Piazza San Carluccio, Viterbo, informazioni turistiche e fotografie a cura di Anna Zelli sito ufficiale web www.annazelli.com

Piazza San Carluccio
Informazioni Turistiche

piazza san carluccio viterbo centro storico

PIAZZA SAN CARLUCCIO
VITERBO CENTRO

     Guida Viterbo centro Viterbo dintorni torna alla Home

Piazza San Carluccio

piazza san carluccio viterbo informazioni turistiche e foto anna zelli

Piazza San Carluccio

Casa Ex Famiglia Cocco
Fontana S. Carluccio
Beata Rosa Venerini
Ex Chiesa S. Salvatore
Stemmi piazza S. Carluccio
Campanile Chiesa Gonfalone
Torre Damiata o del Salamaro
Profferli piazza San Carluccio
Via San Carluccio
Via del Macel Maggiore
Via Cardinal la Fontaine
Via Pietra del Pesce
Piazza della Morte
V
ia San Pellegrino

Via San Carluccio

via san carluccio viterbo info e foto anna zelli

Via San Carluccio
 

Viterbo Bibliografia

San Pellegrino

san pellegrino quartiere medioevale viterbo centro storico foto anna zelli

San Pellegrino

 piazza S. Maria Nuova

piazza santa maria nuova viterbo foto informazioni turistiche anna zelli

Piazza Santa Maria Nuova
 

Via Cardinal La Fontaine

via cardinal la fontaine viterbo informazioni turistiche e foto anna zelli

via Cardinal la Fontaine

 Viterbo Piazza della Morte

piazza della morte viterbo centro storico foto anna zelli

piazza della morte
 

Via San Lorenzo

viterbo via san lorenzo info turistiche e foto

via San Lorenzo

Piazza San Lorenzo

piazza san lorenzo viterbo foto anna zelli

 piazza San Lorenzo
 

Piazza del Gesù

piazza del gesù viterbo centro storico foto anna zelli

piazza del Gesù

Piazza del Plebiscito

viterbo la piazza del plebiscito comune info turistiche e foto www.annazelli.com

Piazza del Plebiscito Viterbo
 

 Via Cavour

via cavour viterb centro storico da piazza del plebiscito foto anna zelli

via Cavour
 

Via Sant'Antonio

via sant'antonio viterbo centro storico foto anna zelli

via Sant'Antonio
 

 Via San Clemente

viterbo via san clemente foto anna zelli

Via San Clemente
 

Valle Faul

valle faul viterbo

valle Faul

 Terme di Viterbo

viterbo terme informazioni turistiche e foto www.annazelli.com

Terme di Viterbo

Terme del Bacucco
Acquae Passeris
Terme del Prato Vecchio
Terme del Bagnaccio
Terme del Naviso
Terme della Colonnella
Terme delle Zitelle
Terme delle Bussete
Terme Piscine Carletti
Terme del Bulicame
Terme del Prato
Terme Santa Maria in Selce
Terme degli Ebrei
Terme degli Almadiani
Terme di Paliano
Terme Masse di San Sisto
Terme dell'Asinello
Terme località Musarna
Terme Villa Calvisiana
Terme Bagni delle Serpi
Acquedotti e sorgenti
Via Cassia
Ex terme INPS
Terme dei Papi
Salus Terme
Oasi Therma

Non sono terme:

Ruzzola D'Orlando
La Lettighetta
 

 principali Eventi Viterbo

eventi a viterbo informazioni a foto a cura di anna zelli

Eventi a Viterbo

San Pellegrino in Fiore
Caffeina
Film Tuscia Festival
Festa di Santa Rosa
Santa Rosa
Macchina Santa Rosa
Caffeina Christmas Village
 

 Viterbo

VITERBO MAPPA CENTRO STICO PIANTINA

Mappa Viterbo centro

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Contatti

Viterbo

VITERBO BED AND BREAKFAST B&B CAMERE DORMIRE VITERBO CENTRO STORICO
 

Guida Turistica Viterbo
Mappa Viterbo centro
Stemma di Viterbo
Archi di Viterbo centro
Biblioteche Viterbo centro
Bibliografia Viterbo
B&B Viterbo centro
Contatti
Cortili di Viterbo centro
Chiese di Viterbo centro
Chiese fuori Viterbo
Campanili di Viterbo centro
Cupole di Viterbo centro
Chiostri di Viterbo centro
Cinema di Viterbo centro
Città dei dintorni Viterbo
Colli di Viterbo centro
Degrado Viterbo
Dintorni Viterbo da vedere
Edicole sacre a Viterbo
Eventi Viterbo e dintorni
Festa Santa Rosa Viterbo
Fiumi Fossi di Viterbo
Fontane lavatoi di Viterbo
Giardini Parchi Orti
Giornali e Media Viterbo
Laghi dintorni Viterbo
Lapidi Viterbo centro
Leggende di Viterbo
Logge di Viterbo centro
Musei di Viterbo centro
Monumenti di Viterbo
Mare e spiagge vicine
Mura Viterbo centro
Nasoni di Viterbo centro
Numeri utili
Ospedali scomparsi
Orologi Viterbo centro
Palazzi di Viterbo centro
Piazze di Viterbo centro
Porte Storiche di Viterbo
Porte fuori Viterbo
Porte murate e scomparse
Ponti di Viterbo centro
Profferli di Viterbo centro
Panorami di Viterbo centro
Quartieri Viterbo centro
Quartieri Viterbo
Santi vita opere storia
Scuole Università Viterbo
Statue busti e teste
Scalinate Viterbo centro
Stemmi a Viterbo
Storia di Viterbo
Testimonianze Etrusche
Torri di Viterbo centro
Teatri di Viterbo centro
Terme di Viterbo
Vie di Viterbo centro
Viterbo sotterranea
Viterbo e la Tuscia
Viterbo dintorni vedere
 

piazze di Viterbo

vterbo piazze di viterbo

Piazze di Viterbo centro

Vie di Viterbo

vie di viterbo centro storico

Vie di Viterbo centro

Informazioni Roma

A.Z. Arte Cultura Idee Guida Turistica di Roma www.annazelli.com

Itinerari Turistici Roma

Passeggiate Romane

Rioni di Roma

Città del Vaticano

Guida Turistica Roma

Bibliografia Roma

Contatti

Città del Vaticano

Città del Vaticano Guida Turistica

Città del Vaticano

Basilica di San Pietro

Musei Vaticani

Cappella Sistina

Giardini Vaticani

Strade in Vaticano

Borgo e Vaticano

Rione Borgo R. XIV

Informazioni Viterbo

Viterbo

viterbo centro storico

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Viterbo - Roma

Guida Viterbo centro

Guida Turistica Roma

contattaci

e mail arte cultura idee

Contatti

zellianna@hotmail.com

Torna alla Home

A.Z. Anna Zelli Arte Cultura Novità Idee www.annazelli.com

H O M E   P A G E

www.annazelli.com
 

Piazza San Carluccio, ex piazza San Salvatore, Viterbo,centro storico,  la piazza immette sulla via del Macel Maggiore, su via San Carluccio, su via Pietra del Pesce, e su via San Pellegrino, qui si trova il borgo Medievale più grande al mondo e patrimonio dell’UNESCO. Si arriva alla piazza San Carluccio dalla via Pietra del Pesce, via del Macel Maggiore che va anche verso la via Cardinal La Fontaine. La piazza in origine si chiamava San Salvatore per via di una chiesa di cui oggi non vi è più traccia. La piazza è a pianta rettangolare, chiusa su due lati da mura perimetrali, per un tratto merlate. Da ammirare una bella fontana, un profferlo, un bellissimo palazzo medioevale con annesso cortile. Qui vi era l'Istituto delle Maeste Pie Venerini, fondato dalla Beata Rosa Venerini. Da qui si ammira anche il campanile della Chiesa del Gonfalone, il cui ingresso alla chiesa è a via Cardinal Pietro la Fontaine, da  qui si procede nello storico quartiere medioevale di San Pellegrino, imboccando la via San Pellegrino.

Ex Chiesa San Salvatore dei Molinari, piazza San Carluccio, Viterbo, oggi  sconsacrata, che un tempo dava il nome alla piazza San Carluccio, Viterbo, fu sede dell’arte dei mugnai, fu un ospizio per vecchi, sopravive un bel chiostro cinquecentesco (non visitabile). La chiesa fu chiamata anche di Sant’Omobono protettore dei sarti ed anche San Carluccio. Nel 1571 fu adibita ad Ospedale e dipendeva dall’Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma del quale si vede scolpita la doppia croce. La chiesa oggi viene utilizzata per mostre, sala riunioni, conferenze ed eventi. Accanto vi è la scuola delle Pie Maestre Venerini. L'abside romana è visibile da via San Carluccio.

Fontana piazza San Carluccio,  un tempo chiamata fontana di San Salvatore, ascrivibile al XIII sec., a vasca quadrangolare. Frontalmente, l'elemento cubico della fontana è decorato con la testa di un leone nelle cui fauci è innestato il bocchettone sotto il quale sono scolpiti due stemmi, di cui uno è quello della famiglia Gatti, caratterizzato da quattro bande orizzontali. Alla medesima altezza, sul lato sinistro, campeggia lo stemma appartenente alla famiglia degli Anguillara, recante due anguille incrociate. Un tempo, questa fontana riforniva di acqua potabile l'intera zona, alimentava un vicino lavatoio oggi non più esistente, e le acque servivano anche ad irrigare i vicini orti. La fontana era detta Fontana di San Salvatore,  ed anche di Santa Caterina, sede dell'arte dei Muratori, poi prese il nome di fontana San Carluccio.La fontana è addossata alla preesistente chiesa di San Salvatore dei Molinari, di cui resta solo la facciata, è sconsacrata. Nel 1808,l'acqua non fuoriusciva più dalla fontana, ed allora si procedette ad uno scavo e si trovò un condotto nei pressi della casa delle Mestre Pie Venerini. Questa conduttura prendeva acqua da via San Pellegrino ed arrivava fino al Vescovado, era  una conduttura fatta edificare da Raniero Gatti che portava acqua dalle Pietrare fino al Palazzo Papale. Infatti sulla fontana è inciso lo stemma della Famiglia Gatti. Fino al 1915 c'era ancora l'antico lavatoio, era sul lato sinistro, ma il vociare delle donne che lavavano i panni disturbava le lezioni e quindi fu tolto. Il Lavatoio venne demolito durante la Prima Guerra Mondiale, dal Comune di Viterbo, dietro il compenso da parte delle Suore di ricamare con fili pregiati il vessillo del Comune di Viterbo.

Istituto delle maestre Pie Venerini, piazza San Carluccio, Viterbo, si trova sulla piazza San Carluccio. La scuola venne fondata nel 1705 con addossata una fontana del XIII secolo. Qui le ragazze ricevevano una buona istruzione ed in più imparavano a ricamare e a cucire.

Asilo delle Maestre Pie Venerini, piazza San Carluccio Viterbo, questo edificio venne donato alle suore nel 1500 da un certo Mansanti con l'obbligo per le suore di istituire una scuola per le povere ragazze di Santa Maria Nuova, di San Pellegrino e di Sant'Andrea, di San Leonardo, di San Lorenzo, qualora le suore non aprissero la scuola o questa per ogni motivo fosse stata chiusa, il palazzo sarebbe tornato di nuovo agli eredi Mansanti. Nel 1685, la Beata Rosa Venerini accettò ed acquistò la donazione.

Beata Rosa Venerini, nacque a Viterbo il 9 Febbraio del 1656 e morì a Roma il 7 Maggio del 1728, a lei si deve la fondazione della Congregazione delle Maestre Pie Venerini, fu beatificata nel 1952 da Papa Pio XII, e fu proclamata Santa da Papa Benedetto XVI il 15 Ottobre del 2006. Era la figlia di Da Goffredo medico di origine marchigiana che si adoperò in aiuto ai viterbesi durante la peste del 1657. La madre era Marzia Zampichetti, che apparteneva ad una delle più importanti famiglie dell’alto Lazio, che sposò essendo rimasta vedova, il Da Goffredo in seconde nozze. Rosa aveva altri 3 fratelli, Domenico che morì giovane e Maria Maddalena ed Orazio. La madre Marzia educò i figli secondo i dettami religiosi avendo la zia materna Anna Cecilia, superiora del convento di Santa Caterina a Viterbo. Rosa insieme a Porzia Baci e a Girolama Coluzzelli, una Scuola Pia, per l’educazione religiosa delle giovani più povere, e con l’appoggio del Cardinale Marcantonio Barbarigo, fondò la sua Congregazione. Questa opera educatrice, ben presto si estese a Roma ed in altre città del Lazio. A quell’epoca era considerato inconcepibile che delle donne sole insegnassero il catechismo che a quell’epoca era compito esclusivo dei sacerdoti  Adogni modo, grazie alla benevolenza degli ecclesiastici e di Papa Clemente XI, la sua missione si estese a Corneto, a Bagnoregio, a Montefiascone ed in altre località, dove le Maestre vennero bene accettate ed amate. Rosa Venerini, rimase a Roma a dirigere le scuole insieme alla Madre Generale Lucia Filippini. Rosa morì per un tumore al seno il 7 maggio del 1728 a Roma, e venne tumulata nella Chiesa del Gesù. Sulla lapide in latino, la scritta : qui giace Rosa Venerini maestra delle fanciulle. Nel 1752 ci fu a Roma una alluvione, la tomba venne invasa dall’acqua, ed il corpo intatto venne ritrovato e posto all’interno di un’urna di vetro e argento nella Casa Generalizia in via Belli a Roma. A Santa Rosa, gli successe nel ruolo di madre Generale, Chiara Candelari, una maestra di origine anconetana che era stata da sempre al fianco della Santa.. Le Maestre Pie Venerini hanno le loro sedi non solo in Italia, ma anche in America, Africa, Romania, Argentina e Brasile. A lei sono attribuiti dei miracoli, tra questi la guarigione nel 2005 da un gonfiore toracico inspiegabile di un bambino africano, che viveva in Uganda, il quale miracolosamente guarì, dopo le numerose preghiere e suppliche alla Santa. Un’altro precedente miracolo avvenne nel 1952, dove una maestra guarì da un grave glaucoma infiammatorio, mentre un altro portò alla guarigione di una maestra affetta da tubercolosi,la quale nel delirio invocò la Santa e al mattino si alzò completamente sanata.

Museo Storico Beata Rosa Venerini, piazza San Carluccio Viterbo, si trova accanto all'Istituto lato sinistro. in mezzo tra i due ingressi un tempo c'era un lavatoio.

Edicola Sacra, effige Beata Santa Venerini sopra la fontana a piazza San Carluccio Viterbo,

Casa con Cortile che era della Famiglia Cocco, ed annessa Torre detta Damiata, di cui si intravede l'ubicazione,e scomparsa,si trova a piazza San Carluccio, Viterbo, l'intero edificio poi passò al vicino convento di San Bernardino, poi di Santa Giacinta Marescotti. Tutta la struttura è stata rifatta, con finti merli ghibellini, all'interno cè un bel cortile e un profferlo in stile rinascimentale che scarica il peso su una colonna sormontata da un capitello.

Torre Damiata o del Salamaro, via pietra del Pesce, Viterbo, si vede da piazza della Morte, fu annessa al convento di clausura di Santa Giacinta Marescotti, che si trova a piazza della Morte.Il Palazzo Cocci affaccia su via del Macel Maggiore adiacente a piazza San Carluccio è un edificio con ampie arcate a sesto ribassate ed un tratto merlato di  mura che racchiude il cortile, questo palazzo apparteneva alla Famiglia Cocci che poi nel 1227 subì la devastazione della sua torre detta Damiata.La via Pietra del Pesce, deriva il suo nome dalle lastre in peperino sulle quali venivano esposti i prodotti ittici pescati nei vari corsi d'acqua dell'agro viterbese Si ricorda la presenza di una torre in questo luogo, fin dal XIII secolo e sembra che le torri fossero due,  Al Ligustri si deve la menzione di una mozzata e di una ancora intera. Una di queste è quella del monastero di San Bernardino che affaccia su via Pietra del Pesce , la struttura quadrata ed i conci la fanno ricondurre ad una preesistente torre. Da un rogito del 1226 risulta che un tale Angelo fu Salmaro di Viterbo faceva donazione della sua proprietà nel Borgo San Donnino al nipote Angelo figlio di suo fratello Pietro Bono sull'atto si legge che donava una torre con casamento ad lapides piscium. Mentre nel 1241 Raniero Gatti e Maffuccio di Diotiaiuti abbero delle controversie ed il Prefetto condannò Gatti a pagare 400 libre e il Maffucci a 800 libre, venne scartata la torre di detto Maffuccio che fu di Angelo Salamaro "accanto la strada del Pesce che fu la più alta torre di Viterbo". Poi le notizie sono scarse in merito a questa torre, probabilmente perchè venne inglobata nel monastero di San Bernardino ed inserita nel muro perimetrale della foresteria che venne realizzata dopo l'8 maggio del 1480, quando suor Beatrice Farnese di Bartolomeo, ministra del monastero, acquistava dal nobile Luciano Bussi una casa con cortile, orto e altre pertinenze poste nella contrada San Salvatore presso il monastero a confine con la via pubblica il cui prospetto guardava verso l'omonima piazza.Lo studioso Della Tuccia, fa risalire questa torre e il preesistente fabbricato alla Famiglia Cocco. La quale famiglia, per aver costruito dei gradoni che insistevano sulla piazza, aizzò le ire dei Brettoni, ovvero della Famiglia Gatti, e a causa di questa opera non gradita Giovanni Cocco venne ferito dai Gatti.Come ritorsione nel 1227 i Cocco ferirono i Gatti, ci fu un violento scontro, ed i rappresentanti della Famiglia Cocco furono costretti a rifugiarsi a Vitorchiano, abbandonando le loro proprietà. I Gatti allora distrussero la torre, non trovando nessuno a difenderla. Verrà poi ricostruita ed andò di nuovo distrutta nel 1235. Secondo Domenico Bianchi notaio e storico viterbese, sembra che in questa torre fosse custodito L'Editto di Desiderio ultimo Re dei Longobardi Verso l'orto delle suore di San Bernardino, riferisce sempre Domenico Bianchi, c'era la casa della Famiglia Zazzera. Nel '400 la torre fu di proprietà di Niccolò Perotti di Sassoferrato detto il Sipontino, perchè arcivescovo di Siponto. Poi il bene passò alla Famiglia Perotti, e uno degli eredi nel 1487 lo vendette a Nicola Tignosini di Ser Bartolomeo, poi verso la fine della metà del '500 la dimora fu acquistata da Giovan Battista Zazzara, che nel 1637 fece un lascito testamentario in favore dell'Ospedale dei Convalescenti, che qui aveva la sede. Nel 1738 il Cardinale Innico Martino Caracciolo destinò la proprietà a brefotrofio.

Profferli a piazza San Carluccio, Viterbo, centro storico, uno è sul lato della piazza che porta verso via San Carluccio.L'altro è all'interno del cortile che un tempo fu la dimora della Famiglia Cocco.

Stemmi,piazza San Carluccio,Viterbo, uno stemma, una doppia croce, si trova sulla facciata della ex Chiesa del Salvatore riferibile all'Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma, perchè un tempo la chiesa venne adibita ad ospedale e dipendeva da Roma. Due stemmi sono sotto il bocchettone della fontana di San Carluccio, di cui uno è quello della famiglia Gatti, caratterizzato da quattro bande orizzontali. Alla medesima altezza, sul lato sinistro, campeggia lo stemma appartenente alla famiglia degli Anguillara,

Vie da piazza San Carluccio: Via San Carluccio che porta a Via Cardinal la Fontaine ; Via del Macel Maggiore che porta a Via Cardinal la Fontaine ; Via Pietra del Pesce che porta a Piazza della Morte ; Via San Pellegrino che ci introduce in una meravigliosa ed integra zona medioevale,

piazza San Carluccio Viterbo centro storico informazioni e fotografie

piazza san carluccio viterbo centro storico foto anna zelli

Piazza San Carluccio Viterbo centro storico

piazza san carluccio viterbo informazioni turistiche e foto anna zelli

Piazza San Carluccio, Viterbo, informazioni e foto a cura di Anna Zelli

Giardino scala e fontana in un giardino privato a piazza San Carluccio

giardino privata con fontana e scala a piazza san carluccio viterbo centro info e foto anna zelli

giardino fontana scala piazza san carluccio

Da vedere a Piazza San Carluccio Viterbo

piazza San Carluccio Viterbo centro storico informazioni e fotografie

Torna Piazza San Carluccio

piazza san carluccio viterbo informazioni turistiche e foto anna zelli

Piazza San Carluccio, Viterbo, informazioni e foto a cura di Anna Zelli

Vedi Piazze di Viterbo - Vie di Viterbo centro storico

vterbo piazze di viterbo centro storico vie di viterbo centro storico

Piazze di Viterbo centro - Vie di Viterbo centro informazioni storiche e turistiche foto a cura di Anna Zelli

Viterbo centro storico - Viterbo dintorni

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE Viterbo dintorni luoghi da vedere
Viterbo informazioni Turistiche Viterbo dintorni

Viterbo guida centro storico - Viterbo dintorni info e foto a cura di Anna Zelli

Contattaci per prenotare un B&B a Viterbo centro
Camera B&B Anna Zelli a Viterbo in via San Lorenzo
un mini appartamento per 2 persone centro storico Viterbo
info e prenotare chiama 3273335577 (anche whatsapp)

VITERBO CAMERA B&B ANNA ZELLI VIA SAN LORENZO BIGLIETTO VISITA CAMERA BED AND BREAKFAST ANNA ZELLI A VITERBO CENTRO STORICO
 
VITERBO BED AND BREAKFAST B&B CAMERE DORMIRE VITERBO CENTRO STORICO foto camera b&b anna zelli via san lorenzo 67 viterbo centro storico www.annazelli.com
viterbo bed and breakfast via san lorenzo camera bed & breakfast viterbo centro anna zelli prezzi bassi

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro - via San Lorenzo
appartamento 35 mq
tra piazza del Gesù e piazza della Morte
a due passi a piedi da piazza San Lorenzo e Palazzo dei Papi
autoriz. Comune di Viterbo prot.n.0060028 del 18-07-2018.

Contatti B&B : Chiama o Manda una Mail
 Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro

 camera b&b anna zelli viterbo centro storico telefonocamera b&b anna zelli viterbo centro storico bed and breakfast e mail

manda una mail zellianna@hotmail.com

cellulari (39) 3273335577 - 3478532522
(puoi contattarmi anche via whatsApp)

 Viterbo informazioni turistiche e fotografie

viterbo guida informazioni turistiche fotografie a cura anna zelli

Informazioni Turistiche città di Viterbo
a cura di Anna Zelli : arte cultura novità idee

monumenti di Viterbo centro storico

 

 

   Città di Viterbo

Informazioni storiche turistiche e fotografie della città di viterbo a cura di anna zelli

Copyright www.annazelli.com dal 2011

Tutte le foto ed i contenuti del presente sito web sono di Anna Zelli,sono di
mia esclusiva proprietà, ed è quindi vietata ogni riproduzione e copia anche
parziale: del sito di singole pagine e delle immagini,è altresì vietato mettere
link e foto su: web - social - portali senza il mio espresso, palese, e scritto
consenso
. Ogni abuso sarà  perseguito legalmente. Grazie per l'attenzione.

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico
Via S. Lorenzo tra piazza del Gesù e piazza della Morte

  bed & breakfast viterbo centro storico via san lorenzo camera beb anna zelli viterbo

B&B Viterbo centro

   Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico

Idee e Creatività : Arte Cultura Novità Idee
Arte e Pittura - pietre dure vere - Maglia - Benessere

anna zelli, pittrice, arte e pittura. www.annazelli.com collana bracciale orecchini vere pietre dure creazioni artigianali anna zelli
lavori a maglia di lana e cotone fatti a mano con i ferri www.annazelli.com erboristeria naturopatia mappa argomenti fitoterapia www.annazelli.com

quadri e pittura - collane bracciali orecchini pietre dure
golf sciarpe lana e cotone - erboristeria nozioni

torna Guida di Viterbo

Viterbo

Viterbo guida centro storico

torna Home Page

ANNA ZELLI www.annazelli.com

www.annazelli.com

pagina aggiornata Febbraio 2021