Via Aurelio Saffi, Viterbo, info e foto a cura di Anna Zelli sito ufficiale web www.annazelli.com

via Aurelio Saffi Viterbo

via aurelio saffi via cavour viterbo centro storico

VIA AURELIO SAFFI
VITERBO CENTRO STORICO

     Guida Viterbo centro Viterbo dintorni torna alla Home

 Via Aurelio Saffi Viterbo

via saffi viterbo centro storico informazioni turistiche e foto anna zelli

Via Saffi


Ex Chiesa San Martino
Ex Chiesa San Giacomo
Chiesa di Sant'Ignazio
Ex Chiesa S. Croce Mercanti
San Martino vita opere storia 
Stemmi ex Chiesa S. Martino

Casa profferlo Poscia via Saffi
Stemma Casa Poscia
Palazzo Gentili
Loggia Palazzo Gentili
Cortile fontana palazzo Gentili
Torre Spigaglia Merangolo
Chiese via Saffi
Stemmi via Saffi
Vie da via Saffi
Scalinata via Saffi
Via Fontanella S.Angelo
Vicolo di Sant'Angelo
Via della Pace
via San Cristoforo
Via San Giacomo
Via San Martino
Via del Collegio
Via Cavour
Piazze da via Saffi
Piazza Mario Fani
Piazza delle Erbe
Piazza Fontana Grande
Mappa via Saffi e dintorni

Viterbo Bibliografia

Contatti

 Mappa via Saffi

mappa via saffi e dintorni info e foto

Mappa via Saffi e dintorni

 via Cavour

via cavour viterb centro storico da piazza del plebiscito foto anna zelli

via Cavour

Ex Chiesa San Leonardo
Ex Chiesa San Martino
S.Leonardo vita opere storia
San Martino vita opere storia
Confraternita San Leonardo
Carceri Vecchie S. Leonardo
Teatro Caffeina
Museo Civico di Viterbo
Scalinata via Cavour a Saffi
Casa Poscia via Saffi
Cortile giardino pal. Brugiotti
Cortile fontana palazzo Gentili
Fontana atrio pal. Brugiotti
Fontane cortile p. Brugiotti
Mappa via Cavour e dintorni
Museo della Ceramica
Loggia Palazzo Gentili
Loggia palazzo Spadensi
Scultura Mosè p. Brugiotti
Palazzo Brugiotti
Palazzo Gentili
Palazzo Spadensi
Palazzo Poggi
Palazzo via Cavour 97
Stemma Casa Poscia
Lapide delle Carceri
Stemmi e lapide ex Carceri
Stemma ex chiesa Leonardo
Stemmi e Lapidi ex Carceri
Stemmi ex Chiesa S. Martino
Stemmi palazzo Brugiotti
Stemmi Palazzo Gentili
Stemma palazzo Poggi
Stemmi palazzo Cavour 97
Palazzi a via Cavour
Stemmi via Cavour
Vie da via Cavour
Via Fontanella Sant'Angelo
Via San Lorenzo
Via Romanelli
Via Annio
Via della Pace
Via senza uscita
Via Saffi
Piazze da Via Cavour
Piazza del Plebiscito
Piazza Fontana Grande
 

Mappa via Cavour

mappa via cavour viterbo centro storico info e foto anna zelli

mappa via Cavour e dintorni

via Annio Viterbo

via annio viterbo info e foto anna zelli

via Annio

Palazzo Nini Maidalchini
Stemmi pal. Nini Maidalchini
Palazzo Brugiotti
Cortile giardino pal. Brugiotti
Fontane cortile Brugiotti
Fontana atrio pal. Brugiotti
Scultura Mosè pal. Brugiotti
Stemmi palazzo Brugiotti
Museo della Ceramica
Profferlo palazzo via Annio
Palazzo Spadensi
Loggia pal. Spadensi
Palazzi via Annio
Stemmi via Annio
Vie da via Annio
Via Cavour
Via Cardinal La Fontaine
Via del Fornaccio
Via degli Scalzi
 

Piazza del Plebiscito

viterbo la piazza del plebiscito comune info turistiche e foto www.annazelli.com

Piazza del Plebiscito Viterbo

Archi piazza Plebiscito
Balcone Palazzo Prefettura
Balcone Palazzo Podestà
Balconi piazza Plebiscito
Campana Torre Podestà
Campana S.Angelo.Spatha
Campane piazza Plebiscito
Chiesa S.Angelo Spatha
Cortile Palazzo Priori
Cortili piazza Plebisicito
Edicole Palazzo dei Priori
Edicole palazzo Podestà
Edicola Chiesa S.A.Spatha
Edicole piazza Plebiscito
Fontana palazzo Priori
Fontana Cortile Prefettura
Fontane p. Plebisicito
Giardino palazzo Priori
Lapidi palazzo dei Priori
Lapidi palazzo del Podestà
Lapidi Chiesa S.A. Spatha
Lapidi piazza Plebiscito
Leoni piazza del Plebiscito
Loggia Palazzo Priori
Loggia Palazzo del Podestà 
Macchina Santa Rosa
Orologio Torre Podestà
Palazzo dei Papi
Palazzo dei Priori
Palazzo del Podestà
Palazzo della Prefettura
Palazzi piazza Plebisicito
Panorama Palazzo Priori
Portico Palazzo Priori
Scale piazza del Plebiscito
Scalinate Palazzo Priori
Sepolcro Bella Galliana
Statue piazza del Plebiscito
Stemmi palazzo dei Priori
Stemmi Palazzo Podestà
Stemmi Palazzo Prefettura
Stemmi piazza Plebiscito
Stemmi Chiesa S.A. Spatha
Torre del Podestà Orologio
Strade da piazza Plebiscito
via Ascenzi
Via Cavour
Via Roma
Via Font. S.Angelo Spatha
via San Lorenzo
 

Via San Lorenzo

viterbo via san lorenzo info turistiche e foto

via San Lorenzo

Antica sede Magistratura
Arco lavatoio ponte Lorenzo
Colle San Lorenzo
Chiesa S. Biagio sconsacrata
Chiesa.S.M.Carbonara
Chiesa San'Antonio
Chiese zona via San Lorenzo
Confraternita San Leonardo
Epigrafe pal. via dei Pellegrini
Fontana palaz. Zelli Pazzaglia
Fontana lavat. Ponte Lorenzo
Fontana palazzo del Drago
Fontana Palazzo Seminario
Fontane via San Lorenzo
Lapidi su via San Lorenzo
Loggia Palazzo Farnese
Mura Etrusche resti
Ospedale degli Infermi
Panorama Ponte Lorenzo
Ponte San Lorenzo
Palazzo Battista del Drago
Palazzo Farnese
Palazzo Zelli Pazzaglia
Palazzi via San Lorenzo
Torre del Borgognone
Torre di Vico
Torre Messer Braimando
Torri via San Lorenzo
Scala lavatoio ponte Lorenzo
Scalinata sin.a Ponte Lorenzo
Scalinate via San Lorenzo
Stemma palazzo del Drago
Stemmi Palazzo Farnese
Stemmi Zelli Pazzaglia
Stemmi via San Lorenzo
Piazze da via San Lorenzo
Piazza del Gesù
Piazza del Ginnasio
Piazza della Morte
Piazza del Plebisicito
Piazza San Lorenzo
Vie da via San Lorenzo
Via Cardinal La Fontaine
Via Chigi
Via dei Pellegrini
Via del Ganfione
Via del Ginnasio
Via Fattungheri
Via Romanelli
Via Sant'Antonio
Via Santa Maria Nuova
Via Zazzera
 

Piazza San Lorenzo

piazza san lorenzo viterbo foto anna zelli

 piazza San Lorenzo

Archi Casa V. Pagnotta
Archi esterno Palazzo Papale
Archi a piazza S. Lorenzo
Cattedrale San Lorenzo
Chiesa S. Maria della Cella
Chiese piazza S Lorenzo
Campanile Duomo S.Lorenzo
Campanili piazza S Lorenzo
Colle San Lorenzo
Fontana Cardinale Brancaccio
Fontana loggia dei Papi
Fontana giardino Papi
Fontana Ospedale Grande
Fontana Palazzo Vescovo
Fontana giardino.Vescovo
Fontanelle Cattedrale Lorenzo
Fontane piazza San Lorenzo
Loggia dei Papi
Museo del Colle del Duomo
Mura Etrusche resti
Ospedale Infermi dismesso
Panorama loggia dei Papi
Palazzo dei Papi
Palazzo Marsciano
Palazzo Casa Val. Pagnotta
Palazzo Vescovile
Palazzo Papale o dei Papi
Palazzo Seminario
Palazzi piazza S Lorenzo
Scalinata Duomo S.Lorenzo
Scalinata Loggia dei Papi
Scalinate a piazza S.Lorenzo
Scale Pal.V.della Pagnotta
Scalinate intorno Pal.Papale
Stemmi Lapidi p. S..Lorenzo
Vie da piazza S.Lorenzo
Via San Lorenzo
Via San Clemente
Valle Faul
 

Via Sant'Antonio

via sant'antonio viterbo centro storico foto anna zelli

via Sant'Antonio
 

 Via San Clemente

viterbo via san clemente foto anna zelli

Via San Clemente
 

Valle Faul

valle faul viterbo

valle Faul

 Terme di Viterbo

viterbo terme informazioni turistiche e foto www.annazelli.com

Terme di Viterbo

Terme del Bacucco
Acquae Passeris
Terme del Prato Vecchio
Terme del Bagnaccio
Terme del Naviso
Terme della Colonnella
Terme delle Zitelle
Terme delle Bussete
Terme Piscine Carletti
Terme del Bulicame
Terme del Prato
Terme Santa Maria in Selce
Terme degli Ebrei
Terme degli Almadiani
Terme di Paliano
Terme Masse di San Sisto
Terme dell'Asinello
Terme località Musarna
Terme Villa Calvisiana
Terme Bagni delle Serpi
Acquedotti e sorgenti
Via Cassia
Ex terme INPS
Terme dei Papi
Salus Terme
Oasi Therma

Non sono terme:

Ruzzola D'Orlando
La Lettighetta

 principali Eventi Viterbo

eventi a viterbo informazioni a foto a cura di anna zelli

Eventi a Viterbo

San Pellegrino in Fiore
Caffeina
Film Tuscia Festival
Festa di Santa Rosa
Santa Rosa
Macchina Santa Rosa
Caffeina Christmas Village

Viterbo

VITERBO MAPPA CENTRO STICO PIANTINA

Mappa Viterbo centro

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Contatti

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE

Guida Turistica Viterbo
Mappa Viterbo centro
StemmA di Viterbo
Archi di Viterbo centro
Biblioteche Viterbo centro
Bibliografia Viterbo
Contatti
Cortili di Viterbo centro
Chiese di Viterbo centro
Chiese fuori Viterbo
Campanili di Viterbo centro
Cupole di Viterbo centro
Chiostri di Viterbo centro
Cinema di Viterbo centro
Città dei dintorni Viterbo
Colli di Viterbo centro
Confraternite di Viterbo
Degrado Viterbo
Dintorni Viterbo da vedere
Edicole sacre a Viterbo
Eventi Viterbo e dintorni
Famiglie nobili di Viterbo
Festa Santa Rosa Viterbo
Fiumi Fossi di Viterbo
Fontane lavatoi di Viterbo
Giardini Parchi Orti
Giornali e Media Viterbo
Laghi dintorni Viterbo
Lapidi Viterbo centro
Leggende di Viterbo
Logge di Viterbo centro
Musei di Viterbo centro
Monumenti di Viterbo
Mare e spiagge vicine
Mura Viterbo centro
Nasoni di Viterbo centro
Numeri utili
Ospedali scomparsi
Orologi Viterbo centro
Palazzi di Viterbo centro
Papi eletti a Viterbo
Piazze di Viterbo centro
Porte Storiche di Viterbo
Porte fuori Viterbo
Porte murate e scomparse
Ponti di Viterbo centro
Profferli di Viterbo centro
Panorami di Viterbo centro
Quartieri Viterbo centro
Quartieri Viterbo
Santi vita opere storia
Scuole Università Viterbo
Statue busti e teste
Scalinate Viterbo centro
Stemmi a Viterbo
Storia di Viterbo
Testimonianze Etrusche
Torri di Viterbo centro
Teatri di Viterbo centro
Terme di Viterbo
Vie di Viterbo centro
Viterbo sotterranea
Viterbo e la Tuscia
Viterbo dintorni vedere

 piazze di Viterbo

vterbo piazze di viterbo

Piazze di Viterbo centro

 Vie di Viterbo

vie di viterbo centro storico

Vie di Viterbo centro

Informazioni Roma

A.Z. Arte Cultura Idee Guida Turistica di Roma www.annazelli.com

Itinerari Turistici Roma

Passeggiate Romane

Rioni di Roma

Città del Vaticano

Guida Turistica Roma

Bibliografia Roma

Contatti

Città del Vaticano

Città del Vaticano Guida Turistica

Città del Vaticano

Basilica di San Pietro

Musei Vaticani

Cappella Sistina

Giardini Vaticani

Strade in Vaticano

Borgo e Vaticano

Rione Borgo R. XIV

Informazioni Viterbo

Viterbo

viterbo centro storico

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Viterbo - Roma

Guida Viterbo centro

Guida Turistica Roma

Torna alla Home

A.Z. Anna Zelli Arte Cultura Novità Idee www.annazelli.com

H O M E   P A G E

www.annazelli.com
 

Via Aurelio Saffi, Viterbo centro storico, la via va da piazza Fontana Grande a piazza Mario Fani a piazza delle Erbe, attraverso una scalinata si va a via Cavour, da qui si è a via Saffi, le vie che incrocia  sono : via della Pace, via del Collegio, via della Fontanella Sant'Angelo,via San Martino, via San Giacomo, via San Cristoforo, e il vicolo Sant'Angelo. Arrivati a piazza delle Erbe si è vicini a via Roma e a piazza del Plebiscito e a Corso Italia. Molte sono le cose da ammirare a via Saffi, la Ex Chiesa di San Martino, la casa Poscia con il suo splendido profferlo, la Chiesa di Santa Croce dei Mercanti, la ex chiesa dei SS Giacomo e Martino,la chiesa di Sant'ignazio, la torre che fa angolo con via della Pace, l'imponente palazzo Gentili sede della Provincia di Viterbo.La via Saffi prende il nome da un triumviro della Repubblica Romana, in precedenza si chiamava via del Melangolo, probabilmente per la presenza di un esemplare di questa pianta.Si chiamò anche via del Macel Minore, per la presenza di botteghe di macellai, botteghe che furono chiuse nel 1448. In origine il tratto della via che va da piazza delle Erbe a piazza Mario Fani, si chiamava via Santa Croce dei Mercanti, dal nome della chiesa che ancora oggi, sia pure sconsacrata, si trova su via Saffi.

Via Saffi Viterbo centro storico informazioni turistiche e fotografie

Ex Chiesa di San Giacomo e Martino

chiesa dei santissimi giacomo e martino piazza mario fani via saffi viterbo info e foto anna zelli

Ex Chiesa San Giacomo e Martino

Ex Chiesa dei SS Giacomo e Martino, via Saffi, sembra che in epoca medioevale i Gatti facessero suonare a lungo le campane in caso di pericolo per la città.  E' stata totalmente rifatta e pertanto nulla resta dell'impianto originario. Sembra che la chiesa fosse  già presente nel 1236 o nel 1201, annoverata tra le chiese minori della città. Divenne lo scrigno di oggetti preziosi e nel XV secolo era considerata tra le chiese più ricche di Viterbo, tra questi, vi era un tabernacolo in argento ed una piccola statua in legno dorato. Nel 1569, il titolo della chiesa venne unito al culto di San Martino, diventando la chiesa del SS Giacomo e Martino. Per varie vicissitudine la chiesa oggi è chiusa al culto, ed è sede di eventi culturali.

Chiesa Sant'Ignazio

chiesa di sant'ignazio piazza mario fani viterbo info e foto anna zelli

Chiesa di Sant'Ignazio

Chiesa di Sant'Ignazio, piazza Mario Fani, questa chiera già della Compagnia di Gesù, fu iniziata la sua costruzione nel 1662, sotto il patrocinio della Famiglia Bussi, poi riedificata su disegno di Federici nel 1882. La facciata molto severa ha un bellissimo ingresso di ispirazione rinascimentale, ha in alto, una grande lunetta. L'interno è in uno stile barocco molto sobrio, i pilastri sono ornati da stucchi colorati In alto si ammira la cupola.  Appena entrati, sulla destra c'è il quadro raffigurante Angeli Ascendenti, del quale si ignora l'autore. L'altare maggiore posto tra due ordini di colonne, in alto è decorato dalla scena della Gloria Celeste e l'Apparizione del Cristo con la Croce vi è un elemento marmoreo a ricordo di Papa Leone XIII, a sinistra, un'epigrafe a ricordo della consacrazione della chiesa avvenuta nel 1672 presente il Vescovo Brancaccio. Qui vi è il quadro raffigurante Sant'Ignazio opera di Mazzanti. Sul lato sinistro c'è la Cappella Calabresi, con una Madonna attribuita al  Mazzanti.  Su un lato vi è un dipinto dell'apparizione del Cristo ad un malato sofferente nel suo letto di dolore.In Sacrestia, c'è un prezioso piccolo quadro della crocefissione attribuito allo stesso Michelangelo, lasciato in dono alla chiesa da Paolo Brunamonti affinchè fosse posto sul tabernacolo dell'Altare Maggiore. Lla chiesa di Sant'Ignazio fino alla metà del '900 era il ritrovo della Viterbo bene, che partecipava alla messa domenicale, ma ormai è chiusa al culto da anni. Oggi nel 2020 la chiesa è la sede del Patriarcato Romeno che qui ha la sede della Diocesi d'Italia, ha assunto il nome di Parrocchia Ortodossa Romena di San Callinico di Cernica. Il campanile è visibile da via del Collegio.

Ex Chiesa Santa Croce dei Mercanti

ex chiesa santa croce dei mercanti via saffi viterbo info e foto anna zelli

Ex Chiesa S. Croce Mercanti

Ex Chiesa di Santa Croce dei Mercanti, via Saffi, Viterbo, già esistente nel 1073, venne rifatta da Angelo Tavernini, Tesoriere del Patrimonio, è stata sede della Biblioteca Provinciale Anselmi. Il portale ha un arco tondo elegantemente decorato da elementi geometrici e floreali, con tralci di vite, con una esile colonna a torciglione. In alto vi è una lunetta senza decorazioni. Questo portale dovrebbe risalire al 1371, in quanto è simile a quello di Santa Maria della Salute a via Ascenzi. Sul lato del vicolo, c'è il lato esterno sinistro della chiesa, dove si vedono resti di strutture duecentesche, delle finestre a feritoia, pietre basilari che derivano da un antico ponte etrusco-romano, che ci da l'idea di come doveva essere la preesistente chiesa. Oggi, questa chiesa, sconsacrata è adibita dalla Provincia di Viterbo a sede di eventi culturali  Nel '600 questa chiesa ospitò il Collegio dei Gesuiti. poi nel 1774 con la soppressione di questo ordine fu destinata a sede del Seminario Diocesano. Dopo l'unità d'Italia, ci fu l'esproprio degli immobili ecclesiastici, ma la comunità religiosa si oppose e alla fine nel 1933 questa chiesa venne acquistata dalla Provincia e qui vi sistemò gli uffici della Questura.

Casa Poscia via Saffi Viterbo

casa poscia palazzo e profferlo via saffi viterbo

casa Poscia profferlo

Casa Poscia palazzo e proferlo, via Saffi, Viterbo, ci si arriva dalla scalinata a via Cavour, di fronte al palazzo Brugiotti. La casa prende il nome dalla famiglia Poscia,di origine orvietana,  che fu una delle ultime famiglie illustri che ne ebbe il possesso nei primi dell'ottocento., oggi è una proprietà privata, e nel 2020 è anche in vendita. Ha un magnifico e ben conservato profferlo, il palazzo risale al XIV secolo ed è un tipico esempio dell'architettura viterbese. Il profferlo di origine medioevale e caratteristico dell'antica edilizia viterbese ha una scala esterna con una unica rampa di  gradini, impostata su un semiarco, al di sopra del quale c'è un ballatoio con il parapetto. Lo scopo di questa scala era quello di dare accesso alla casa e nel contempo di ridurre lo spazio sulla via già abbastanza stretta, oltre a questo, aveva anche uno scopo difensivo, nel caso ci fossero state delle indesiderate intrusioni, un modo per difendere la proprietà, infatti la persona era in alto, ed aveva la situazione sotto controllo, ed aveva, inoltre, a sinistra la protezione del muro e con la mano destra poteva liberamente maneggiare un'arma. La parte sottostante all'arco, era costituita da un ambiente di solito utilizzato o come magazzino o come bottega. Se usato per scopi commerciali poteva esporre esternamente la mercanzia ed essere protetto in caso di pioggia. Il profferlo della casa Poscia è realizzato a sbalzo con una decorazione ad intaglio. Probabilmente l'assetto architettonico derivava dalla vicina città di San Martino al Cimino, mentre le decorazioni sono viterbesi. In origine la casa era a due piani, Non si sa chi sia stato il primo proprietario, ad ogni modo nei paraggi c'erano delle proprietà dei Colonna di Roma . Lo stemma è in peperino ma è illeggibile, forse della famiglia dei prefetti di Vico, famiglia odiata dai viterbesi, in quanto si vede un'aquila con otto pani. Secondo lo Scriattoli, la casa appartenne probabilmente a Pietro Paolo Braca, capitano viterbese, molto famoso, guerriero e vicerè del reame di Napoli, onorato nel 1404 dal re Ladislao.Un'altra ipotesi è che la casa sia appartenuta alla famiglia della Bella Galliana moglie di Veraldo dei Brettoni, i futuri Gatti che avevano delle proprietà nella contrada San Lorenzo , nella parrocchia di San Giacomo e nei pressi della attuale via Cavour, consistente in case, mulini ed orti. Secondo la leggenda la bella Galliana si sarebbe affacciata al balcone ed essendo molto belle ricevette i complimenti da quei cavalieri che la riconoscevano come consorte ideale, di lei si invaghi un barone romano che non potendola avere in sposa, la uccise. Nel 1903 vi furono dei restauri commissionati a spese del Comune ed eseguiti dallo scalpellino Giovanni Nottola.

Stemma della casa Poscia, via Saffi, Viterbo, lo stemma è in peperino ma è illeggibile, forse della famiglia dei prefetti di Vico, famiglia odiata dai viterbesi, in quanto si intravede un'aquila con otto pani.

Casa con Profferlo, via Saffi, Viterbo, accanto alla casa Poscia vi è un'altra casa con profferlo, e su un lato della scala vi è uno stemma.

Ex Chiesa di San Martino

ex chiesa di san martino tra via cavour e via saffi centro storico

Ex Chiesa San Martino

Scalinata che da via Cavour porta a via Saffi, Viterbo, in cima, e di fronte, si vede proprio la Casa Poscia, che ha un bellissimo profferlo. La scalinata è di fronte al palazzo Brugiotti.

Ex Chiesa di San Martino, era tra via Cavour, via Saffi, Viterbo. alcune testimonianze di questa chiesa che fu distrutta per l'apertura della via Nova, o Farnesiana, oggi via Cavour,  sono sulla facciata di un edificio di fronte alla casa Poscia che si trova su via Saffi, prendendo la scalinata che porta da via Cavour a via Saffi, questo edificio è sul lato sinistro. Qui un tempo sorgeva la Chiesa di San Martino, le cui prime testimonianze risalgono al 1160. Al complesso di San Martino,  appartenevano la Chiesa, un antistante portico, un chiostro, che risaliva al 1218, la casa parrocchiale e un vasto orto. Dal 1326 era tenuta dall'Arte degli ortolani. Oltre ad essere una chiesa era anche una Collegiata, retta da un priore e da alcuni canonici.  Si ricorda di questa chiesa un soffitto dipinto nel 1490 da Sebastiano di Valentino Pica. All'interno della chiesa vi era la cappella di San Paolo, di cui si ha menzione dal 1465 ed un'altra cappella era dedicata ai Santissimi Sebastiano e Rocco, nominata nel 1542.  Nel 1573 la chiesa era ancora attiva, e si ricorda la Sacra Visita che vi fece il Cardinale Alfonso Binnarino, il 7 gennaio 1573 che qui celebrò anche una messa. Purtroppo questa chiesa si trovava nel nuovo asse stradale, e pertanto nel 1576, dopo l'autorizzazione del Cardinal Gambara, venne demolita. Nel 1577 quindi, vennero demoliti la chiesa, il chiostro ed una parte della casa parrocchiale, venne acquistato anche l'orto e venduta la campana alla compagnia della Misericordia.. Oggi rimane una parte della casa parrocchiale con ingresso su via Saffi, uno stemma, le finestre , gli architravi con le due scritte del Priore Luca che nel 1487 eseguì i restauri, al numero civico 93 di via Saffi c'è un altorilievo che rappresenta San Martino a cavallo che dona il suo mantello al povero.

Stemmi ex Chiesa di San Martino, via Cavour e via Saffi, Viterbo, rimangono di questa antica chiesa, una parte della casa parrocchiale con ingresso su via Saffi, uno stemma, le finestre , gli architravi con le due scritte del Priore Luca che nel 1487 eseguì i restauri, mentre al numero civico 93 di via Saffi c'è un altorilievo che rappresenta San Martino a cavallo che dona il suo mantello al povero.

San Martino di Tours vita,opere,storia,Viterbo, nacque a Sabaria, Pannonia, attuale Ungheria, all’incirca nel 316 e morì a Candes l’8 novembre 397. Fu vescovo nel IV secolo. Esercitò il suo ministero in Gallia durante il periodo del tardo impero romano e fu uno dei primi non martiri cristiani ad essere proclamato santo dalla Chiesa Cattolica e fondatore del monachesimo. Il suo culto è venerato anche dalla chiesa Ortodossa e copta, lo si ricorda, l’11 novembre, data in cui si svolsero nel 397 i suoi funerali nell’odierna Tours. Il padre di San Martino era un tribuno romano militare e diede al figlio il nome di Martino in onore al dio pagano Marte, dio della guerra. Era ancora un bambino quando la famiglia  si trasferì a Pavia dove il padre ormai veterano aveva ricevuto un podere, ed è a Pavia che trascorse la sua infanzia. A dieci anni fuggì di casa per due giorni per rifugiarsi in una chiesa. Giovanissimo si arruola nella cavalleria imperiale in quanto un editto del 311 ordinava ai figli dei veterani di arruolarsi nell’esercito romano e pertanto venne reclutato nelle Scholae imperiali ed inviato successivamente  in Gallia, presso la città di Amiens; fu qui che passò la maggior parte della sua vita come soldato della guardia imperiale che garantiva l’ordine pubblico, la protezione della posta imperiale, il trasferimento dei prigionieri e la sicurezza di personaggi importanti. Martino svolgeva la sua attività come soldato della ronda notturna, che si occupava anche dell’ispezione dei posti di guardia oltre alla sorveglianza notturna delle guarnigioni. Fu proprio durante una di queste ronde che avvenne la sua conversione al Cristianesimo. Era il 335, l’inverno era particolarmente rigido e Martino vide un mendicante seminudo e sofferente, vedendolo tagliò in due il suo mantello militare e condivise la metà con il mendicante, il giorno seguente durante il sonno, vide Gesù indossare la metà del suo mantello, e dire “Ecco qui Martino,soldato romano, che benché non battezzato, mi ha rivestito”. Al risveglio Martino vide che il suo mantello militare era integro, fu allora che si convertì al Cristianesimo, e venne battezzato la Pasqua seguente. Martino per altri venti anni continuò nella sua carriera militare, rimase nell’esercito, sempre come non combattente, finchè raggiunse il grado di ufficiale nelle alae scholare, che era un corpo militare scelto. A 50 anni in seguito ad un contrasto con Giuliano che era il Cesare dei Galli, conosciuto come l’Apostata, Martino lasciò l’esercito ed iniziò una nuova vita. Si impegnò molto nella lotta contro l’eresia ariana, che fu condannata al Primo Concilio di Nicea del 325.  A causa di questo suo impegno venne frustato nella sua nativa Pannonia, cacciato dalla Francia, e da Milano, dove erano stati eletti dei vescovi ariani. Nel 357 andò nell’isola Gallinara ad Albenga in provincia di Savona, e per quattro anni condusse una vita da semi eremita, in quanto le cronache narrano che fu in compagnia di un prete. In quest’isola Martino credendola commestibile, mangiò le foglie di una pianta chiamata elleboro, che essendo velenosa, lo intossicò, si trovò in punto di morte, ma pregò e si salvò. Tornò quindi a Poitiers, quando nel frattempo era stato eletto un vescovo cattolico. Divenne monaco e fu seguito da altri compagni, decise quindi di fondare uno dei primi monasteri d’occidente a Ligugè, avendo la protezione del vescovo Ilario. Nel 371, per volere dei cittadini di Tours, Martino venne istituito vescovo della città.  Nonostante l’importante carica, continuò ad abitare in una casa modesta, si fece promotore della divulgazione della fede cristiana, e creò nuove comunità di monaci. Continuò anche la lotta contro l’eresia ariana ed il paganesimo rurale, fece chiudere i cortei funebri in quanto sospettati di paganesimo. Nel suo peregrinare, predicava la fede, battezzava persone, fece distruggere i templi , gli alberi e gli idoli pagani, dimostrando però sempre misericordia e compassione con chiunque. Divenne ben presto noto per le sue qualità di taumaturgo e di cristiano caritatevole, giusto e sobrio. Martino a differenza di altri vescovi del tempo aveva una buona conoscenza della vita di campagna, ed era un uomo di preghiera e di azione. La sua attenzione era rivolta soprattutto all’evangelizzazione delle campagne. Nel 375, fondò a Tours un monastero, dove non c’erano regole particolari e la vita monastica era incentrata sulla condivisione, la preghiera e l’ evangelizzazione. Martino morì nel 397, l’8 novembre a Candes Saint Martin, dove si era recato per pacificare il clero locale. Gli sono attribuiti molti miracoli, tra questi tre casi di “resurrezione”, ed è ricordato come “colui che resuscitò tre morti”. Il mantello militare di San Martino è conservato nella collezione delle reliquie dei re Merovingi dei Franchi. Il termine medioevale che designava il mantello corto era “cappella”, e questo termine, di cappella, venne esteso a coloro che erano incaricate della sua conservazione  designandoli come “cappellani”, ed il luogo preposto a tale tutela venne chiamato cappella. Fin dal Medioevo in Europa ed in Italia gli furono dedicate molte chiese, a Viterbo  una di queste era nei pressi delle attuali via Cavour e via Saffi, ma venne demolita per l’apertura della via Nova o Farnesiana oggi via Cavour. Alcune testimonianze sono sulla facciata di una casa posta alla sinistra della scalinata che da via Cavour porta a via Saffi.

Palazzo Gentili Viterbo

Palazzo Gentili

Palazzo Gentili, tra via Cavour 18, via Fontanella Sant'Angelo e via Saffi, Viterbo, qui su via Cavour,si trova l'ingresso secondario del palazzo che fu della famiglia Costaguti, poi dei Galeotti, poi dei Gentili, oggi è la sede dell'Amministrazione Provinciale Sul grande portale di via Cavour c'è lo stemma della Provincia. A seguito dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, l'edificio è stato interamente ricostruito. Il vecchio impianto, fu nel seicento unito alla proprietà della famiglia ghibellina degli Amfanelli o Lamfanelli, i quali seguirono le stesse sorti dei Vico, obbligati dalla cittadinanza e da Papa Bonifacio IX Tomacelli sul finire del XIV secolo,  ad abbandonare Viterbo e a ritirarsi a Vetralla.In quel periodo venne tolta la carica di prefetto a Giovanni Sciarra Di Vico. Nel 1439, Giovanni Pietruccio detto il Crocifisso donò il Palazzo al Convento degli Agostiniani della Trinità e a un gruppo di monache della Penitenza diede la possibilità di stabilirsi in una parte del palazzo, senza limiti di tempo,  tra esse vi era donna Caledonia di Viterbo,le quali vi rimasero per 40 anni, fino al 1479 quando Papa Sisto IV concesse loro il monastero di San Simeone. Quindi i frati Agostiniani assunsero il totale possesso del palazzo, quando però gli Agostiniani  vendettero il palazzo, contravvenendo ad una precisa disposizione di Giovanni di Pietruccio, ne persero il possesso e la proprietà tornò agli eredi.. Al tempo l'unica erede era Caterina, moglie di Alessandro Filippeschi, di origine orvietana, e proprietaria del Castello dI Carnajuola. da Caterina, il palazzo passò al figlio Cuccio e poi ai figli Paride e Felice, i quali saputo della vendita da parte dei frati Agostiniani, ottennero di rientrare in possesso del bene. Diedero allora, la procura a vendere a Piergentile dei Conti di Pitigliano, e nel 1479 la proprietà passò a De Benignis. In seguito venne dagli eredi venduto a Giovanni Mancini e poi nel 1654 al Cardinale Francesco Maidalchini, nipote di Donna Olimpia, moglie di Camillo Panfili, fratello di Papa Innocenzo X. Probabilmente fu in questo periodo che si ebbero degli ampliamenti, con il prolungamento della facciata verso il confinante palazzo del Marchese Giovan Giorgio Costaguti, poi Galeotti, ad imitazione dell'altra metà. Nel 1677, il cardinale vendette il palazzo al viterbese Paolo Bruni de Franceschini, da lui passò alla vedova Angela Vittori, la quale voleva che la proprietà fosse destinata ad un pio monastero.Ma benchè il palazzo fosse destinato a brefotrofio, il Caracciolo lo alienò ad Alessandro Tozzi, e successivamente le figlie Angela, Arcangela e Mariangela, lo rivendettero al nobile Stefano Cancelli, ma questi non pagò il dovuto, fu messo all'asta e nel 1772 Monsignor Pietro di Lignè, capo dei cursori papali, aggiudicava a Roma, il palazzo tanto conteso a Giunio e Cesare Gentili, figli di Innocenzo, un nobile viterbese e Conte del Sacro Romano Impero  Da Giunio passò a Francesco, poi a Giuseppe e infine al Conte Francesco De' Gentili. L'ultimo proprietario fu il Conte Giuseppe Siciliano de' Gentili, il quale intono al 1950 vendette la proprietà alla Deputazione Provinciale, E dopo la Seconda Guerra Mondiale, ricostruito, divenne sede dell'Amministrazione Provinciale.  Forse della antica costruzione resta uno spigolo su via Fontanella di Sant'Angelo, dove vi è fissato un grifo in ferro battuto. Le finestre del primo piano sono riccamente decorate ed uniche nel loro genere a Viterbo. Nella parte che affaccia su piazza Mario Fani c'è una bella loggia con tre archi a tutto sesto ed un portale sul cui architrave c'è la scritta " Franciscus Galeottus".  All'interno del palazzo, vi è un cortile ed una fontana, che proviene dal palazzo Macchi, che si trova in piazza Luigi Concetti, una famiglia originaria di Capodimonte che si stabilì a Viterbo nei primi dell'ottocento. La fontana risale al XIX secolo,è posta in una nicchia con una vasca ellittica ed una coppa su una balaustra., nella coppa è collocato un gruppo marmoreo raffigurante due tritoni le cui code intrecciandosi sostengono lo stemma della Famiglia Macchi.Sul lato destro del portale che affaccia su via Cavour c'è una lapide,che ricorda come la sera del 3 settembre 1967 il trasporto della Macchina di S. Rosa, all’epoca intitolata Volo d’Angeli, fu interrotto su Via Cavour dopo un pericoloso sbandamento della struttura prodigiosamente contenuto dai facchini. Per ricordare quell’evento e e commemorarne lo scampato pericolo, il costruttore, Giuseppe Zucchi, della Macchina fece realizzare un’epigrafe da incastonare all’altezza della fermata.

Stemmi e lapide a palazzo Gentile, Viterbo, tra via Cavour, via Fontanella Sant'Angelo e via Saffi, su via Cavour c'è lo stemma della Provincia di Viterbo, mentre su via Saffi, all'terno del cortile dove c'è la fontana del '900 c'è lo stemma della famiglia Macchi. Sul lato che affaccia su piazza Mario Fani, vi è lo stemma di Viterbo. Sul lato sinistro su un architrave è inciso il nome dei vecchi proprietari, i Galeotti.

Cortile e fontana del palazzo Gentili, Viterbo, non visitabile, La fontana risale al XIX secolo,è posta in una nicchia con una vasca ellittica ed una coppa su una balaustra., nella coppa è collocato un gruppo marmoreo raffigurante due tritoni le cui code intrecciandosi sostengono lo stemma della Famiglia Macchi.

Torre via Saffi

torre via saffi viterbo spigaglia o del melangolo info e foto anna zelli

Torre Spigaglia Merangolo via Saffi

Torre Spigaglia o del Melangolo via Saffi, Viterbo, centro storico,è una torre ben conservata, fa angolo con via della Pace.E' al civico 132, Il prospetto è a mattoni a faccia vista, solo una finestra al primo piano ha una sottile cornice, non ci sono stemmi ma poichè la zona era dominata dalla potente famiglia Gatti, è probabile appartenesse a loro.Si ha notizia dai documenti storici che nel 1604 la torre appartenesse a Senso Galera. Nella seconda metà del seicento fu di proprietà di Lorenzo Genovese dopo la sua morte passò nel 1695 alla famiglia Spigaglia. Ci furono vari passaggi, nel 1842 la torre su tre livelli ed otto piani, passò a Giuseppe Granati fu Clemente ,gioielliere ed orefice viterbese, inclusa la bottega al piano terra Nel 1875 passò all'avvocato Giuseppe Contucci fu Luigi. Nel  1985 gli attuali proprietari hanno dovuto restaurare la torre, per evitare che alcuni sassi cadessero sui passanti e sulla via . Una finesta che affaccia su via Saffi reca la scritta IHS Deus Fortitudo.

Via Saffi Viterbo ulteriori informazioni turistiche

Via cieca a via Saffi, vicolo di Sant'Angelo, Viterbo, centro storico, Sul lato del vicolo, c'è il lato esterno sinistro della chiesa di Santa Ccroce dei Mercanti, dove si vedono resti di strutture duecentesche, delle finestre a feritoia, pietre basilari che derivano da un antico ponte etrusco-romano, che ci da l'idea di come doveva essere la preesistente chiesa. Oggi, questa chiesa, sconsacrata è adibita dalla Provincia di Viterbo a sede di eventi culturali.

Stemmi e Palazzi a via Aurelio Saffi, oltre al Palazzo Gentili sede della Provincia di Viterbo, la via ha una serie di palazzi molto interessanti dal punto di vista architettonico, e molti hanno degli stemmi dei quali non ne conosco però l'attribuzione. Palazzo a via Saffi 61,63,65, vi è una abitazione privata, rsale al XVI secolo, ha un portale bugnato ad arco, con uno stemma, le finestre del primo piano sono riquadrate da ricche cornici ornate con ovuli e perline ed architravate con inciso il motto : "Sapietia Edificat. Dom. Et Prudetia Roborat" le aperture dei piani superiori sono ad arco scorniciato semplice. Palazzo a via Aurelio Saffi 68, sembra sia appartenuto alla Famiglia Cordelli, ormai estinta, ha un portale bugnato ad arco con lo stemma della famiglia Cordelli, un leone nascente su pali ondati, le finestre del primo piano sono riccamente decorate.Palazzo a via Aurelio Saffi 71,73, ha il prospetto su via Aurelio Saffi ha al primo piano finestre a croce guelfa di stile quattrocentesco simili a quelle della casa della Pace a piazza delle Erbe, sull'architrave c'è la scritta Iulius Marci. Antonii, presenta un bel portale in pietra bugnata sormontato da uno stemma nobiliare raffigurante il profilo di un uomo. Palazzo a via Aurelio Saffi 91,93,95, qui un tempo c'era la ex chiesa di San Martino, sull'architrave della porta di ingresso c'è un altorilievo che rappresenta San Martino che dona la metà del suo mantello ad un mendicante, sembra che l'edificio sia appartenuto alla Famiglia Vico, ma non esistono documenti a sostegno di questa tesi, sulla finestra ai piani superiori c'è la scritta T(Em)P(O)R(e) S(anctissimi) D(omini) Innoc(enti) Octavi Lucas P(r)ior D(ominus) L(ucas) Prior 1487.Palazzo a via Aurelio Saffi 98,100,102,101, detta la casa Poscia, è in stile medioevale del '300, ha un bellissimo profferlo, non si conosce chi l'abbia costruita e prende il nome dall'ultimo proprietario, gli stemmi sono fortementi abrasi, è stata restaurata e consolidata nel 1903, la rampa sottostante raccorda via Saffi con via Cavour, questa scalinata sostituì nel 1898 una salita in lastre di peperino. Palazzo via Aurelio Saffi, 120, è in posizione a gomito, ha un importante balcone sorretto da mensole, con una lavorazione floreale, il portone di ingresso ha un arco a tutto sesto in conci di pietra, sulla chiave di volta vi sono le iniziali di un antico proprietario S.R., ed il rilievo di una rosa, dall'arco si va alla via di San Cristoforo, questa via un tempo si raccordava con via del Collegio.Palazzo a via Aurelio Saffi 122,124, risale probabilmente al tardo medioevo, ma presenta notevoli rimaneggiamenti,  risalenti al quindicesimo secolo, la facciata presenta due grandi archi  in conci di pietra e mattoni, finestre diversamente incorniciate ed un piccolo profferlo, con una bella balaustra, al cui lato c'è uno stemma.Palazzo Torre a via Saffi 132, angolo con via della Pace, è una poderosa torre ben conservata, i prospetti sono eseguiti in mattoni faccia vista senza alcuna decorazione, tranne una sottile cornice alla finestra del primo livello, non ci sono stemmi, ma bisogna ricordare che questa era la zona della potente Famiglia Gatti.

Chiese a via Aurelio Saffi, Viterbo, ex chiesa di San Martino, scomparsa per l'edificazione della via Nova oggi via Cavour, chiese sconsacrate adibite a sede di eventi culturali, come la ex chiesa di Santa Croce dei Mercanti e la ex Chiesa dei Santissimi Giacomo e Martino, e a piazza Mario Fani, che è nel mezzo di via Saffi la Chiesa di Sant'Ignazio oggi con culto Ortodosso Romeno e sede del Patriarcato ortodosso Romeno.

Piazze da via Aurelio Saffi, Viterbo, da qui si arriva a piazza delle Erbe, a piazza Fontana Grande e nel mezzo della via c'è piazza Mario Fani.

Vie da via Aurelio Saffi, Viterbo, via cieca il vicolo Sant'Angelo, via della Fontanella Sant'Angelo, via della Pace, Via San Girolamo,Via San Giacomo, via del Collegio,Via San Martino e Via Cavour

Da vedere a via Saffi Viterbo

ex chiesa di san martino tra via cavour e via saffi centro storico viterbo san martino vita opere storia informazioni e storia anna zelli stemmi epigrafe bassorilivo ex chiesa san martino tra via cavour e via saffi indo e foto anna zelli
Ex Chiesa San Martino San Martino vita opere storia  Stemmi ex Chiesa S. Martino
stemmi e lapidi palazzo gentili via cavour via fontanella sant'angelo via saffi piazza mario fani centro storico informazioni e fotografie loggia palazzo gentili viterbo piazza mario fani via cavour via fontanela sant'angelo via saffi info e foto
Palazzo Gentili Stemmi Lapidi Palazzo Gentili Loggia Palazzo Gentili
cortile e fontana palazzo gentili viterbo tra via cavoiur via fontanella sant'angelo via saffi piazza mario fani casa poscia palazzo e profferlo via saffi viterbo stemma casa poscia palazzo e profferlo via saffi viterbo
Cortile e fontana palazzo Gentili Casa Poscia palazzo e profferlo stemma Casa Poscia
chiesa dei santissimi giacomo e martino piazza mario fani via saffi viterbo info e foto anna zelli chiesa di sant'ignazio piazza mario fani viterbo info e foto anna zelli ex chiesa santa croce dei mercanti via saffi viterbo info e foto anna zelli
Ex Chiesa SS Giacomo e Martino Chiesa di Sant'Ignazio Ex Chiesa S. Croce Mercanti
chiese a via aurelio saffi viterbo centro storico info e foto anna zelli stemmi a via aurelio saffi viterbo centro storico info e foto anna zelli mappa via aurelio saffi e dintorni info e foto
Chiese via Aurelio Saffi Stemmi e palazzi via Aurelio Saffi Mappa via Aurelio Saffi e dintorni
vie da via aurelio saffi viterbo centro storico info e foto anna zelli via san cristoforo viterbo centro storico info e foto anna zelli FOTO SCALINATA VIA SAFFI DA VIA CAVOUR VITERBO CENTRO STORICO INFO E FOTO ANNA ZELLI
vie da via Aurelio Saffi via San Cristoforo Scalinata via Aurelio Saffi
via della pace viterbo centro storico info e foto anna zelli via fontanella sant'angelo viterbo centro storico foto anna zelli via cavour viterbo centro storico da piazza del plebiscito foto anna zelli
Via della Pace Via Fontanella Sant'Angelo via Cavour
via del collegio viterbo centro storico info e foto anna zelli vicolo sant'angelo viterbo centro storico info e foto anna zelli via san giacomo viterbo centro storico info e foto anna zelli
Vicolo di Sant'Angelo Via San Giacomo
via san martino viterbo centro storico info e foto anna zelli piazze da via aurelio saffi viterbo centro storico info e foto anna zelli piazza mario fani viterbo centro storico
Via San Martino Piazze da via Aurelio Saffi Piazza Mario Fani
../../../Desktop/viterbo piazza fontana grande centro storico info foto anna zelli piazza delle erbe viterbo centro storico info e foto anna zelli torre via aurelio saffi viterbo spigaglia o del melangolo info e foto anna zelli
Piazza Fontana Grande piazza delle Erbe Torre a via Saffi

Mappa via Saffi Viterbo centro storico

mappa via saffi e dintorni viterbo centro storico info e foto

 mappa via Saffi e dintorni, Viterbo centro storico, informazioni turistiche e foto a cura di Anna Zelli

Torna via Saffi - via Cavour - Viterbo centro storico

via saffi viterbo centro storico info e foto anna zelli via cavour viterbo centro da piazza fontana grande foto anna zelli

Via Saffi, via Cavour Viterbo foto informazioni turistiche a cura di Anna Zelli

Piazza Fontana Grande - Piazza delle Erbe

../../../Desktop/viterbo piazza fontana grande centro storico info foto anna zelli piazza delle erbe viterbo centro storico info e foto anna zelli

Piazza Fontana Grande - Piazza delle Erbe

Via San Lorenzo - Piazza San Lorenzo - Piazza del Plebiscito Viterbo

 viterbo via san lorenzo info turistiche e foto piazza san lorenzo viterbo foto anna zelli viterbo la piazza del plebiscito comune info turistiche e foto www.annazelli.com

via San Lorenzo - piazza San Lorenzo - piazza del Plebiscito, info e foto a cura Anna Zelli

Vie di Viterbo centro storico  - Piazze Viterbo centro storico - Quartieri Viterbo centro storico

Viterbo centro storico - Viterbo dintorni - B&B Viterbo centro storico

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE Viterbo dintorni luoghi da vedere
Viterbo informazioni Turistiche Viterbo dintorni

Viterbo guida centro storico - Viterbo dintorni

Contattaci per prenotare un B&B a Viterbo centro
Camera B&B Anna Zelli a Viterbo in via San Lorenzo
un mini appartamento per 2 persone centro storico Viterbo
info e prenotare chiama 3273335577 (anche whatsapp)

VITERBO CAMERA B&B ANNA ZELLI VIA SAN LORENZO BIGLIETTO VISITA CAMERA BED AND BREAKFAST ANNA ZELLI A VITERBO CENTRO STORICO
 
VITERBO BED AND BREAKFAST B&B CAMERE DORMIRE VITERBO CENTRO STORICO foto camera b&b anna zelli via san lorenzo 67 viterbo centro storico www.annazelli.com
viterbo bed and breakfast via san lorenzo camera bed & breakfast viterbo centro anna zelli prezzi bassi

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro - via San Lorenzo
appartamento 35 mq
tra piazza del Gesù e piazza della Morte
a due passi a piedi da piazza San Lorenzo e Palazzo dei Papi
autoriz. Comune di Viterbo prot.n.0060028 del 18-07-2018.

Contatti B&B : Chiama o Manda una Mail
 Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro

 camera b&b anna zelli viterbo centro storico telefonocamera b&b anna zelli viterbo centro storico bed and breakfast e mail

manda una mail zellianna@hotmail.com

cellulari (39) 3273335577 - 3478532522
(puoi contattarmi anche via whatsApp)

 Viterbo informazioni turistiche e fotografie

viterbo guida informazioni turistiche fotografie a cura anna zelli

Informazioni Turistiche città di Viterbo
a cura di Anna Zelli : arte cultura novità idee

monumenti di Viterbo centro storico

 

   Città di Viterbo

informazioni storico turistiche e fotografie della città di Viterbo a cura di Anna Zelli

Copyright www.annazelli.com dal 2011

Tutte le foto ed i contenuti del presente sito web sono di Anna Zelli,sono di
mia esclusiva proprietà, ed è quindi vietata ogni riproduzione e copia anche
parziale: del sito di singole pagine e delle immagini,è altresì vietato mettere
link e foto su: web - social - portali senza il mio espresso, palese, e scritto
consenso
. Ogni abuso sarà  perseguito legalmente. Grazie per l'attenzione.

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico
Via S. Lorenzo tra piazza del Gesù e piazza della Morte

  bed & breakfast viterbo centro storico via san lorenzo camera beb anna zelli viterbo

B&B Viterbo centro

   Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico

Idee e Creatività : Arte Cultura Novità Idee
Arte e Pittura - pietre dure vere - Maglia - Benessere

anna zelli, pittrice, arte e pittura. www.annazelli.com collana bracciale orecchini vere pietre dure creazioni artigianali anna zelli
lavori a maglia di lana e cotone fatti a mano con i ferri www.annazelli.com erboristeria naturopatia mappa argomenti fitoterapia www.annazelli.com

quadri e pittura - collane bracciali orecchini pietre dure
golf sciarpe lana e cotone - erboristeria nozioni

torna Guida di Viterbo

Viterbo

Viterbo guida centro storico

torna Home Page

ANNA ZELLI www.annazelli.com

www.annazelli.com

pagina aggiornata Agosto 2020