo
Complesso Poggio Giudio
Scultura Gigante Jhonson,
Tunnel ascensore S,Lorenzo
Ascensore Martiri d'Ungheria

Ponte Tremoli
Torrente Urciorno
Ex Mattatoio Valle Faul
Fontana ex Mattatoio
Moderna fontana valle Faul
Palazzo dei Papi
Ospedale Infermi dismesso
Chiesa Santissima Trinità
Colle della Trinità
Palazzo Papale Papi
colle San Lorenzo
Terme di Viterbo
Terme dei Papi

Scultura del Gigante Jhonson

Vie  immettono Valle Faul

Largo Caduti delle Foibe
Via San Giovanni Decollato
via El Alamein
Via Strada Bagni
Via del Pilastro
Via Faul
Via San Clemente
Via Sant'Antonio
Via San Paolo

Vie dintorni Valle Faul

Largo Cavalieri Costantiniani
Piazza della Trinità

Piazza Sant'Agostino
Piazza della Trinità
Piazzale Martiri D'Ungheria
Piazza San Lorenzo
Via San Lorenzo
Piazza dei Caduti (Sacrario)
Via Santa Maria Liberatrice
Via Santa Maria in Volturno
Via di Ser Monaldo
Via del Lazzaretto
Via Chigi
Via della Pescheria
Via Valle Piatta
 

Viterbo Bibliografia

Contatti

Mappa Valle Faul

mappa valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Mappa Valle Faul

Mappe Viterbo centro

 Piazza San Lorenzo

piazza san lorenzo viterbo foto anna zelli

Piazza San Lorenzo

Archi Valentino Pagnotta
Archi esterno Palazzo Papale
Archi a piazza S. Lorenzo
Cattedrale San Lorenzo
Chiesa S. Maria della Cella
Chiese piazza S Lorenzo
Campanile Duomo S.Lorenzo
Campanili piazza S Lorenzo
Colle San Lorenzo
Fontana Cardinale Brancaccio
Fontana loggia dei Papi
Fontana Palazzo Papi
Fontana Ospedale Grande
Fontana Palazzo Vescovo
Fontana Giardino Vescovo
Fontanelle Cattedrale Lorenzo
Fontane piazza San Lorenzo
Loggia dei Papi
Museo del Colle del Duomo
Mura Etrusche resti
Ospedale Infermi dismesso
Panorama loggia dei Papi
Palazzo dei Papi
Palazzo Marsciano
Palazzo Casa Val. Pagnotta
Palazzo Vescovile
Palazzo Papale o dei Papi
Palazzo Sem. Diocesano
Palazzi piazza S Lorenzo
Scalinata Duomo S.Lorenzo
Scalinata Loggia dei Papi
Scalinate a piazza S.Lorenzo
Scale Pal.V.della Pagnotta
Scalinate intorno Pal.Papale
Stemmi e Lapidi p. S.Lorenzo
Vie da piazza S.Lorenzo
Via San Lorenzo
Via San Clemente
Valle Faul

 

 Via San Lorenzo

viterbo via san lorenzo info turistiche e foto

Via San Lorenzo Viterbo


Archi via San Lorenzo
Arco lavatoio ponte Lorenzo
Beata Lucia da Narni
Cardinale Pietro La Fontaine
Colle San Lorenzo
Chiesa del Gesù ex Silvestro
Chiesa S..G.Maescotti
Ex Chiesa S. Bernardino
Ex Chiesa S. Tommaso
Ex Chiesa San Biagio
Chiesa.S.M.Carbonara
Ex Chiesa San Leonardo
Ex Chiesa San'Antonio
Chiesa del Gonfalone
Chiesa San Maria Nuova
Chiesa Sant'Angelo Spatha
Cattedrale San Lorenzo
Chiese zona via San Lorenzo
Colle San Lorenzo Confraternita San Leonardo
Confraternita del Gonfalone
Confraternita dei Bifolchi
Confraternita SS nome Gesù
Confrat. Equestre S Sepolcro
Confraternite Congregazioni
Epigrafe pal. via dei Pellegrini
Famiglia Arcangeli
Famiglia Almadiani
Famiglia Battista del Drago
Famiglia Chigi
Famiglia Farnese
Famiglia Grispigni
Famiglia Massinaghi
Famiglia Oddi
Famiglia Pace
Famiglia Teloni
Famiglia Tignosi
Famiglia Tignosini
Famiglia Zelli Pazzaglia
Cardinale Pietro La Fontaine
Famiglie nobili di Viterbo
Fontana palaz. Zelli Pazzaglia
Fontana Ponte San Lorenzo
Fontana palazzo del Drago
Fontana Palazzo Seminario
Fontana palazzo Vescovile
Fontana Cardinale Brancaccio
Fontana ex Ospedale Infermi
Fontana piazza del Gesù
Fontana piazza della Morte

Fontane via San Lorenzo
Lapidi Palazzo Grispigni
Lapidi su via San Lorenzo
Loggia Palazzo Farnese
Loggia pal. Zelli Pazzaglia
Loggia S.Tommaso
Logge a Via S. Lorenzo
Madonna della Carbonara
Mappa via San Lorenzo
Mappa piazza San Lorenzo
Mappa via Sant'Antonio
Mura Etrusche resti
Ospedale degli Infermi
Ordine Santo Sepolcro
Ordine dei Templari
Ordine Osp. Antoniniani
Ordine Frati Domenicani
Ordini religiosi storia
Panorama Ponte Lorenzo
Ponte San Lorenzo
Pal. antica sede Magistratura
Palazzo Battista del Drago
Palazzo Chigi ex Caetani
Palazzo di Vico
Palazzo Grispigni Teloni Pace
Palazzo Farnese
Palazzo Oddi (Seminario)
Palazzo Zelli Pazzaglia
Palazzo Chigi (via Chigi)
Palazzi via San Lorenzo
San Bernardino
San Clemente I Papa
San Lorenzo
San Leonardo
Santa Maria Carbonara
Sant'Antonio Abate
San Biagio
San Giovanni Battista
San Tommaso
Santi a Viterbo vita opere
Scalinata a ponte Lorenzo
Scala lav. ponte Lorenzo
Scalinata a ponte Lorenzo
Scalinata piazza Gesù

Scalinata via S.M.Nuova
Scala lavatoio ponte Lorenzo
Scalinata sin.a Ponte Lorenzo
Scalinate via S. Maria Nuova
Scalinate via San Lorenzo
Stemmi Palazzo Grispigni
Stemma palazzo del Drago
Stemmi Ospedale Grande
Stemmi palazzo del Drago
Stemmi Palazzo Farnese
Stemmi Zelli Pazzaglia
Stemmi via San Lorenzo
Torre Campanile duomo
Torre del Borgognone
Torre di Vico
Torre Chigi già Caetani
Torre Zazzera Almadiani
Torre Messer Braimando
Torre Ospizio dei Pellegrini
Torre di Azzone Mannulo
Torre casa via S. Lorenzo 109
Torri via San Lorenzo
Piazze da via San Lorenzo
Piazza del Gesù
Piazza del Ginnasio
Piazza della Morte
Piazza del Plebisicito
Piazza San Lorenzo
Vie Piazze da v. S. Lorenzo
Valle Faul
Via Cardinal La Fontaine
Via Chigi
Via dei Pellegrini
Via del Ganfione
Via del Ginnasio
Via dell'Ospedale
Via Fattungheri
Via Romanelli
Via Sant'Antonio
Via San Clemente
Via Santa Maria Nuova
Via Zazzera
 

  Via Sant'Antonio

via sant'antonio viterbo centro storico foto anna zelli

via Sant'Antonio
 

 Via San Clemente

viterbo via san clemente foto anna zelli

Via San Clemente
 

 Via San Lorenzo

viterbo via san lorenzo info turistiche e foto

via San Lorenzo

via cavour viterb centro storico da piazza del plebiscito foto anna zelli

via Cavour
 

San Pellegrino

san pellegrino viterbo quartiere medioevale informazioni e foto di anna zelli

San Pellegrino
 

Piazza del Gesù

piazza del gesù viterbo centro storico foto anna zelli

Piazza del Gesù

Piazza della Morte

piazza della morte viterbo centro storico foto anna zelli

Piazza della Morte

 piazza Santa Maria Nuova

piazza santa maria nuova viterbo foto informazioni turistiche anna zelli

Piazza Santa Maria Nuova
 

  piazze di Viterbo

vterbo piazze di viterbo

Piazze di Viterbo centro

 Vie di Viterbo

vie di viterbo centro storico

Vie di Viterbo centro

 Terme di Viterbo

viterbo terme informazioni turistiche e foto www.annazelli.com

Terme di Viterbo

Terme del Bacucco
Acquae Passeris
Terme del Prato Vecchio
Terme del Bagnaccio
Terme del Naviso
Terme della Colonnella
Terme delle Zitelle
Terme delle Bussete
Terme Piscine Carletti
Terme del Bulicame
Terme del Prato
Terme Santa Maria in Selce
Terme degli Ebrei
Terme degli Almadiani
Terme di Paliano
Terme Masse di San Sisto
Terme dell'Asinello
Terme località Musarna
Terme Villa Calvisiana
Terme Bagni delle Serpi
Acquedotti e sorgenti
Via Cassia
Ex terme INPS
Terme dei Papi
Salus Terme
Oasi Therma

Non sono terme:

Ruzzola D'Orlando
La Lettighetta

 principali Eventi Viterbo

eventi a viterbo informazioni a foto a cura di anna zelli

Eventi a Viterbo

San Pellegrino in Fiore
Caffeina
Film Tuscia Festival
Festa di Santa Rosa
Santa Rosa
Macchina Santa Rosa
Caffeina Christmas Village

Viterbo

VITERBO MAPPA CENTRO STICO PIANTINA

Mappa Viterbo centro

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Contatti

 Viterbo

Viterbo

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE

Guida Turistica Viterbo

Archi di Viterbo centro
Biblioteche Viterbo centro
Bibliografia Viterbo
Contatti
Cortili di Viterbo centro
Chiese di Viterbo centro
Chiese fuori Viterbo
Campanili di Viterbo centro
Cupole di Viterbo centro
Chiostri di Viterbo centro
Cinema di Viterbo centro
Città dei dintorni Viterbo
Colli di Viterbo centro
Confraternite di Viterbo
Degrado Viterbo
Dintorni Viterbo da vedere
Edicole sacre a Viterbo
Eventi Viterbo e dintorni
Famiglie nobili di Viterbo
Festa Santa Rosa Viterbo
Fiumi Fossi di Viterbo
Fontane lavatoi di Viterbo
Giardini Parchi Orti
Giornali e Media Viterbo
Guida Turistica Viterbo
Laghi dintorni Viterbo
Lapidi Viterbo centro
Leggende di Viterbo
Logge di Viterbo centro
Mappa Viterbo centro
Mappe vie piazze Viterbo
Musei di Viterbo centro
Monumenti di Viterbo
Mare e spiagge vicine
Mura Viterbo centro
Nasoni di Viterbo centro
Numeri utili
Ordini Religiosi Viterbo
Ospedali scomparsi
Orologi Viterbo centro
Palazzi di Viterbo centro
Papi eletti a Viterbo
Piazze di Viterbo centro
Porte Storiche di Viterbo
Porte fuori Viterbo
Porte murate e scomparse
Ponti di Viterbo centro
Profferli di Viterbo centro
Panorami di Viterbo centro
Quartieri Viterbo centro
Quartieri Viterbo
Santi vita opere storia
Scalinate Viterbo centro
Scuole Università Viterbo
Statue busti e teste
Stemma araldico di Viterbo
Stemmi a Viterbo
Storia di Viterbo
Testimonianze Etrusche
Torri di Viterbo centro
Teatri di Viterbo centro
Terme di Viterbo
Vie di Viterbo centro
Viterbo sotterranea
Viterbo e la Tuscia
Viterbo dintorni vedere

 

piazze di Viterbo

vterbo piazze di viterbo

Piazze di Viterbo centro

 Vie di Viterbo

vie di viterbo centro storico

Vie di Viterbo centro

Viterbo Bibliografia

Contatti

Informazioni Roma

A.Z. Arte Cultura Idee Guida Turistica di Roma www.annazelli.com

Itinerari Turistici Roma

Passeggiate Romane

Rioni di Roma

Città del Vaticano

Guida Turistica Roma

Bibliografia Roma

Contatti

Città del Vaticano

Città del Vaticano Guida Turistica

Città del Vaticano

Basilica di San Pietro

Musei Vaticani

Cappella Sistina

Giardini Vaticani

Strade in Vaticano

Borgo e Vaticano

Rione Borgo R. XIV

Informazioni Viterbo

Viterbo

viterbo centro storico

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Viterbo - Roma

Guida Viterbo centro

Guida Turistica Roma

contattaci

e mail arte cultura idee

Contatti

zellianna@hotmail.com

Torna alla Home

A.Z. Anna Zelli Arte Cultura Novità Idee www.annazelli.com

H O M E   P A G E

www.annazelli.com

 

Valle Faul, Viterbo, centro storico, qui si trova un grande parcheggio gratuito e due ascensori, uno che porta a piazza San Lorenzo, e l'altro alla zona della Trinità.Sono visibili da una parte il complesso papale e la loggia dei Papi e il dismesso Ospedale Grande degli Infermi, dall'altra l'imponente chiesa della Trinità dei Pellegrini. Da una parte la valle conduce a Porta Faul, dall'altra a piazzale dei Martiri d'Ungheria e alla zona del Sacrario. Uscendo da porta Faul si prende di fronte via Bagni che conduce alle Terme dei Papi. Sono 4 chilometri, ci si arriva rapidamente. Un tempo qui vi era un mattatoio ed il gazometro.. Vie di accesso a Valle Faul :

Mura di valle Faul, Viterbo, nel 1243 quando la città di Viterbo fu assediata dalle truppe di Federico II Barbarossa, non c’erano le mura, e il sito era difeso da palizzate e da trincee chiamate “carbonare”, ad ogni modo l’esercito svevo venne sconfitto dalla resistenza dei viterbesi.

Cinta Muraria da via S. Paolo

cinta murarioa da porta faul a porta del carmine via san paolo viterbo centro storico

Via San Paolo

Cinta Muraria via San Paolo, da Porta Faul a Porta del Carmine : Cinta muraria che da porta Faul va a porta di Valle si data tra il 1257 o il 1268, un tratto murario che a causa del torrente Urciorno che spesso straripava era soggetto a crolli continui, e a restauri.  Qui erano presenti anche tre torri, Porta Faul in origine era una torre, ma poi la sua altezza venne dimezzata.  Nel 1547 ad opera di Alessandro Farnese, nipote dell’allora Papa Paolo III, venne edificata una porta di ingresso monumentale, la Porta Faul. All’inizio venne chiamata Porta Farnesia o Farnesina. Vi sono i gigli ed una iscrizione che tradotta  ci dice : “ Nell’anno 1268 l’illustre stirpe di Raniero Gatti , Visconte, per Grazia di Dio, capitano egli stesso di Viterbo fece costruire queste mura con una fonte ricca di acque , al di qua  e al di là della torre del fosso di Faul. Accanto c’è la mole della Torre della bella Galiana, o del Branca, venne edifica nel 1296 da Corrado Branca sulla parte superiore vi sono gli stemmi e le chiavi papali e i simboli del podestà Corrado del Branca , c’è anche una iscrizione che tradotta, recita: “ Nel nome del Signore, amen. Nell’anno del Signore 1296 il nobile uomo Corrado Branca , cittadino di Gubbio, podestà della città di Viterbo, onorato per il suo felice governo, fece edificare questa torre con il provento di 150 libbre paparine, che il castello di Montalto, la terza parte del porto spetta la Comune di Viterbo, è tenuto a pagare annualmente il medesimo Comune. Rendiamo grazie a Dio”  Dopo questa torre c’è la porta di Valle, che venne chiusa dopo l’apertura della Porta Faul.  E’ stata riaperta nel 1974. Questa porta è sovrastata da una torre aperta in alto con un arco a tutto sesto. Al suo interno ci sono tre archi sovrapposti, e al suo interno una pietra riproduce lo stemma della Camera Apostolica che le chiavi e la mitra. Nel 2016 la torre e la porta di Valle sono state restaurate. Cinta muraria che da porta di Valle va a Porta San Lorenzo: secondo gli studiosi questo tratto di mura venne edificato nel 1257, mentre la porzione che va fino a Pianoscarano risalirebbe al 1118. Qui c’era la Torre di Valle, e accanto l’orto della Chiesa di Santa Maria della Palomba, oggi scomparsa, restano solo alcune tracce, e un molino. In questa zona la Famiglia Balasco aveva dei molini a frumento e molini a olio, che erano alimentati dal fosso di San Pellegrino il quale era una diramazione del torrente Teneri. In questa zona più avanti vi era la torre Amendola, che lo studioso Della Tuccia ne colloca l’edificazione al 1457, quando, nella sua parte superiore venne innalzato un muro. Proseguendo verso porta del Carmine, qui c’era la Torre del Bacarozzo, vi erano in questa zona abitazioni della Famiglia dei Monaldeschi, nei pressi della scomparsa chiesa di San Nicola degli Scolari oggi ex chiesa di San Carlo,  che fu feudataria del Castello di Montecalvello, i cui esponenti ebbero ruoli di prestigio a Viterbo durante i secoli dal XIII al XVI. Su questa torre del Bacarozzo  il Pinzi colloca al XII secolo l’apertura della Porta San Lorenzo, che conduceva all’omonimo colle. Ma dal 1467, la strada non è praticabile e la torre del Bacarozzo e la porta San Lorenzo non sono visibili, in quato facenti parte di una proprietà privata. Cinta Muraria da Porta San Lorenzo a porta del Carmine: questo tratto di mura risalirebbe al 1118, questo, tratto non presenta torri, qui c’è la Porta del Carmine che deve il nome ad un monastero non più esistente dal XVIII secolo.

Porta Faul

porta faul lato strada bagni info foto anna zelli

Porta Faul

Porta Faul o Farnesiana, chiamata anche porta Eulali, Viterbo, chiamata anche porta Farnesiana, si trova alla fine della vallata, la attuale porta porta Faul venne aperta in sostituzione della vicina porta di Valle nell'anno 1568, mentre l’antica porta Eulali fu edificata nel 1268 dal Visconte Gatti nipote di Raniero,  insieme alle mura che cingono la vallata fino al palazzo dei Papi e alla chiesa della Trinità dei Pellegrini.  Dopo 3 secoli questa porta venne chiusa e sostituita da quella che vediamo oggi, L’attuale porta si apre alla base di un'antica torre la cui parte superiore è stata demolita e il progetto della porta Faul fu attribuito al Vignola. Il grande architetto lavorava per la casa Farnese e lo stemma con i gigli dei Farnese è visibile in alto fiancheggiato da quelli del comune e del vice legato pontificio, lo stemma di un certo Ansoino Polo che era un vice legato. In onore dei Farnese originariamente la porta prese il nome di Farnesiana. Infatti sembra che Jacopo Barozzi da Vignola, allora alle dipendenze del cardinale Farnese e occupato alla edificazione del palazzo a Caprarola forse possa aver ideato la porta. A poca distanza da porta Faul si trova la chiesa di Santa Maria in Valverde, poi conosciuta come chiesa dei Giustiziati, che al suo interno ne ricevevano cristiana sepoltura, questa chiesa era officiata dai monaci dell’Abbazia di Sassovivo di Foligno ai quali si deve nel 1297 la torre possente che si eleva sulle mura che seguono, sulla sinistra, l’andamento della collina. Gli stessi monaci in seguito si trasferirono nella poco distante chiesa di Santa Maria della Ginestra posta all’interno della città. Questo era un punto vulnerabile di Viterbo ed infatti subì l’assedio nel 1243, vi è una lapide che cita come il Visconte Gatti fu il costruttore dell’ultimo tratto delle mura di Viterbo, edificato nel 1268.

Stemmi e lapide a porta Faul

stemmi a porta faul viterbo info foto anna zelli

Stemmi e lapide porta Faul

Lapide a porta Faul, Viterbo, l’epigrafe ricorda che questa porta venne aperta nel 1568 nel periodo in cui il Cardinale Alessandro Farnese, nipote di Papa Paolo III,  fu reggente di Viterbo e della Provincia del Patrimonio con il titolo di Legato Perpetuo.  Nell’epigrafe si cita anche Ansoino Polo il quale sostituiva il Cardinale quando era richiamato altrove. La nuova porta inizialmente fu chiamata Farnesina, poi prese il nome di porta Faul.

Stemmi porta Faul, valle Faul, Viterbo,uno stemma con i gigli dei Farnese è visibile in alto fiancheggiato da quelli del comune e del vice legato pontificio, lo stemma di un certo Ansoino Polo che era un vice legato. In onore dei Farnese originariamente la porta prese il nome di Farnesiana. Infatti sembra che Jacopo Barozzi da Vignola, allora alle dipendenze del cardinale Farnese e occupato alla edificazione del palazzo a Caprarola forse possa aver ideato la porta.

Largo Martiri delle Foibe

largo martiri delle foibe istriane presso porta faul viterbo info e foto anna zelli

Largo Martiri delle Foibe

Largo Martiri delle Foibe Istriane, Viterbo, si trova subito dopo la porta Faul, è dedicata ai caduti uccisi nelle foibe istriane.

Monumento memoria caduti Foibe,Carlo Celestini, sacrificato alle Foibe, presso Porta Faul,Viterbo, si trova subito fuori porta Faul, lato strada Bagni.

Porta di Valle

porta di valle a valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

porta di Valle o d'Eulali

Porta di Valle, valle Faul, passaggio pedonale, a sinistra si trova la torre della Bella Galiana, sulla destra di porta di Valle c’è un abside che altro non è quanto rimane della distrutta Chiesa della Palomba. Questa porta si trova al di sotto della omonima  Torre, ha conservato intatta la sua forma primitiva, la porta non è visibile dalla strada in quanto una casa privata ne ostruisce completamente la vista. Sulla cuspide sono visibili gli stemmi della famiglia romana dei Papareschi. Secondo lo storico Tuccia l’anno della sua apertura risale al 1255

Porta e Torre Bove o Bonaventura

porta e torre bove viterbo centro info e foto anna zelli

Porta e Torre Bove o Bonaventura

Porta Bove o Bonaventura, Viterbo, la porta Bove è detta anche porta Bonaventura, si tratta di una antichissima porta che fu chiusa per lungo tempo, e proprio questa condizione le ha permesso di conservare il suo aspetto originario. La porta Bove deve il suo nome al podestà Bovo Odonis romano, risale al 1215, è una sorta di porta-torre e infatti si trova sotto l'omonima torre e non è visibile dalla strada in quanto è stata costruita una casa che la ostruisce completamente alla vista. Unico particolare visibile è la caratteristica cuspide sulla quale sono scolpiti gli stemmi della famiglia romana dei Papareschi. Lo storico Della Tuccia riporta il 1255 come anno della sua apertura. La porta di Bove ha una base quadrangolare, vi sono inserite due epigrafi, quella esterna ricorda alcuni rifacimenti ordinati dal podestà Bonaventura Papareschi di Roma nel 1255, i cui stemmi sono visibili in alto, l’altra epigrafe posta all’interno ricorda il restauro delle mura fatto dal podestà Rinaldo di Brumfort nel 1290. Nella seconda metà del Quattrocento, davanti a porta Bove venne edificata una torre semicilindrica che oggi fa corpo unico con una piccola casa che vi è addossata e che ne chiude l’ingresso. Nello spazio compreso tra questa porta e il varco che collega il centro storico con il quartiere Pilastro vi era una porta chiamata Porticella o Quadrata, sembra che avesse in rilievo le quattro lettere “FAVL” in bronzo, ma venne abbattuta nel 1582 con la motivazione che impediva l’uscita dei venti malevoli e i miasmi che si creavano durante le frequenti pestilenze.

Porta San Lorenzo

porta san lorenzo o del bacarozzo murata viterbo centro storico

Porta San Lorenzo

Porta San Lorenzo, o del Bacarozzo valle Faul, Viterbo, era nei pressi del ponte del Paradosso, qui c’era una antica strada attraverso la quale si poteva raggiungere il colle San Lorenzo o del Duomo, la porta  era a protezione del quartiere di Piano Scarano, venne chiusa nel XIII secolo quando poi fu aperta la porta del Carmine. Di questa porta rimangono solo alcune tracce

Torre del Bacarozzo

torre del bacarozzo viterbo tra pianoscarano e valle faul info annazelli

Torre del Bacarozzo

Torre del Bacarozzo, valle Faul, Viterbo, salendo per via Sant’Antonio, dove un tempo c’era la chiesa di Santo Stefano in valle di cui si hanno solo pochi resti, di fronte,vi è della terra incolta e una cinta muraria  qui si apriva la Porta San Lorenzo una delle poche dotata di ponte levatoio, chiusa e non accessibile sopra la quale spiccano i resti della torre del Bacarozzo. Rientrati Porta di Valle, si sale a destra per Via S. Antonio. Sulla sinistra s’incontra un caseggiato addossato al costone occidentale del colle del Duomo; sul fianco di un edificio sono visibili modeste tracce architettoniche della duecentesca chiesa di S. Stefano in Valle (alcune monofore e un oculo), nei pressi della quale sorgeva un ospedale amministrato dalla confraternita di S. Leonardo che, istituita nel 1144, è il sodalizio laico più antico d’Italia. Sul lato opposto della strada, oltre un’ampia striscia di terra incolta, corre la cinta muraria sulla quale spiccano i resti della Torre del Bacarozzo e l’antica Porta di S. Lorenzo (non accessibile), una delle poche che nel Medioevo era dotata di ponte levatoio.Vedi: Torre del Bacarozzo

Torre e Porta di Valle

porta di valle a valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Torre e Porta di Valle

Torre e Porta di Valle o d’Eulali, Viterbo, è quasi adiacente a quella di Faul che la sostituì. La porta che anticamente era denominata porta d' Eulali perse di importanza e venne quindi chiusa, è stata riaperta nel 1990. Di fianco alla porta è ancora visibile l'abside dell'ex abbazia della Palomba. Questa antica porta risale al XII secolo, fu riaperta solo nel 1974, aveva un’alta torre inserita a difesa al cui fianco sporge l’abside della chiesa di Santa Maria della Palomba, questa porta venne chiusa nel 1459 e fu più volte danneggiata dalle piene del vicino torrente Urcionio. Poi venne definitivamente abbandonata e murata nel 1568 quando al suo posto fu edificata la vicina porta Faul. A sinistra si nota un’alta torre fatta erigere dal podestà Corrado di Branca nel 1296, con i proventi delle tasse del porto di Montalto di Castro, è detta Torre della Bella Galiana. La tradizione popolare vuole che qui sia stata uccisa la nobildonna viterbese.

Torre Bella Galiana o del Branca

torre della bella galliana o del branca valle faul info e foto anna zelli

Torre Bella Galliana o Branca

Torre della Bella Galliana, o del Branca a valle Faul Viterbo, del 1295, è posizionata nella parte a Sud della città, vicina alla Porta di Valle, insieme alle alte torri ancora esistenti regala alla città di Viterbo un panorama ancora dall’aspetto medievale. La Torre viene chiamata anche del Branca e venne costruita dal Corrado di Branca Podestà di Viterbo nel 1295. Egli la edificò con i proventi doganali del porto di Montalto tributaria di Viterbo. Alla Torre è legata la Storia della bella Galliana narrata da Lanzillotto cronista viterbese del XIII sec., secondo cui a Viterbo viveva una bellissima ragazza chiamata Galliana la bella. Data la sua bellezza, i giovani venivano da diversi paesi per poterla ammirare. Un giorno Giovanni di Vico, discendente di una famiglia prefettizia di Roma venne nella Tuscia e la vide uscire dalla chiesa di San Silvestro e lei non lo degnò neanche di uno sguardo. Così Giovanni tento di rapire la giovane in una notte ma un fulmine colpì una campana, i cittadini accorsero e impedirono al giovane di rapire la bella fanciulla. Passò del tempo e Giovanni radunò un esercito e assediò Viterbo chiedendo la giovane in sposa, il popolo si rifiutò e combatté ferocemente fino a ferire Giovanni. Egli promise a quel punto di ritirarsi  a patto che gli mostrassero Galliana. Il giorno successivo Galliana si affacciò da una finestra della Torre, così venne colpita da una freccia dei soldati di Giovanni e morì. La reazione dei viterbesi fu durissima e anche Giovanni morì in quello scontro. Così la  Torre prese il nome della Bella Galliana.  La Torre a pianta quadrata, si presenta in buono stato di conservazione, al centro della torre è possibile vedere la finestra da cui si narra che si affacciò la bella Galliana. Sulla sommità della Torre vi è una pietra rettangolare con a sinistra un martello, al centro due bande ondate e a destra le chiavi papali. Nel mezzo della facciata vi è, in una cornice quadrata, una apertura rotonda che forse conteneva una iscrizione o un bassorilievo.  Subito sotto troviamo l’epigrafe con la scritta in gotico antico: in nomine domini amen. In nomine Domini amen anno Dni MCC. nonagesimo VI nobilis vir dominus Conradi de Branca civis  eugubinus, potestà  civitatis viterbii felici suo regimine civitatis deoratus honore, hanc turrim fecit edificari de redditu centum cinquaginta librarum papalinorum , que castrum monti alti provenientem a parte portus pertinente ad comune viterbii tenetur eidem communi solvere annuatim Deo gratias . (Nel nome del Signore. Amen. Nell’anno del Signore 1296 il nobile uomo Corrado del Branca, cittadino di Gubbio, podestà della città di Viterbo onorato per il suo felice governo, fece edificare questa torre con il provento  di 150 libbre paparine, che il castello di Montalto, la terza parte del porto spetta al Comune di Viterbo, è tenuto a pagare annualmente al medesimo Comune. Rendiamo grazie a Dio) . Risale al 1186 la prima cessione ai viterbesi del terzo del porto di Montalto. Il cronista viterbese Niccolò della Tuccia (sec. XV) fa risalire all’anno 1174 la visione della Bella Galliana.  La Torre è stata restaurata nel 1979 in seguito al crollo dell’arco dovuto al terremoto. Durante i restauri del 1979 dalla Ditta Antonio Ciorba venne rinvenuta l’epigrafe nelle vicinanze poi murata sulla facciata. Sempre durante questi restauri è stata ritrovata una freccia infilata fra i sassi della torre.

Torre della Bella Galiana, o del Branca, valle Faul, Viterbo,  accanto ci sono  i resti di una antica chiesa chiamata Chiesa della Palomba.  La torre venne edificata nel 1295 per volere di Orazio di Corrado Branca  che impiegò nell’esecuzione dell’opera somme del Comune di Montalto pari ad un terzo delle entrate doganali di allora del porto

La leggenda della bella Galiana, avvenne poi che la bella Galiana venisse chiesta in sposa da giovani e nobili provenienti dalle città vicine, ma lei fidanzata con un giovane contadino chiamato Marco, respingeva ogni proposta, anche se avanzata da nobili. Si narra che un giorno Giovanni di Vico, discendente di una potente famiglia prefettizia di Roma, venne nella cittadina della Tuscia appositamente per ammirare la stupenda ventenne viterbese di cui non si fa che lodare in ogni dove l'incomparabile bellezza. Il nobile vide la fanciulla uscire con un'amica uscire dalla chiesa di San Silvestro e, avvicinatosi, le fece un inchino, ma Galiana neppure lo degnò d'uno sguardo. Nei giorni successivi, Giovanni compì ogni tentativo per avvicinare Galiana, parlarle, dichiararle il proprio amore, con l'unico risultato di sentirsi riferire che la ragazza non gradiva la sua corte e lo pregava di desistere dalle sue insistenze. Ferito nell'orgoglio da questo rifiuto, Giovanni stabilì di rapire la ragazza. Così, in una notte particolarmente buia, Giovanni  si arrischiò ad arrampicarsi con una fune fino alla finestra della camera dove dormiva Galiana. Pare che un fulmine colpisse quella notte la campana della torre Monaldesca, che risuonò su tutta la città. I cittadini accorsero e impedirono al nobile romano di portare a termine il suo piano. I priori bandirono Giovanni di Vico da Viterbo, proibendogli il ritorno in città, pena la morte. Passò del tempo e Giovanni, radunato un esercito, marciò contro Viterbo, minacciando di prendere d'assedio la città se Galiana non fosse stata sua sposa. La risposta dei Viterbesi fu un netto e chiaro rifiuto. Allora il nobile mise in atto il suo piano. Cinse d'assedio Viterbo e concentrò i suoi sforzi dalla parte di Valle Faul, che era la più vulnerabile. Ma il popolo in armi seppe respingere ogni assalto, infliggendo gravi perdite alle truppe prefettizie. Si racconta che le donne viterbesi stavano a fianco degli armati sulle mura e che, anzi, proprio ad una di esse toccò la ventura di scagliare la freccia che colpì  Giovanni, ferendolo gravemente. Allora il nobile romano fece sapere ai Viterbesi che se ne sarebbe andato, a patto che gli mostrassero Galiana. Egli si sarebbe accontentato di ammirarla per l'ultima volta, poi avrebbe tolto l'assedio. I priori si rivolsero a Galiana, la quale accettò per amor di patria. Il giorno successivo la ragazza si affacciò da una lunetta nella torre di Porta di Valle, quando una freccia scoccata da un soldato prefettizio la colpì alla gola. È incerto se il soldato scagliasse la freccia per sua iniziativa, o se compì il misfatto per ordine dello stesso Giovanni. La ragazza cadde morta. Molto violenta fu la reazione dei Viterbesi, i quali uscirono dalle mura in armi, guidati da un certo Guerriante, e costrinsero alla fuga le schiere prefettizie. Sembra che anche Giovanni di Vico morisse per le ferite riportate. Era l'anno 1138. Il corpo di Galiana fu tumulato in un sarcofago che era stato tratto, dicono alcuni, dall'antico masso del sacrificio, sul quale venne scolpito il miracolo del leone e della strofa. Il sarcofago fu portato nel portico della chiesa dedicata all'Angelo con la Spada, dove ancora oggi si può ammirare.

Torre Sassovivo

torre sassovivo tra valle faul e via del pilastro centro storico

Torre Sassovivo

Torre Sassovivo nei pressi di porta Faul,  innalzata nel 1297 dai monaci benedettini e, più in alto, con la Porta Bove, è un’imponente porta-torre costruita nella prima metà del XIII secolo.si trova a poca distanza da porta Faul presso la chiesa di Santa Maria in Valverde, poi conosciuta come chiesa dei Giustiziati, che al suo interno ne ricevevano cristiana sepoltura, questa chiesa era officiata dai monaci dell’Abbazia di Sassovivo di Foligno ai quali si deve nel 1297 la torre possente che si eleva sulle mura che seguono, sulla sinistra, l’andamento della collina. Gli stessi monaci in seguito si trasferirono nella poco distante chiesa di Santa Maria della Ginestra posta all’interno della città.Vedi : Torre Sassovivo

Torre Porta Bove

torre porta bove valle faul info foto anna zelli

Torre Porta Bove

Torre e porta Bove, o anche porta Bonaventura,oltre ad essere una porta è anche una torre,  Viterbo, si trova alle spalle del complesso della Chiesa della Santissima Trinità, è inserita all'intero delle mura di Viterbo e dentro il giardino della Chiesa e pertanto non è visitabile, si trova su un piano più alto rispetto al piano stradale. Un tempo questa porta era aperta e consentiva di andare verso la zona del Riello, poi per la perdita di importanza venne chiusa, essendo la strada ridotta ad un viottolo di campagna.  Alcuni storici collocano la costruzione di questa porta al 1215, facendone derivare il nome dal senatore di Roma Bavone, che in quell'anno era il podestà di Viterbo, mentre per il Bussi la torre viene datata al 1255 e fa riferimento alla famiglia Bonaventura che ebbero incarichi di podestà , anche lo storico Orioli sposa la tesi del Bussi, e spiega che il nome BO.VE deriva da Bonaventura.  Mentre per lo Scriattoli, storico del '900, indica il 1215 come la data di costruzione della Torre e giustifica gli stemmi che qui sono presenti dei Papareschi, come coloro che fecero eseguire i lavori di sistemazione e rifinitura della torre stessa. Nel 1215, riferisce lo storico Della Tuccia, che furono anche erette le mura che da porta Bove arrivavano al piano di San Faustino e alla Porticella. All'interno di questa porta, parzialmente interrato, sopra l'arco, vi è una cuspide con scolpiti i nomi dei Papareschi di Roma, e in questo caso del Cardinale Bonaventura che era un discendente di Papa Innocenzo II, e che fu podestà di Viterbo tra il 1255 e il 1256. Vi è anche una lapide in latino che tradotta : "quando fu il 50 e poi il 5 dopo il 1200, il proconsole Bonaventura, nobile dell'Urbe, bella mi fece ed anche più grande, il nome augurale accompagna l'opera, per questo vuole che mi chiami Bonaventura. Colui che mi costruì ed il podestà che mi adornò, possa egli vivere in eterno con la gente che abita Viterbo". Fu come già detto sopra chiamata anche Bove, Bovo, o Bovone, sembra in riferimento ad Oddone di Bovo, un romano, che fu anche lui podestà di Viterbo nel 1215 anno della costruzione della porta, mentre il Bonaventura fu colui che la restaurò, decorandola ed inserendo il suo stemma, quello dei Papareschi, che circondano la lapide. Sopra la torre, in alto, ci sono altri stemmi due per ogni fianco. Vi è anche un'altra lapide inserita nella cinta muraria che tradotta dice . "Nell'anno 1290 il podestà Rinaldo al pari di Ettore, valente soldato che la palatina stirpe dei Brumfort vanta, fece fondare queste mura di Viterbo, costruite nel nome del verbo, altre mura edificare ed altre per uguale ragione riparare. Le sue onorate armi, insegne da Re, sono qui sottoposte agli stemmi del Sommo Pontefice. Dunque, lettore, circondata da salde mura, sono io città di Viterbo. mi accompagna la protezione del Verbo, decisa a seguire le sorti del Papa Niccolò IV. " Prospero fece scrivere questa lapide, e scrisse anche i versi della lapide di Porta Sonsa. Forse era uno che nel 1301. fu uno dei personaggi degli Otto del Popolo della Comunità di Viterbo. Nel 1354, la torre venne occupata dalle milizie vaticane ad opera del viterbese Giovanni Moscio. Nel 1404 i residenti di San Faustino si riunirono per la concessione dei terreni prossimi a Porta Bove ai frati Agostiniani e al Convento della Santissima Trinità. Nel 1457 Giacomo Almadiani e Nofrio edificarono una torricella restaurarono la torre Bove ed edificarono i merli.La porta è chiusa.(anno 2021).

Ex Chiesa S. M. in Valverde

ex chiesa e monastero valverde via bagni info e foto anna zelli

Ex Chiesa  Santa Maria in Valverde

Ex Chiesa e Convento dei frati di Santa Maria in Valverde o dei Giustiziati,via San Paolo, Viterbo, a poca distanza da porta Faul, nel XVI secolo la struttura fu adattata a cimitero dei condannati a morte, per questo è conosciuta come Chiesa dei Giustiziati. Il convento di Santa Maria in Valverde fu fondato intorno alla metà del ‘200 dai Servi di Maria Madre di Cristo, un ordine pauperistico originario di Marsiglia che aveva proprie filiali in mezza Europa, il pauperismo fu un movimento spirituale medioevale, caratteristico degli ordini mendicanti e di altri predicatori cristiani che esaltavano il messaggio religioso e sociale della povertà. I frati erano chiamati anche “mantellati bianchi”,o frati della Pica, perchè i loro mantelli bianchi con le scapolari nere richiamavano la livrea della gazza o pica. Probabilmente i frati della Pica vennero a Viterbo su richiesta di Papa Clemente IV affinché fronteggiassero, con la loro energica azione pastorale, la diffusione dell’eresia dei Catari che, dalla vicina Umbria, stava fortemente contaminando la Tuscia

Strada Bagni valle Faul, Viterbo, si apre subito dopo la porta Faul, sulla destra oggi c’è un’officina, l’edificio è ciò che rimane di un antico convento: il Convento dei Frati di Santa Maria in Valleverde.

Ex Chiesa S. M. delle Ginestre

ex chiesa santa maria della ginestra poi san giovanno decollato viterbo info e foto anna zelli

Ex Chiesa S.M. della Ginestra

Ex Chiesa Santa Maria delle Ginestre,Viterbo, valle Faul, si trova sul lato del colle della Trinità dei Pellegrini, il campanile è a vela, era una antica cella farfense che venne concessa prima ai monaci Benedettini e successivamente ai frati terziari francescani. Oggi la vediamo nelle trasformazioni avvenute dopo i restauri  del XVI secolo, voluti dagli allora amministratori della Confraternita della Misericordia, che reintitolarono la chiesa a San Giovanni Decollato. Questa confraternita si occupava di preparare i condannati a morte e si occupava della loro sepoltura dopo la loro esecuzione. Nel ‘500 qui c’era un lazzaretto, oggi sconsacrata è chiusa al pubblico.vedi : Ex Chiesa S.M. della Ginestra

Ex Chiesa San Giovanni Decollato

ex chiesa san giovanni decollato ex lazzaretto viterbo info e foto anna zelli

Ex Chiesa S. G. Decollato

Ex Chiesa San Giovanni Decollato o ex Chiesa Santa Maria della Ginestra o Lazzaretto, Viterbo, centro storico, è a via San Giovanni Decollato, via del Lazzaretto, vie che mettono in comunicazione valle Faul con il quartiere di San Faustino, la chiesa oggi è sconsacrata  e si trova su una piccola collina di fronte a quello che un tempo era il Mattatoio, ci sono anche un giardino ed una fontana in peperino, in tempi recenti è stata adibita a pizzeria, la pizzeria, e meno male è stata chiusa nel 2015. La via San Giovanni Decollato un tempo era il tracciato di una antica via di origine etrusca che oggi da Porta Faul sale al colle della Trinità. La facciata è estremamente semplice, l’interno è a croce latina e presenta colonne in peperino, sono visibili i resti dei 3 altari, tutti gli arredi oggi sono custoditi nella Chiesa di San Faustino e Giovita, tra questi, tele, calici ed un crocifisso ligneo. All’interno della chiesa sono ancora presenti tre altari, ricordati già nel 1468. Sull’altare maggiore si trovava un quadro con la Decollazione di San Giovanni Battista opera di Anton Angelo Bonifazi. Sull’altare a sinistra era il quadro raffigurante la Madonna sul sepolcro e l’angelo della passione, opera di Ludovico Mazzanti. Sull’altare di destra era un Crocifisso ligneo descritto da Feliciano Bussi sulla sua storia di Viterbo. Tali opere oggi sono conservate nella chiesa dei Santissimi. Faustino e Giovita. La facciata si presenta con un impianto semplice a capanna, un portale centrale e i due portali minori in asse con le cappelle laterali. Un grande finestrone si apre perpendicolare sopra al portale centrale. Sulla sinistra della facciata è posto il campanile a vela: nel 1582 si ha notizia di una campana della Abbazia di S. Martino venduta alla chiesa. In origine il nome di questa chiesa era di Santa Maria della Ginestra e risale al XIII secolo, solo più tardi assumerà il nome di San Giovanni Decollato. La si conosce anche con il nome di Lazzaretto, perché ospitò i malati delle tante epidemie che colpirono la città, come il tifo, il vaiolo, la peste, la spagnola. Questa chiesa ai tempi dell’assedio dell’Imperatore Federico II, nel 1243, insieme al convento controllava tutta la zona di valle Faul, e quindi aveva anche una funzione strategica militare, ed infatti fu l’Imperatore Federico II che realizzò le due piazzole esterne  per posizionarvi le catapulte e con queste colpire Viterbo, che a quel tempo da porta Faul a porta Bove era sprovvista di mura. Questa chiesa era di proprietà dei monaci dell’abbazia di Sassovivo, in provincia di Perugia, i quali la diedero in enfiteusi ai frati francescani.(L'enfitèusi è il diritto reale di godimento su un fondo di proprietà altrui, generalmente agricolo; l’enfiteuta ha la facoltà di godimento pieno sul fondo stesso, ma per contro deve migliorarlo e pagare al proprietario un canone annuo in denaro o in derrate.) Nel 1524 Viterbo viene colpita dalla peste, i malati sono tantissimi, ed allora i Priori decisero di  mandare via i frati e di requisire questa chiesa per adibirla a Lazzaretto. L’epidemia durò 5 anni, ma i frati che erano stati sfrattati furono però cacciati definitivamente forse perché non furono del tutto rispettosi, durante quel periodo,  della regola di San Francesco. Poi nel 1855, ci fu un’altra epidemia a Viterbo, il colera, e la chiesa venne di nuovo adibita a lazzaretto e gestita dal Comune di Viterbo. Successivamente gli ambienti di San Giovanni Decollato, vennero adibiti a magazzino comunale, a sede della banda comunale, a garage dei mezzi della nettezza urbana ed infine a pizzeria. Attualmente è chiusa e non visitabile, come la maggior parte dei siti di interesse turistico e che si trovano nel centro storico di Viterbo, purtroppo e molti di questi sono in condizioni miserrime. (anno 2021). Storia della Chiesa :  Nel 1262 papa Urbano IV confermò al monastero di Farfa il possesso della chiesa di Santa Maria della Ginestra. Nel 1280 la parrocchia di Santa Maria della Ginestra, che si estendeva da porta Bove all’Ospedale di Santo Spirito nella valle di Faul, (dove oggi si vede il rudere della Chiesa di Santa Croce), passò nel 1293, per concessione del vescovo di Viterbo, ai Benedettini del monastero di Sassovivo, a cui fu data la facoltà di costruirvi un convento. La chiesa entrò nella giurisdizione della chiesa di Santa Maria di Valverde, fuori porta Faul, oggi sconsacrata, e nel 2021 i locali adibiti ad attività di gommista.. A partire dal 1450 la chiesa passò ai frati del Terzo ordine Francescano. Un inventario dei beni risalente al 1468 ricorda che all’interno del complesso si trovavano una sacrestia, l’oratorio, una tavola con la Madonna, una statua di gesso, la cucina, il tinello e l’oliario. Subentrarono, nel 1520, al terzo ordine Francescano sino al 1553 i Minori Osservanti, poi fu la volta della Confraternita della Pietà, quindi della Misericordia o di San Giovanni Decollato. Dal 1525, fino al 1527 la chiesa fu ridotta a lazzaretto per lo scoppio della peste nel 1524. Nel 1530 furono allontanati i frati francescani perché, secondo il Signorelli, “malviventi viene richiesta da altri frati e si fanno voti che ve se ne pongano beneviventi senza però cedere loro la chiesa”. Nel 1542 erano responsabili della chiesa due rettori laici. Nel 1549 la Confraternita della Pietà si unì a quella della Misericordia: le due confraternite sono ricordate nella chiesa ancora nel 1553. Dal 1613 quella della Misericordia assunse il nome di Confraternita di San Giovanni Decollato, che ben presto impose anche alla chiesa il nome del proprio patrono. Papa Paolo V, il 21 Luglio 1611, concesse alla Confraternita, il privilegio di liberare ogni anno un condannato a morte nella ricorrenza di San Giovanni Decollato, facoltà che fu esercitata fino al 1643. Nel 1612 viene citata, tra i beni della chiesa, una piccola effige raffigurante la Decollazione di San Giovanni Decollato e una immagine “antiqua”. Nel 1855, a causa di un epidemia di colera il Comune riutilizza la chiesa a Lazzaretto Nel 1875 la chiesa passò di proprietà allo Stato Italiano, e da allora venne abbandonata. Ai primi del ‘900 il parroco della chiesa dei Santissimi Faustino e Giovita, don Oreste Guerrini, salvò vari oggetti in essa conservati. Successivamente fu destinato a magazzino comunale, poi a sede della Banda musicale di Viterbo e, tra il 1970 e il 1980 divenne garage della nettezza urbana del Comune. Sul finire degli anni ‘80 la Cooperativa Centro Arte e Restauro “Andrea Scriattoli” stipulò un contratto col Comune, in cui era previsto il completo restauro dell’edificio in cambio della concessione in affitto dell’intero complesso. Successivamente la chiesa fu trasformata nel Ristorante Pizzeria il Lazzaretto che nel novembre 2015 cessa l’attività.

Ex Chiesa Santo Stefano in Valle

ex chiesa santo stefano in valle scomparsa viterbo via sant'antonio

Ex Chiesa Santo Stefano in Valle

Chiesa di Santo Stefano in Valle, e gli antichi Ospedali, via Sant’Antonio, nei pressi di Valle Faul, Viterbo, di questo antico edificio sono visibili solo modeste tracce architettoniche della duecentesca alcune monofore ed un oculo. Presso questa antica chiesa che si trovava nei pressi di Valle Faul all’inizio della via Sant’Antonio via che sale verso il colle del Duomo e verso Piano scarano, furono istituiti tra il 1144 e il 1636 l’Ospedale Franco e l’Ospedale di San Lorenzo. E’ in questa piccola chiesa che sorse all’inizio un piccolo ospizio dedicato solo alla cura degli associati, poi successivamente quando la comunità ebbe una espansione maggiore venne istituito l’Ospedale Franco che potesse accogliere oltre agli associati anche le persone povere e bisognose di cure, infatti nel 1160 comperarono una casa e la adattarono ad ospedale, lo chiamarono ospedale di Santo Stefano in Valle derivandolo dalla attigua chiesa. Coloro che facevano parte di questa confraternita erano chiamati Oblati, in quanto la loro sussistenza derivava dalle elemosine e dai lasciti. Gli Oblati erano dei Monaci laici e molte persone donarono i loro beni all’ospedale, oppure si rifugiarono in questo luogo per periodi di meditazione e penitenza. Ci fu poi a Viterbo un lungo periodo di lotte intestine tra i Gatti e i Cocco, tantè che di questo ospedale abbandonato da tutti se ne perde la traccia, e nel 1235 è già di proprietà della Curia. Pertanto l’Ospedale Franco divenne Ospedale di San Leonardo, ma poi sempre per via delle lotte tra i guelfi e i ghibellini anche questo ospedale cadde in rovina e dal XV secolo se ne perde la memoria. L’ospedale era diventato un covo di ghibellini ed oltretutto era situato in un luogo malsano, isolato, soprattutto perchè la città si stava formando in un punto più salubre sulle alture del colle San Lorenzo. Naturalmente insieme all’Ospedale San Leonardo decadde anche l’importanza della chiesa di  Santo Stefano in Valle, I Canonici della Cattedrale di San Lorenzo non volendosi più occupare di questa proprietà ormai fatiscente la donarono  alla Confraternita di San Leonardo a patto che il cappellano fosse uno dei Canonici di San Lorenzo. La confraternita di San Leonardo si occupava della cura dei carcerati. Questa fu la chiesa che ospitò la prima confraternita di Viterbo e i primi due Ospedali. La chiesa infatti cambiò il nome in Santo Stefano dei Carcerati. Nel 1636 la Confraternità si trasferì a via Nuova, oggi via Cavour, accanto alle carceri, e poco dopo la chiesa in valle venne chiusa al culto. La Confraternita di San leonardo aveva il dovere di prendersi cura di tutti i carcerati della città, specialmente di quelli poveri, di somministrare loro giornalmente il vitto, di sollecitare i processi e di impedire che i carcerati chiusi nelle segrete non vi rimanessero oltre i 3 o 5 giorni, senza essere esaminati da un giudice, ogni sabato dovevano visitare le carceri insieme al Governatore, al Vescovo, ai Priori del Comune, all’Avvocato dei Poveri  e al Procuratore del Fisco. E oltretutto la congregazione aveva il privilegio speciale di liberare dal carcere ogni venerdi santo un detenuto anche se condannato alla pena capitale a scelta del Vicelegato o Governatore della città, per offrirlo in quello stesso giorno alla Santa Croce. Le carceri andavano da via Cavour a via San Lorenzo, e qui dove oggi c’è il Teatro Caffeina c’era la Chiesa di San Leonardo di cui oggi non se ne ha più traccia. Questa chiesa venne fondata nel 1633  La Confraternita rimase attiva fino al 1842, quando le Carceri passarono a totale carico del Governo.

Ex chiesa Santa Croce in Valle

ex chiesa santa croce in valle valle faul via faul info e foto anna zelli

Ex Chiesa Santa Croce in Valle

Ex Chiesa di Santa Croce in Valle, Valle Faul, Viterbo, sconsacrata, qui un tempo c’era uno dei più antichi ospedali della città. è di fronte alla scultura del Gigante Jhonson,  e attraversando la strada c’è il breve tunnel che porta all’entrata dell’ascensore che da valle Faul Porta a piazza San Lorenzo, purtroppo questa chiesa si trova in totale stato di abbandono (2020), Poggia su una struttura medioevale che un tempo era ricovero per gli orfani, ospedale e cimitero della città. Il secolo scorso fu sede di una fabbrica di fiammiferi e luogo per la raccolta di carta da macero. La chiesa ha anche un campanile di forma triangolare, unico nella città di Viterbo. La chiesa prese il nome della Croce, quando qui si stabilirono i padri Crociferi. Nel 1480 i Crociferi cedettero la chiesa alla Confraternita della Misericordia che aveva come fine assistere e confortare i condannati a morte e dopo l’esecuzione seppellirli. Nel 1531 i Crociferi abbandonarono la chiesa e nel 1539 venne aperto un ospedale chiamato della Misericordia o ospedale Maggiore. Nel 1541 venne concesso un terreno e aperto un cimitero, dedicato alla sepoltura dei degenti morti nell’ospedale. Nel 1545 l’ospedale venne chiuso e nel 1585 venne concesso in uso all’Arte della Seta, divenne poi un magazzino, e poi nel 1785 il Comune concesse il sito ai Fratelli dell’Oratorio di Santa Croce. Alla fine dell’800 divenne un deposito per la conservazione della canapa.  Qui un tempo c’era la Ditta  Ascenzi che fabbricava fiammiferi e poi divenne centro di raccolta per la carta da macero.

Colonna di Ser Monaldo

colonna di ser monaldo viterbo info e foto anna zelli

Colonna di Ser Monaldo

La colonna di ser Monaldo. Viterbo, centro storico la si vede in una aiuola tra la via Santa Maria in Volturno e piazza Martri D’Ungheria. E’ una colonna a forma di prisma, piuttosto grezza, ed ha sul capitello una scritta “Memoriale Dni Monaldi”. Non si sa a quale Ser Monaldo questa colonna si riferisca, c’è una teoria che indica un tale Monaldo dei Monaldeschi della fazione dei Maganzesi che nel 1454 uccise in una congiura Guglielmo Gatti, a seguito di questo delitto, il Rettore del Patrimonio, Paolo di Santa Fede, amico dei Gatti, fece catturare Monaldo,Palamone, Palino e Valentino Tignosi,  congiurati, e fece impiccare Valentino Tignosini e Ser Monaldo Monaldeschi a due ulivi posti all’interno del convento della Chiesa di San Francesco. Mente la salma di Guglielmo Gatti venne sepolta nella tomba di Famiglia nella Basilica di San Francesco. Successivamente, questa colonna venne innalzata come monito a chiunque volesse farsi giustizia da se. Ma nonostante questo assassinio sia ampliamente documentato non sono stati trovati riferimenti che lo colleghino a questa colonna. Si hanno notizie storiche di questa colonna già dalla fine del Quattrocento.  Un tempo sulla sua sommità veniva posto un palio, come premio al vincitore della corsa dei cavalli. Su questa colonna, sono presenti anche due fori, i quali sembra che servissero a legare qui i falliti ed i bari per esporli alla pubblica gogna. Un tempo, nello spazio antistante alla colonna si svolgeva una fiera, durante le feste pasquali, detta fiera dei falliti. Un tempo questa colonna era nei pressi della attuale e diroccata Chiesa di Santa Croce, che si trova a Valle Faul, fu poi collocata all’ex Mattatoio e poi posta nel piccolo giardino che delimita via Santa Maria in Volturno.

Ex Chiesa Santa Maria Maddalena

ex chiesa santa maria maddalena via faul viterbo centro info foto anna zelli

Ex Chiesa Santa Maria Maddalena

Ex Chiesa di Santa Maria Maddalena, Viterbo,si trova a via Faul, è un chiesa sconsacrata e purtroppo in stato di abbandono, si tratta di un piccolo edificio della metà del XII secolo con campanile, oggi privo di campana, resto di una antichissima chiesa costruita dai Benedettini del Monastero sul Monte Amiata. In questa chiesa si riunivano intorno all’anno 1000, la fratellanza dei Bifolchi, Questa associazione di laici, creata in nome di Dio, della Vergine, di santa Maria Maddalena e di san Colocio, aveva per fine il mutuo soccorso ed è una delle più antiche in Italia.Successivamente nel XIV secolo l’edificio passò alla Confraternita dei Disciplinati, i quali nella metà del ‘300 si trasferirono nella Chiesa di Santa Maria dell’Edera alla Quercia (frazione di Viterbo). Giuseppe Signorelli data l’istituzione di questa Confraternita dei Disciplinati al 1196 provenivano da san Lorenzo, e poi presero poi il nome di Confraternita di santa Maria Maddalena,vestivano con il sacco bianco e mozzetta leonata, ovvero una mantella che arrivava fino al petto e disciplina pendente, una sorta di pendente di ferro con manici legato alla cintura con il quale si auto flagellavano, questa confraternita aveva come scopo di convincere alla penitenza le persone traviate. Nel 1577 si aggregò alla Confraternita del Gonfalone di Roma. La facciata della chiesa è assai semplice, ha un rosone tondo e la porta d’ingresso in peperino con scolpito sull’architrave Caste ad Deum adeunto. Nel 1892 i beni della Confraternita di santa Maria Maddalena furono trasferiti alla Congregazione di Carità.La chiesa fu chiusa al culto nel 1927, venne  venduta ed adibita prima a mola ad olio e poi a magazzino di carta straccia; è stata restaurata verso il 1995 oggi è di proprietà privata.

Le Conce dette di Zagarello,via Faul, Viterbo, si tratta di un edificio che si trova accanto alla ex chiesa di Santa Maria Maddalena in disuso da decenni è stato restaurato nel 1999, qui c’era una industria di conceria di pelli che, dal vicino mulino dei Chigi nella Valle di Faul, si riforniva di vallonea da cui si estraeva il tannino

Edicola sacra madonnella su via Faul Viterbo, si trova accanto alla chiesa di Santa Maria Maddalena, a via Faul, Viterbo.

Ex Chiesa della Palomba

ex chiesa santa maria sella palomba porta di valle valle faul viterbo info e foto

E Chiesa Santa Maria della Palomba

Ex Chiesa Santa Maria della Palomba, distrutta, valle Faul, Viterbo ne rimane solo un abside alla destra della porta di Valle. Non si sa di preciso la data di edificazione di questa chiesa, per il Pinzi esisteva già nell’anno Mille, mentre Scriattoli  la colloca nel XIII secolo e ci dice che fu menzionata per la prima volta nel 1236. In origine qui c’era la sede delle monache cistercensi che vi rimasero fino al 1502. Rimasto libero il complesso venne ceduto  nel 1503 da Papa Giulio II ai Gesuiti, la congregazione fu fondata nella metà del ‘300 dal Beato Giovanni Colombini e soppressa nel 1688 da Papa Giovanni XI in Abbazia. Durante la rivoluzione Francese venne trasformata in magazzino e caserma dalle truppe di occupazione. Poi nonostante il ritorno dello Stato Pontificio la chiesa cadde in stato di abbandono. Ed ancora oggi non ha avuto un restauro serio.

Complesso Etrusco Poggio Giudio

complesso sepolcrale etrusco di poggio giudio viterbo

Complesso sepolcrale
etrusco Poggio Giudio

Complesso Sepolcrale etrusco di Poggio Giudio, strada Bagni, Viterbo cosi chiamata perché questa zona era riservata alla sepoltura degli ebrei.

Gigante Johnson valle Faul

scultura gigante johnson valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Gigante Johnson Valle Faul

Scultura del Gigante Jhonson, valle Faul Viterbo, è una installazione in alluminio composta di 5 giganteschi pezzi che rappresentano una figura al suo risveglio. Questa scultura è stata realizzata nel 1989  dallo statunitense Johnson Seward ed è chiamata risveglio, fu messa in occasione dei 20 anni dalla caduta di Berlino all’Eur a Roma, poi fu trasferita a Siracusa durante il G8 e poi a Viterbo. Di questa identica scultura vi sono due fusioni, una è nel Maryland, e l’altra del 2009 è a Chesterfield nel Missouri.

Tunnel ascensore San Lorenzo

tunnel ascensore san lorenzo viterbo info e foto anna zelli

Tunnel ascensore San Lorenzo

Tunnel ascensore di accesso a piazza San Lorenzo, Valle Faul, vi si accede da porta Faul,,si trova  in fondo al parcheggio,  all'altezza della ex Chiesa di Santa Croce in Valle e della statua del Gigante Jhonson, guardando in alto sul lato destro ci ono  il complesso Papale e dell'Ospedale Grande degli Infermi, l di sotto, si vede ilil tunnel, in fondo al quale c'è l'ascensore, gratuito, che in meno di un minuto porta alla piazza San Lorenzo, al Palazzo e alla loggia dei Papi.

Ascensore piazza Martiri Ungheria

ascensore a valle faul che porta a piazza martiri d'ungeria viterbo info foto anna zelli

Ascensore piazza Martiri Ungheria

Ascensore accesso a piazza Martiri d'Ungheria Valle, qui c'è un ascensore che porta alla piazza, una sorta di colonna quadrata in ferro. è sulla stessa direttrice del tunnel sotto palazzo dei Papi, ma sul lato opposto.

Ponte Tremoli

ponte tremoli scomparso era nei pressi ex chiesa santa maria della peste centro storico viterbo info e foto anna zelli

Ponte Tremoli

Ponte Tremoli, Largo Croce, Viterbo,  a sinistra del largo vi è una discesa con due spallette in peperino, è quanto rimane dell’antico ponte Tremoli che risaliva al XIII secolo, fu interrato nel 1937, insieme al torrente Urciorno, collegava la zona della Trinità dei Pellegrini a valle Faul.

Fontana ex Matttoio

fontana ex mattatoio a valle faul viterbo info e foto anna zelli

Valle Faul

Fontana ex Mattatoio a Valle Faul, Viterbo centro storico, è una vasca quadrangolare, in peperino, addossata al muro dell'ex mattatoio, non eroga acqua, ci sono due bocchette tonde dalle quali fuoriusciva l'acqia, al centro vi è uno stemma.

Fontana moderna

moderna fontana a valle faul viterbo info e foto anna zelli

Valle Faul

Moderna fontana Valle Faul, Viterbo, si trova al centro della valle, vi sono vari bocchettoti posti a terra che creano un gioco di zampillo d'acqua verso l'alto.

 

Da vedere nei dintorni di Valle Faul Viterbo centro storico

Palazzo Papale vedi Palazzo Papale o dei Papi - Ex Ospedale Grande Infermi vedi Ospedale Infermi dismesso - Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini vedi Chiesa Santissima Trinità - Terme di Viterbo vedi Terme di Viterbo - Terme dei Papi - Colle della Trinità : Colle della Trinità - Colle San Lorenzo :Colle San Lorenzo - Complesso sepolcrale  etrusco Poggio Giudio.

Mappa Valle Faul  dintorni Viterbo centro storico

mappa valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Mappa Valle Faul, Mappe Viterbo centro, Viterbo centro storico, informazioni turistiche e fotografie a cura Anna Zelli

Colle San Lorenzo veduta del Palazzo Papale da Valle Faul Viterbo centro storico

colle san lorenzo veduta da valle faul viterbo info e foto anna zelli

colle San Lorenzo veduta del palazzo Papale da valle Faul Viterbo info e foto anna zelli

Colle della Trinità Viterbo centro storico

colle della trinità viterbo centro storico info e foto anna zelli

Colle della Trinità, veduta da valle Faul Viterbo info e foto anna zelli

Scultura Gigante Johson Valle Faul Viterbo centro storico

scultura gigante johnson valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Scultura Gigante Johson Valle Faul Viterbo centro storico info  e foto Anna Zelli

scultura gigante johnson valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli

Scultura Gigante Johson Valle Faul Viterbo centro storico info  e foto Anna Zelli

dettaglio scultura gigante johnson valle faul viterbo info e foto anna zelli

Scultura Gigante Johson Valle Faul Viterbo centro storico info  e foto Anna Zelli

Parcheggio Valle Faul Viterbo centro storico

parcheggio a valle faul viterbo info e foto anna zelli

 Parcheggio Valle Faul, Viterbo centro storico info foto Anna Zelli

Tunnel lato destro valle Faul da pota Faul in fondo ascensore per piazza San Lorenzo Viterbo centro storico

tunnel ascensore san lorenzo viterbo info e foto anna zelli

Tunnel e ascensore da Valle Faul a piazza San Lorenzo Viterbo centro storico info e foto Anna Zelli

Ascensore che da Valle Faul porta a piazza Martiri d'Ungheria Viterbo centro storico

ascensore a valle faul che porta a piazza martiri d'ungeria viterbo info foto anna zelli

Ascensore a Valle Faul Viterbo centro storico informazioni turistiche e foto a cura di Anna Zelli

Fontana all'ex Mattatoio a Valle Faul Viterbo centro storico

fontana ex mattatoio a valle faul viterbo info e foto anna zelli

Fontana all'ex Mattatoio a Valle Faul Viterbo centro storico, informazioni e foto Anna Zelli

Fontana a Valle Faul di recente costruzione

moderna fontana a valle faul viterbo info e foto anna zelli

Fontana di recente costruzione a Valle Faul Viterbo centro storico, informazioni e foto Anna Zelli

Ex Gazometro a Valle Faul Viterbo centro storico

ex gazometro a valle faul info foto anna zelli

Valle Faul Viterbo centro storico, informazioni e foto Anna Zelli

Ex Mattatoio a Valle Faul ora adibito a centro culturale (anno 2020)

ex mattatoio valle faul viterbo info e foto anna zelli

Valle Faul Viterbo centro storico, informazioni e foto Anna Zelli

Vie di accesso a Valle Faul Viterbo centro storico

via faul info e foto anna zelli via el alamein viterbo centro storico info e foto anna zelli largo cavalieri costantiniani viterbo foto info anna zelli

Via Faul

Via El Alamein Largo Cavalieri Costantiniani
via sant'antonio viterbo centro storico foto anna zelli viterbo via san clemente foto anna zelli via san giovanni decolato viterbo centro info e foto anna zelli

via Sant'Antonio

Via San Clemente

 Via San Giovanni Decollato

via san paolo viterbo pressi porta faul info foto anna zelli viterbo strada bagni info e foto anna zelli piazzale martiri d'ungheria viterbo info e foto anna zelli
Via San Paolo Strada  Bagni Piazza Martiri D'Ungheria
via di valle piatta viterbo centro storico via del ganfione viterbo informazioni turistiche e foto anna zelli via ser monaldo viterbo centro storico info e foto anna zelli
Via Valle Piatta Via del Ganfione (dintorni)

via Ser Monaldo

largo martiri delle foibe istriane presso porta faul viterbo info e foto anna zelli via di paradosso pianoscarano centro storico info e foto anna zelli via ascenzi viterbo info e foto anna zelli
Largo Martiri Foibe Via di Paradosso

Via Ascenzi (dintorni)

Da vedere a Valle Faul Viterbo centro storico informazioni e foto

valle faul viterbo centro storico cinta murarioa da porta faul a porta del carmine via san paolo viterbo centro storico porta faul lato strada bagni info foto anna zelli
Valle Faul Mura Valle Faul - via San Paolo porta Faul o Farnesiana
stemmi a porta faul viterbo info foto anna zelli porta di valle a valle faul viterbo centro storico info e foto anna zelli porta e torre bove viterbo centro info e foto anna zelli
Stemmi e lapide porta Faul Porta di Valle Porta Bove o Bonaventura
porta san lorenzo o del bacarozzo murata viterbo centro storico torre del bacarozzo viterbo tra pianoscarano e valle faul info annazelli porta di valle viterbo valle faul info e foto anna zelli

Porta San Lorenzo o Bacarozzo

Torre del Bacarozzo

Torre e Porta di Valle
torre sassovivo tra valle faul e via del pilastro centro storico torre della bella galliana o del branca valle faul info e foto anna zelli torre porta bove valle faul viterbo informazioni foto anna zelli

Torre Sassovivo

Torre Bella Galliana o Branca

Torre Bove o Bonaventura

ex chiesa e monastero valverde via bagni info e foto anna zelli via san paolo viterbo pressi porta faul info foto anna zelli ex chiesa santa maria della ginestra poi san giovanno decollato viterbo info e foto anna zelli

Ex Chiesa Valverde

Via San Paolo

Ex Chiesa S.M. della Ginestra

veduta da valle faul ex chiesa san giovanni decollato viterbo info e foto ex chiesa santa croce in valle faul viterbo info e foto 5 colonna di ser monaldo viterbo info e foto anna zelli
ex chiesa San Giovanni Decollato Ex Chiesa Santa Croce Valle Colonna di Ser Monaldo
ex chiesa santa maria maddalena via faul viterbo centro info foto anna zelli edicola sacra a via Faul viterbo info e foto anna zelli ex chiesa santa maria sella palomba porta di valle valle faul viterbo info e foto
Ex Chiesa S. M. Maddalena Edicola sacra via Faul

Ex Chiesa S. M. Palomba

complesso sepolcrale etrusco di poggio giudio viterbo scultura gigante johnson valle faul viterb centro storico info e foto anna zelli
Cinta Muraria via San Paolo Complesso  Etrusco Poggio Giudio Scultura del Gigante Jhonson
viterbo terme informazioni turistiche e foto www.annazelli.com largo martiri delle foibe istriane presso porta faul viterbo info e foto anna zelli parcheggio a valle faul viterbo info e foto anna zelli

Terme di Viterbo

Largo Martiri Foibe Istriane Parcheggio Valle Faul
tunnel ascensore san lorenzo viterbo info e foto anna zelli ascensore a valle faul che porta a piazza martiri d'ungeria viterbo info foto anna zelli ponte tremoli scomparso era nei pressi ex chiesa santa maria della peste centro storico viterbo info e foto anna zelli
Tunnel ascensore S,Lorenzo Ascensore  Martiri d'Ungheria

Ponte Tremoli

fontana ex mattatoio a valle faul viterbo info e foto anna zelli fontana moderna a valle faul viterbo informazioni e foto anna zelli ex mattatoio valle faul viterbo info e foto anna zelli
Fontana ex Mattatoio a Valle Faul moderna  fontana valle Faul Ex Mattatoio valle Faul

Da vedere nei dintorni di Valle Faul

palazzo dei papi sede vescovile piazza san lorenzo viterbo foto anna zelli chiesa santa maria della cella viterbo via san clemente informazioni e fotograzie anna zelli

Palazzo Papale o dei Papi

Ospedale Infermi dismesso

Ex Chiesa S. Maria della Cella

chiesa della santissima trinità piazza della trinità viterbo info e foto anna zelli colle della trinità viterbo centro storico info e foto anna zelli colle san lorenzo viterbo foto anna zelli

Chiesa Santissima Trinità

Colle della Trinità

Colle San Lorenzo

Torna Valle Faul  Viterbo centro storico

valle faul viterbo veduta dalla loggia dei papi piazza san lorenzo foto info anna zelli

Valle Faul,Viterbo, informazioni turistiche e fotografie a cura di Anna Zelli

Vedi Piazze di Viterbo - Vie di Viterbo centro storico

vterbo piazze di viterbo centro storico vie di viterbo centro storico

Piazze di Viterbo centro - Vie di Viterbo centro informazioni storiche e turistiche foto a cura di Anna Zelli

Viterbo centro storico - Viterbo dintorni

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE Viterbo dintorni luoghi da vedere
Viterbo informazioni Turistiche Viterbo dintorni

Viterbo guida centro storico - Viterbo dintorni info e foto a cura di Anna Zelli

Contattaci per prenotare un B&B a Viterbo centro
Camera B&B Anna Zelli a Viterbo in via San Lorenzo
un mini appartamento per 2 persone centro storico Viterbo
info e prenotare chiama 3273335577 (anche whatsapp)

VITERBO CAMERA B&B ANNA ZELLI VIA SAN LORENZO BIGLIETTO VISITA CAMERA BED AND BREAKFAST ANNA ZELLI A VITERBO CENTRO STORICO
 
VITERBO BED AND BREAKFAST B&B CAMERE DORMIRE VITERBO CENTRO STORICO foto camera b&b anna zelli via san lorenzo 67 viterbo centro storico www.annazelli.com
viterbo bed and breakfast via san lorenzo camera bed & breakfast viterbo centro anna zelli prezzi bassi

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro - via San Lorenzo
appartamento 35 mq
tra piazza del Gesù e piazza della Morte
a due passi a piedi da piazza San Lorenzo e Palazzo dei Papi
autoriz. Comune di Viterbo prot.n.0060028 del 18-07-2018.

Contatti B&B : Chiama o Manda una Mail
 Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro

 camera b&b anna zelli viterbo centro storico telefonocamera b&b anna zelli viterbo centro storico bed and breakfast e mail

manda una mail zellianna@hotmail.com

cellulari (39) 3273335577 - 3478532522
(puoi contattarmi anche via whatsApp)

 Viterbo informazioni turistiche e fotografie

viterbo guida informazioni turistiche fotografie a cura anna zelli

Informazioni Turistiche città di Viterbo
a cura di Anna Zelli : arte cultura novità idee

Viterbo

monumenti di Viterbo centro storico

 

   Città di Viterbo

Tutte le Foto e i contenuti sono di proprietà di Anna Zelli ne è vietata la riproduzione anche parziale

Copyright www.annazelli.com dal 2011

Tutte le foto ed i contenuti del presente sito web sono di Anna Zelli,sono di
mia esclusiva proprietà, ed è quindi vietata ogni riproduzione e copia anche
parziale: del sito di singole pagine e delle immagini,è altresì vietato mettere
link e foto su: web - social - portali senza il mio espresso, palese, e scritto
consenso
. Ogni abuso sarà  perseguito legalmente. Grazie per l'attenzione.

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico
Via S. Lorenzo tra piazza del Gesù e piazza della Morte

  bed & breakfast viterbo centro storico via san lorenzo camera beb anna zelli viterbo

B&B Viterbo centro

   Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico

Idee e Creatività : Arte Cultura Novità Idee
Arte e Pittura - pietre dure vere - Maglia - Benessere

anna zelli, pittrice, arte e pittura. www.annazelli.com collana bracciale orecchini vere pietre dure creazioni artigianali anna zelli
lavori a maglia di lana e cotone fatti a mano con i ferri www.annazelli.com erboristeria naturopatia mappa argomenti fitoterapia www.annazelli.com

quadri e pittura - collane bracciali orecchini pietre dure
golf sciarpe lana e cotone - erboristeria nozioni

torna Guida di Viterbo

Viterbo

Viterbo guida centro storico

torna Home Page

ANNA ZELLI www.annazelli.com

www.annazelli.com

pagina aggiornata Luglio 2021