MURA SERVIANE ROMA GUIDA TURISTICA DI ROMA INFORMAZIONI STORICHE ARTISTICHE TURISTICHE FOTO ANNA ZELLI www.annazelli.com

 

 

 

 


Mura Serviane

ROMA LE MURA SERVIANE A ROMA

Mura Serviane Roma

Porte Serviane di Roma

Guida Turistica Roma

Itinerari Turistici Roma

Città del Vaticano

Rioni di Roma

Aree Archeologiche Roma

Bibliografia Roma

H O M E   P A G E

LE MURA SERVIANE ROMA

Mura Serviane Roma

Le Mura Serviane: Roma : resti :

Via Antonio Salandra
Via Carducci
Stazione Termini
Piazza dei Cinquecento
Piazza Manfredo Fanti
Via Carlo Alberto
Arco di Gallieno
Auditorium di Mecenate
Via Mecenate (Rione Monti)
Via Equizia (Rione Monti)
Arco di Dolabella

Piazza di Porta Capena
Piazza Albania
Via di Sant'Anselmo

Campidoglio
Museo del Risorgimento
via del Teatro Marcello
Largo Magnanapoli
(Rione Monti)
Palazzo Antonelli
(Rione Monti)
Area Sacra San'Omobono
Tempio di Portunus
Largo Santa Susanna

 

Mura e Porte Serviane
Rione Monti

Mura Serviane Rione Monti

Largo Magnanapoli
Palazzo Antonelli

Via Mecenate
Via Equizia

Porte Mura Serviane Rione Monti

Porta Salutaris
Porta Sanqualis
Porta Quirinalis Sanqualis Salutaris

Rione Monti Roma

Rione Monti (Roma) stemma

Rione Monti R.I

Mura di Roma

Mura di Roma

Porte Storiche di Roma

MURA DI ROMA

Porte di Roma

Roma Quadrata

Mura di Romolo Roma

Porte Mura Romolo Roma Qudrata

Mura Serviane Roma

Porte Serviane di Roma

Mura Aureliane Roma

Porte Aureliane Roma

Mura Leonine Roma

Porte mura Leonine Roma

Passetto Vaticano Roma

Porte Passetto Vaticano

Archi Passetto Vaticano a Borgo

Mura Vaticane Roma

Porte Mura Vaticane Roma

Mura Gianicolensi Roma

Porte Mura Gianicolensi

Muro Torto Roma

Mura di contenimento di Roma

Muraglioni di Roma sul Tevere

I Lungotevere di Roma

Porta Magica piazza Vittorio Roma

i 7 Colli di Roma

Colli e Monti di Roma

Mura di Roma

Porte Storiche di Roma

Rioni di Roma

rioni di roma, guida turistica

Rioni di Roma

Rione Monti R.I

Rione Trevi R. II

Rione Colonna R. III

Rione Campo Marzio R. IV

Rione Ponte R. V

Rione Parione R. VI

Rione Regola R. VII

Rione Sant'Eustachio R.VIII

Rione Pigna  R. IX

Rione Campitelli R. X

Rione Sant'Angelo R. XI

Rione Ripa R. XII

Rione Trastevere R. XIII

Rione Borgo R. XIV

Rione Esquilino R. XV

Rione Ludovisi R. XVI

Rione Sallustiano R. XVII

Rione Castro Pretorio R. XVIII

Rione Celio R. XIX

Rione Testaccio R. XX

Rione San Saba R. XXI

Rione Prati R. XXII

RIONI DI ROMA, INFORMAZIONI E FOTO, www.annazelli.com
 

Guida Turistica di Roma

ROMA INFORMAZIONI TURISTICHE E FOTO DELLA CITTA' ETERNA

ROMA GUIDA TURISTICA DI ROMA HOME MAPPA ARGOMENTI

Acquedotti di Roma

Anfiteatrii di Roma

Archi di Roma

Architettura Fascista

Architettura Medioevale

Aree Archeologiche

Biblioteche di Roma

Chiese di Roma

Cinema di Roma

Circhi Stadi di Roma

Cloaca Maxima

Colli e Monti di Roma

Colonne Trionfali

Cortili di Roma

Edicole Sacre di Roma

Fiume Tevere Roma

Fontane di Roma

Fori di Roma

Giardini di Roma

i 7 Colli di Roma

I Lungotevere di Roma

Isola Tiberina

Lupa Capitolina Roma

Meridiane Orologi Solari

Mitrei di Roma

Molini sul Tevere

Monumenti di Roma

Mura di Roma

Muraglioni sul Tevere

Musei di Roma

Obelischi di Roma

Ospedali di Roma

Palazzi di Roma

Piazze di Roma

Ponti di Roma

Porte di Roma

Porti Fluviali Roma

Roma Quadrata Palatino

Scalinate di Roma

Statue di Roma

Teatri di Roma

Templi di Roma

Terme di Roma

Torri di Roma

Vie Strade di Roma

Vicoli di Roma

Vedute Panorami Roma

Bibliografia Roma

Guida Turistica Roma
 
Home Page

www.annazelli.com

Home Arte Cultura Idee Anna Zelli - www.annazelli.com

roma mura serviane

   mura serviane roma guida turistica di roma informazioni storiche artistiche turistiche foto a cura di anna zelli

Guida Turistica di Roma Informazioni Storiche Artistiche Turistiche Culturali Foto di Roma
Arte Cultura Novità Idee sito web di informazione culturale artistico turistica di Roma

Mura Serviane di Roma

Dalle Mura di Romolo VIII secolo a.C. alle Mura Serviane del VI secolo a.C fino alle Mura Repubblicane  del IV secolo a.C.
Le mura e le porte di Roma dalla fondazione della città VIII secolo a.C. al IV secolo a.C.

Prima delle Mura Serviane : le Mura e le Porte Romulee, lunghe 1,5km
Mura di Romolo dette mura Romulee della Roma Quadrata al Palatino, le Mura Romulee misuravano 1,50 chilometri, secondo la tradizione, la fondazione di Roma sarebbe avvenuta intorno alla metà dell'VIII secolo a.C., Marco Terenzio Varrone Reatino la colloca precisamente nell'anno 753 a.C., il fondatore di Roma, secondo la leggenda, sarebbe stato Romolo, la cui abitazione chiamata Casa Romuli, è stata identificata in una capanna, posta sul Palatino. Sul colle sono stati rinvenuti i resti di un muro di fortificazione dell'VIII secolo a.C., probabilmente parte della primitiva cinta muraria descritta dallo storico Tacito negli Annales, di forma quadrangolare, racchiudeva un'area di 285 ettari nella quale si sarebbero aperte tre porte, la porta Mugonia, la porta Romanula e la porta chiamata Scalae Caci, presso il Foro Boario.

Mura di Romolo della Roma Quadrata fondata secondo la tradizione da Romolo il 21 aprile 753 a.C.,fu retta per un periodo di 244 anni da un sistema monarchico, con sovrani inizialmente di origine latina e sabina, e successivamente etrusca. La tradizione tramanda sette re: il primo fu lo stesso Romolo, i successivi : Numa Pompilio, Tullo Ostilio, Anco Marzio, Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il Superbo. Il colle Campidoglio ebbe i primi insediamenti già a partire dal XVI secolo a.C. in seguito i vari insediamenti posti sulle varie zone e colli di Roma, si "assoggettarono" al primo insediamento più importante quello del colle Palatino, sul quale si vuole sia stata fondata Roma da Romolo. I primi insediamenti coincidono con l'incremento della produttività agricola, con l'inizio della colonizzazione greca nel meridione d'Italia, e coincidono con la data che tradizionalmente si vuole per la fondazione di Roma dell'VIII secolo a.C. I primi insediamenti di Roma nell'età del bronzo (XVI secolo a.C.) erano sul colle Palatino, sulle pendici del colle Palatino e della Velia, sul colle Campidoglio, nell'area di Sant' Omobono, nella attuale zona del Foro vi erano le prime necropoli, sul colle Palatino le prime necropoli, sulle pendici del colle Quirinale le prime necropoli. Il primo centro "proto urbano" di Roma sorse dall'assorbimento di villaggi pre-urbani attorno alla prima metà del IX secolo a.C. Questo centro che si era appena creato e darà origine alla città di Roma, era costituito dal Septimontium propriamente detto, formato dalle seguenti alture, montes :

Il Septimontium

  • Due "montes" del colle Palatino, (Palatium e Germalus)

  • 1. Palatium Palatino

  • 2. Germalus (o Cermalus) altura del Palatino

  • 3. la Velia, che collegava il Palatino con le pendici dell'Esquilino (la Velia è scomparsa)

  • 4. Il Fagutal, (altura dell'Esquilino)

  • 5. l' Opius (altura dell'Esquilino)

  • 6. Cispius (altura dell'Esquilino)

  • 7. la Subura

Il Septimontium, inizialmente ristretto ai soli montes, fu allargato in seguito anche ai colles

  • collis Latiaris

  • collis Mucialis

  • collis Salutaris

  • collis Quirinalis

  • collis Viminalis

Il Pomerium secondo la leggenda quindi, Roma fu fondata il 21 Aprile del 753 a.C. da uno dei due gemelli, Romolo, sul Palatino, colle sul quale nel tempo si erano formati degli insediamenti di pastori e di agricoltori, sia latini che sabini, a partire dal XVI secolo a.C. La situazione orografica e climatica del Palatino, del Foro, del Quirinale, e del Campidoglio, era particolarmente favorevole a questi insediamenti, sia per le ampie aree boschive, sia per le aree adatte all'agricoltura e al pascolo, sia per la presenza dei numerosi corsi d'acqua nel fondo valle e la vicinanza all'isola Tiberina e al guado del Fiume Tevere e alle vie di comunicazione tra la costa tirrenica e l'Appennino, e tra l'Italia meridionale e settentrionale. Del resto, la morfologia dell'area geografica della Roma primitiva, era caratterizzata da colli e monti, di altezza contenuta e dai fianchi tufacei che potevano essere anche estremamente ripidi e con le sommità generalmente pianeggianti, adatte quindi ad ospitare nuclei abitativi che, per ovvi motivi di sicurezza, preferirono stabilirsi su queste alture piuttosto che nelle valli sottostanti, valli, soggette per la presenza del Tevere ad allagamenti ed alluvioni, e poco difendibili in caso di attacco nemico. La Roma arcaica ebbe influssi etruschi riscontrabili sia nella religione, l'aruspicina, che nell'ordinamento politico, con la dinastia monarchica degli Etruschi. Gli Etruschi furono la prima dinastia egemone , nella cultura, fino al IV secolo a.C. i giovani ricevettero una educazione etrusca, nel lessico, (il termine "persona" deriva dall'etrusco "pershu" maschera"), insieme agli influssi sabini e latini e dal VII a.C. anche greci (che avevano iniziato a colonizzare il meridione). In particolare, la sommità del Palatino aveva una forma vagamente trapezoidale, che potrebbe essere stato il motivo per cui questa prima Roma venne definita "quadrata". Per la difesa di questi primi agglomerati urbani si sfruttava, per quanto possibile, la conformazione del terreno, nel senso che veniva eretto un muro o, piuttosto, un rinforzo, solo dove il pendio del colle non era abbastanza ripido da impedirne l'accesso. Spesso all'esterno del muro veniva anche scavato un fossato tale da rendere quanto meno difficoltoso l'avvicinamento sui lati non difesi naturalmente. Il leggendario solco tracciato da Romolo aveva probabilmente una funzione di pomerium e quindi di confine, ed è abbastanza verosimile, data l'antica conformazione del colle, che il primitivo muro ed il fossato che lo accompagnavano fossero stati realizzati solo sul lato tra il Germalo ed il Palatino, a difesa del lato più esposto, anche se il pomerium, per il suo significato di cinta sacrale, doveva certamente circondare tutto il centro abitato. Il Pomerium, era una fascia intorno alle mura difensive della città, originariamente aveva un aspetto sia militare che religioso, e il pomerium era considerato il limite degli auspici relativi alla città; per il suo carattere sacrale, era proibito attraversarlo in armi e solo fuori di esso cominciava l’imperium militiae. La tradizione parla di un pomerium romuleo intorno al Palatino; il pomerim si allargò poi in rapporto alla cinta serviana, e fu successivamente ampliato da Silla, Claudio, Vespasiano, Aureliano. Il diritto di allargare il pomerium era concesso solo a chi avesse esteso con conquiste lo Stato romano. Nella leggenda di Romolo e Remo della fondazione di Roma, Remo viene ucciso da Romolo perché oltrepassò il solco che questi stava tracciando, e probabilmente era anche armato macchiandosi quindi di una colpa gravissima: la profanazione del territorio della città, il messaggio di questa leggenda (o verità) per gli abitanti e per i nemici della città era: 'sarà punito chiunque attenti alla città e ai suoi abitanti'.Con lo sviluppo della città, la relazione originaria fra cinta fortificata e il pomerium andò scomparendo. La fondazione di una città, sia latina che etrusca, seguiva uno scrupoloso e meticoloso insieme di riti. Innanzitutto si provvedeva a conoscere gli auspicia, ovvero i messaggi divini basati sul volo e sul canto degli uccelli, la cui interpretazione comunicava le volontà degli dei; tale compito spettava ad un sacerdote, l'augure. In secondo luogo, si scavava una fossa circolare nel punto ove le due strade principali si incontravano formando un angolo retto: questo fossato era chiamato "mundus" (nel senso di non contaminato, pulito). Al suo interno, in un rito dall'alto contenuto simbolico, venivano interrati i simboli religiosi che avrebbero dovuto assicurare alla futura città benessere, prosperità, pace e giustizia; in particolare, il fondatore vi gettava una zolla di terra portata dal luogo di provenienza e lo stesso facevano, dopo di lui, gli altri pater familias. Solo dopo, per mezzo d'un aratro, veniva tracciato un solco di confine che delimitava il territorio della città. I riti proseguivano per diversi giorni per poter estendere i benefici propri del "mundus" all'intero territorio della città rendendolo in tal modo consacrato agli dèi prescelti. Poiché non era possibile costruire subito le mura di difesa sul primo tracciato, veniva realizzato un secondo solco, parallelo al primo. La striscia di terra compresa tra il primo e il secondo solco era il "pomerium" vero e proprio. In questo territorio i sacerdoti confinavano gli spettri, i fantasmi, le larve, i demoni delle malattie e gli spiriti della guerra, della fame, delle pestilenze e tutto ciò che poteva essere ricondotto a situazioni negative per la città e per i suoi abitanti. Qui non si poteva costruire, non si poteva abitare, non si poteva coltivare, né si poteva passare (le porte erano infatti escluse dal pomerium): era l'area consacrata esclusivamente agli dei protettori della città che avrebbero dovuto proteggere questo recinto (e di conseguenza anche tutto ciò che si trovava al suo interno). Questa serie di rigide limitazioni ha suggerito in molti casi di ricorrere a un espediente pratico: far coincidere la striscia del pomerium con la base delle mura della città; in tal modo era sicuramente più facile rispettare i divieti, lo spazio urbano poteva essere meglio sfruttato e le mura stesse assumevano una caratteristica di sacralità, pur essendo ben distinte dal pomerium vero e proprio. Il recinto sacro delimitava e definiva l'Urbs, che è la città intesa come entità consacrata agli dèi. Solo le città con un pomerium possono essere definite Urbes. Le altre sono, al massimo, òppida, nel senso di entità racchiuse da mura con scopi esclusivamente civili, amministrativi e difensivi. Da questa dissertazione sul "pomeriium" si può dare una diversa spiegazione dell'aggettivo a Roma "quadrata" che ci viene fornita anche da Festo e da Properzio, i quali suggeriscono che quadrato potesse essere il "mondus", cioè quella fossa, sacra e pulita, che veniva scavata al centro esatto del pomerium e riempita di tutti quegli oggetti sacrificali e bene auguranti che i sacerdoti utilizzavano durante la complessa cerimonia di inaugurazione della nuova città. Il baluardo tra Germalo e Palatino è però poco più di una verosimile congettura, sulla base della presenza di un avvallamento, tra le due alture, un po' troppo accentuato. La Roma quadrata cui accennano alcuni autori classici comprendeva invece entrambe le alture, con l'esclusione del colle Velia. Tacito fornisce alcune indicazioni in merito al primitivo recinto della città, in base alle quali è possibile ipotizzare il seguente percorso, lungo circa un chilometro e mezzo: dalla basilica di Sant'Anastasia al Palatino, all'incirca all'incrocio tra le odierne via dei Cerchi e via di S. Teodoro, lungo il lato meridionale del Palatino fino alla chiesa di S. Gregorio, piegando poi verso l'Arco di Costantino, quindi verso l'Arco di Tito e la basilica di Santa Francesca Romana per ricongiungersi poi al tracciato dell'odierna via di San Teodoro e scendere per il Velabro fino alla chiesa di Santa Anastasia. Le estremità erano segnalate da altari: l'ara Massima di Ercole nel Foro Boario, l'ara di Conso nella valle del Circo Massimo, il santuario dei Lari ai piedi della Velia e le Curiae Veteres sull'angolo nord-orientale del Palatino. È abbastanza evidente che alcuni di questi tratti sfruttavano la naturale conformazione del colle e non necessitavano pertanto di alcun muro che la circondasse completamente o solo a tratti, il muro che delimitava la città doveva certamente avere delle porte d'accesso. Già gli stessi autori d'epoca imperiale (che scrivevano a sette-otto secoli di distanza) non avevano notizie certe in proposito, né sul numero (tre o quattro), né, tanto meno, sui nomi. Valga per tutti l'esempio di Plinio, autore sempre molto attento, secondo il quale le porte erano "tre o forse quattro", aperte in una cinta muraria che racchiudeva il Palatino ed il Campidoglio. E questa notizia "storica" racchiude già un'imprecisione in quanto l'inclusione del Campidoglio nell'area urbana è posteriore di un paio di secoli alla Roma quadrata originaria. Le ipotesi più accreditate, secondo le indicazioni suggerite da Varrone, suppongono che possa essere esistita una Porta Mugonia (di etimologia molto incerta, posizionata nei pressi dell'arco di Tito, una Porta Romana o Romanula, nei pressi della chiesa di Santa Francesca Romana (la cui denominazione è stata forse assegnata dai Sabini che, stabiliti sul colle Quirinale, dovevano passare da lì per entrare in Roma) e una terza porta Januaria o Janualis o Trigonia. L'ubicazione di quest'ultimo accesso è assolutamente incerta, ma se la Mugonia era verso il colle Velia, cimitero della città e via di transito verso l'Esquilino e il Viminale, la porta Romana, oltre ad assicurare i contatti con i Sabini, si apriva nei pressi della fonte Giuturna, la più vicina risorsa di acqua potabile, è più che lecito ritenere che la terza porta si dovesse aprire verso il Velabro, consentendo quindi l'accesso al Tevere, che rappresentava un'importantissima via di transito commerciale, e di conseguenza anche al mare. Da questa configurazione, che secondo gli studiosi parrebbe essere la più verosimile, è però stranamente assente un ulteriore accesso dalla parte del colle Querquetulano ,il Celio, e quindi verso il territorio dei Latini. Alcuni studiosi ritengono che fosse proprio la porta Trigonia (o comunque si sia chiamata) ad aprirsi verso il Celio, all'altezza della chiesa di S. Gregorio, e in questo caso sarebbe l'accesso dalla parte del Tevere ad essere stranamente mancante. Non si può comunque escludere l'eventualità di qualche passaggio secondario lungo il perimetro delle mura, se non, addirittura, di una quarta porta. Non è un caso che Plutarco citi una Porta Ferentina, quando Romolo, in seguito ad una grave pestilenza che aveva colpito la città di Roma, procedette alla sua purificazione con sacrifici espiatori, che si celebrarono presso questa porta, che conduceva alla selva ferentina ai piedi dei Monti Albani. Una fase estremamente importante per la città di Roma si ebbe con il quarto Re di Roma, Anco Marzio, o Marcio, che regnò dal 675 a.C. al 616 a.C, fu l'ultimo re di origine sabina, appartenente all'antica gens Marcia, regnò per 24 anni. Anco Marzio riprende l'espansione verso sud a danno dei Latini e delle città di Ficana e Politorium, guerra già avviata dal suo predecessore, portando alla schiavitù e alla deportazione di un certo numero di loro sull'Aventino e nella Valle Murcia, creando così il primo nucleo della plebe romana. Aggiunse così alla città di Roma, oltre all'Aventino anche il Gianicolo. Durante il suo regno furono realizzate numerose opere architettoniche tra cui la fortificazione del Gianicolo, la fondazione della prima colonia romana ad Ostia alla foce del Tevere, a 16 miglia da Roma, la costruzione della via Ostiense, dove per primo organizzò le saline e costruì una prigione, la costruzione dello scalo portuale sul Tevere chiamato Porto Tiberino e la costruzione del primo ponte di legno sul Tevere, il Ponte Sublicio. Il potenziamento del centro urbano di Roma e la sua posizione privilegiata spiegano il perché alla fine del VII secolo a.C. si insedia il potere etrusco e cessa quello latino, senza che Roma ne perda il suo carattere sia etnico che culturale. La città di Roma, da un punto amministrativo viene divisa in 4 regioni: o tribù territoriali:

Le quattro Regioni o Tribù di Roma

  • Palatina, includeva il Palatino e la Velia, solo nel IV secolo a.C. verrà incluso anche il Campidoglio

  • Esquilina

  • Collina che includeva il Quirinale e il Viminale

  • Suburana che includeva la Suburra e il Celio

Il periodo etrusco segna anche un periodo di espansione della città che sebbene non tutta abitata ha una superficie di 426 ettari ed i due tracciati della cinta muraria di Roma del VI secolo a.C. coinciderà con quello repubblicano del IV secolo a.C. Imponente nel periodo etrusco sarà anche il sistema di canalizzazione e di fognature, il sistema di risanamento della palude del fondovalle, la costruzione della Cloaca Maxima, che bonificò la valle del Foro, e la valle Murcia, dove i Tarquini edificarono il primo edificio per gli spettacoli, il Circo Massimo.

Porte delle Mura di Romolo Roma Quadrata VIII secolo a.C., lunghe 1,50 km

  1. Porta Mugonia

  2. Porta Romana o Romanula

  3. Porta Januaria o Janualis o Trigonia

  4. Porta Ferentina (presso selva Frentina ai piedi colli Albani)

Le prime mura e porte Serviane del VI secolo a.C. : lunghe 7 Km
mura Serviane propriamente dette,del VI secolo a.C. di 7 Km

L'edificazione delle Mura Serviane, del VI secolo a.C. furono iniziate da Tarquinio Prisco e completate poi da Servio Tullio da cui derivano il nome, erano lunghe 7 chilometri, questa fortificazione, come ci tramandano le fonti storiche, erano composte da un "aggere", che era un terrapieno, da un fossato e da un muro. Vi sono dei resti rintracciabili per il centro di Roma, sul colle Palatino, sul colle Quirinale, sul colle Campidoglio e sul colle Esquilino L'agger di Servio Tullio era un muro difensivo formato da piccoli blocchi di tufo granulare e solo queste sono le vere mura Serviane quelle del VI secolo a.C. e che andrebbero distinte da quelle definite anch'esse serviane ma che in realtà furono edificate nel IV secolo a.C. in epoca repubblicana dopo l'incendio di Roma da parte dell'invasione dei Galli nel 390 a.C. Purtroppo siccome i resti per le mura del VI secolo a.C. sono davvero scarsi, non si possono formulare ipotesi attendibili circa i criteri della loro edificazione. Non fu quindi la prima cinta di Servio Tullio a proteggere Roma, ma la cinta del IV secolo a.C., di età Repubblicana, che restaurò ed ampliò la cinta serviana del VI a.C.. Roma infatti, benchè fortificata da Servio Tullio, venne invasa tra il 390 e il 387 c.C. dai Galli di Brenno che erano riusciti ad entrare a Roma con una certa facilità, la misero a ferro e fuoco con gravi saccheggi e distruzioni, per cui si rese necessario riconsiderare il muro difensivo serviano. Forse fu lo stesso Marco Furio Camillo, che aveva messo in fuga i Galli di Brenno, ad iniziare la nuova cinta muraria, di età repubblicana, in opera quadrata, a blocchi a forma di parallelepipedo, di tufo litoide. I blocchi erano contrassegnati da marchi per controllarne la realizzazione dei lavori, spesso con caratteri alfabetici greci, le maestranze, o almeno gli architetti, provenivano in buona parte dall'alleata Siracusa, nella Magna Grecia dominata da Dionigi il Vecchio, che aveva realizzato egregiamente una fortificazione nella sua città.

Porte delle Mura Serviane propriamente dette del VI secolo a.C.

  1. Porta Mugonia per il Palatino,
  2. Porta Saturnia (o Pandana) per il Campidoglio,
  3. Porta Viminalis,
  4. Porta Oppia, (monte o colle Oppio)
  5. Porta Cespia (monte o colle Cispio)
  6. Porta Querquetulana (Querquetulum era l'antico nome del colle Celio)
  7. Porta Collina (per il collis Quirinalis)

Campidoglio : Mura Porte difensive di accesso Campidoglio al IV secolo a.C.

Il Campidoglio mons Capitolinus, aveva una sua cinta muraria indipendente, secondo lo storico Tacito, e il sottostante Foro romano furono aggiunti alla Roma quadrata a seguito di un accordo tra Romolo e Tito Tazio, il Campidoglio aveva una sella Asylum, che divideva la sommità settentrionale, detta Arx, da quella meridionale, che era il Capitolium propriamente detto, il Capitolium aveva inoltre una propaggine, chiamata Rupe Tarpea. Il mons Capitolinus aveva già la sua fortificazione propria, l'Arx Capitolina, a cui vennero poi collegati i colli Quirinale, Viminale, Esquilino, Celio, Palatino, Aventino e parte del Foro Boario, usando anche le difese naturali dei colli stessi. Secondo la leggenda il primo insediamento sul colle fu fondato dal dio Saturno, nel quale furono accolti i Greci guidati da Ercole. Il Campidoglio dovette essere abitato fin dall'età del Bronzo, come provano alcune ceramiche scoperte ai piedi di esso, nell'area sacra di Sant'Omobono e nello scavo presso il cosiddetto Giardino Romano. Secondo lo storico Tacito il Campidoglio come pure il sottostante Foro romano furono aggiunti alla Roma quadrata di Romolo da Tito Tazio. Altri lavori sul monte furono posti in essere dal quinto re di Roma, Tarquinio Prisco, il quale vi costruì qui l'ingresso trionfale. Durante l'assedio dei Galli del 390 a.C. sul Campidoglio ci fu il famoso episodio delle oche capitoline, le quali tenute all'interno del recinto sacro del tempio di Giunone, con il loro starnazzare svelarono il tentativo di assalto notturno dei Galli. Quindi dopo l'assedio del Galli del 390 a,C, anche le difese del Campidoglio in età repubblicana, vennero rafforzate con un muro in corrispondenza della depressione centrale, che fungeva da opera di sostruzione, cioè di contenimento delle pendici, e da difesa e fortificazione. In questo muro difensivo si aprivano una serie di porte: una sul lato verso il Foro Romano la porta Saturnia, presso il tempio di Saturno, o porta Capitolini (mons), o porta Tarpeia, o ancora porta Pandana, ovvero "sempre aperta" per i Sabini in seguito all'accordo tra Romolo e Tito Tazio, permetteva l'accesso dal clivus Capitolinus, la via seguita dai cortei dei trionfatori. Una seconda porta, la porta Catularia, si apriva sul lato opposto per un asse viario in salita, clivus, proveniente dal Campo Marzio, mentre una terza porta , porta Carmentalis verso sud-ovest, permetteva l'ingresso della scalinata dei Centum gradus, il cui nome evoca i cento gradini che scendevano dal Fornix Calpurnius sul lato della Rupe Tarpea, verso il teatro di Marcello. Altri nomi di porte del Campidoglio ci sono tramandati dalle fonti, porta Flumentana, forse verso nord-ovest, e porta Fontinalis o forse Ratumenna a nord-est). Un ulteriore accesso dal Foro Romano era costituito dalla scalinata delle Scalae Gemoniae, che salivano all'Arx in corrispondenza forse della scalinata attuale, passando tra il Carcer e il tempio della Concordia. I gradus Monetae, scalinata diretta al tempio di Giunone Moneta, erano probabilmente un prolungamento delle Scalae Gemoniae nel punto più alto della cittadella.

Porte del Campidoglio fino al IV secolo a.C.

  1. Porta Saturnia (detta anche: Capitolini, Tarpeia, Pandana)
  2. Porta Catularia
  3. Porta Carmentalis
  4. Porta Flumentana
  5. Porta Fontinalis (o Ratumenna)
  6. Scalae Gemoniae e i Gradus Moneate

Porte e Mura di Roma - dalla Roma Quadrata alle Mura  Serviane - alle Mura Repubblicane dalla Fondazione di Roma fino al IV secolo a.C. - 12 Km

La struttura urbana successiva alla Roma quadrata e fino alla costruzione, nel 378 a.C., delle mura serviane del VI secolo a.C., era organizzata in modo decentrato, nel senso che le varie alture costituenti la città non facevano parte di un'unica entità difensiva, ma possedevano, ciascuna, una propria struttura difensiva, e militare indipendente, affidata più alla forza e al valore degli uomini che non alle fortificazioni. Il sacco di Roma ad opera dei Galli nel 390 a.C. fu l'avvenimento che mise in crisi questo sistema e dimostrò la necessità di una struttura fortificatoria unitaria. Fino ad allora la configurazione orografica dei colli era sufficiente a provvedere, da sola, alle necessità della difesa, eventualmente aiutata, dove si fosse rivelato necessario, dalla costruzione di mura o dallo scavo di un fossato e di un terrapieno (agger). Roma conobbe un periodo di intenso sviluppo sotto il governo di alcuni re di origine etrusca, i quali operarono riforme politiche e militari, ingrandirono notevolmente l'area urbana di Roma, la abbellirono con templi, monumenti ed opere di pubblica utilità. Lucio Tarquinio Prisco, fu il quinto Re etrusco di Roma, con il nome di Tarquino Prisco, nato a Tarquinia da padre greco e madre etrusca, fu in carica dal 616 al 579 a. C. (come ci riporta la cronologia di Tito Livio); egli in previsione del rapido aumento della popolazione romana, pensava che fosse opportuno ampliare i limiti del pomerio, il "pomerium" era presso i romani il confine sacro della città, lo spazio di terreno, una sorta di "strada", che doveva rimanere libero da costruzioni e che correva lungo le mura della città all’interno e all’esterno di questa, Traquinio Prisco voleva anche fortificare la città di Roma, ma il suo progetto definitivo venne rimandato a causa del suo impegno nella lotta contro i Sabini. Il progetto quindi di ampliare la cinta muraria di Roma, venne poi attuato dal suo successore Servio Tullio, di umili origini, fu il sesto Re etrusco di Roma, che regnò dal 578 al 539 a.C., era il genero di Tarquinio Prisco, per averne sposato la figlia, e dopo che Tarquinio Prisco fu ucciso da una congiura messa in atto dai 3 figli di Anco Marzio ai quali aveva sottratto il trono fu posto come Re di Roma, dalla moglie di Tarquinio Prisco Tanaquil, la quale nascondendo al popolo l'uccisione e la morte del marito gli diede il regno dicendo al popolo che Servio Tullio era stato designato da Tarquinio, il quale in questo modo ottenne il potere in modo illegittimo e senza il consenso ufficiale del popolo romano, ad ogni modo regnò per 39 anni. Il primo centro arcaico urbano di Roma sorse nella prima metà del IX con l'assorbimento di villaggi pre-urbanii, questo primo centro darà poi origine alla città di Roma, era costituito all'inizio dal Septimontium , "sette monti" formato dalle seguenti alture dette anche montes : 1 . mons Palatium, (Palatino), 2. mons Germalus (Germalo anche questo sul Palatino, e la Velia che collegava il Palatino alle pendici dell'Esquilino, oggi scomparsa perché spianata in epoca fascista per l'apertura dei Fori Imperiali), 3. il mons Fagutal, 4. il mons Opius , 5. il mons Cispius, 6. il mons Celio (che facevano parte del mons Esquilinus), 7. la Subura. Servio Tullio incluse al Septimontium il Vimininale, il Quirinale e l'Esquiliae e divise Roma in 4 Regioni : I Suburra, II Esquilia, III Collina , IV Palatina. La nuova opera difensiva venne eseguita sotto l'influenza di Dionisio il Vecchio che aveva già adottato per Siracusa un nuovo sistema difensivo contro i Cartaginesi. Questo sistema fortemente centralizzato e che circondava tutta l'area urbana, fece del Campidoglio la rocca religiosa e militare, simbolo di un nuovo clima unitario. In parte le mura repubblicane del 378 a.C. furono costruite seguendo il tracciato "dell'agger et fossa" di Servio Tullio, riforzando i punti più deboli e costruendo tra il Viminale, il Quirinale, e l'Esquilino un poderoso agger composto di muro, terrapieno e fossa. Andava dalla Porta Collina sulla attuale via XX Settembrem angolo con via Goito, alla porta Esquilina presso l'Arco di Gallieno, le mura si snodavano per 12 chilometri. Per realizzare la cinta muraria fu utilizzato il tufo delle cave di Grotta Oscura e di Fidene. Delle porte e delle mura del recinto serviane del VI secolo a.C. e repubblicano del IV secolo a.C. restano solo pochi resti, lo stile era severo e privo di decorazioni superflue, simbolo dello spirito romano, razionale, grande e potente retto da leggi rigide che non avverte esigenze estetiche.

Tutte le Porte dalla Roma Quadrata alle Mura serviane del IV secolo a.C.

  1. Porta Collina (Roma quadrata e serviana), Quirinale, via Goito XX
  2. Porta Viminalis (serviana) piazza dei Cinquecento pressi stazione Termini
  3. Porta Esquilina, trasformata nell'Arco di Gallieno tutt'ora visibile
  4. Porta Querquetulana (Roma quadrata e serviana) per il colle Celio Basilica di San Clemente
  5. Porta Caelimontana, diventata Arco di Dolabella
  6. Porta Capena, tra il Circo Massimo e via delle Terme di Caracalla
  7. Porta Naevia, all'Aventino tra San Saba e Santa Balbina
  8. Porta Raudusculana, Aventino, piazza Albania
  9. Porta Lavernalis, Aventino, pressi chiesa Sant'Anselmo
  10. Porta Navalis, forse via Marmorata
  11. Porta Minutia (o Minucia) Aventino, Priorato di Malta
  12. Porta Trigemina, Aventino pressi Foro Boario (Arco della Salara)
  13. Porta Carmentalis, presso l'attuale Anagrafe
  14. Porta Fontinalis, via che conduceva dal Foro Romano all'ara di Marte (lato sinistro Altare Patria)
  15. Porta Sanqualis, tra il Quirinale e l'attuale Largo Magnanapoli
  16. Porta Salutaris, sulla attuale via della Dataria
  17. Porta Quirinalis, tra l'attuale palazzo Barberini e via delle Quattro Fontane
  18. Porta Mugonia (serviana) per il Palatino, nei pressi dell'Arco di Tito (Roma quadrata)
  19. Porta Saturnia o Pandana (serviana) per il Campidoglio (Roma quadrata)
  20. Porta Oppia (serviana), per il colle Oppio (Roma quadrata)
  21. Porta Cespia, per il colle Cispius (Roma quadrata)
  22. Porta Trigonia, forse Juniaria, Janualis, accesso al Celio, chiesa San Gregorio (Roma quadrata)
  23. Porta Romana o Romanula, nei pressi della chiesa S. Francesca Romana foro (Roma quadrata)
  24. Porta Flumentalis, dal Tevere alle pendici del Campidoglio
  25. Porta Triumphalis, dal Tevere alle pendici del Campidoglio
  26. Porta Carmentalis, sulla via dal foro Boario al foro Olitorio
  27. Porta Ratumena, dal attuale Foro Traiano, a piazza Magnanapoli
  28. Porta Catularia, alla base della scalinata Campidoglio (successiva recinto serviano e repubblicano)

Resti ancora visibili a Roma delle Mura Serviane Repubblicane

  1. Via Antonio Salandra
  2. Via Carducci
  3. Stazione Termini
  4. Piazza dei Cinquecento
  5. Piazza Manfredo Fanti
  6. Via Carlo Alberto
  7. Arco di Gallieno Via San Vito
  8. Auditorium di Mecenate Largo Giacomo Leopardi
  9. Via Mecenate (Rione Monti)
  10. Via Equizia (Rione Monti)
  11. Arco di Dolabella Via San Paolo della Croce
  12. Piazza di Porta Capena
  13. Piazza Albania
  14. Via di Sant'Anselmo
  15. Campidoglio
  16. Museo del Risorgimento
  17. via del Teatro Marcello
  18. Largo Magnanapoli (Rione Monti)
  19. Palazzo Antonelli (Rione Monti)
  20. Area Sacra San'Omobono
  21. Tempio di Portunus Foro Boario
  22. Largo Santa Susanna
Mappa delle Mura Serviane Repubblicane di Roma
 
mappa delle mura serviane roma
 
Resti delle Mura Serviane Roma
 

Vedi : Porte Serviane di Roma

LE PORTE SERVIANE ROMA
Porte Serviane di Roma

Mura Serviane di Roma

Mura Serviane di Roma

Mura Serviane - Porte Serviane - Rioni di Roma

 LE MURA SERVIANE ROMA porte mura serviane a roma RIONI DI ROMA,GUIDA TURISTICA DI ROMA

 Mura Serviane RomaPorte delle Mura Serviane di Roma -Rioni di Roma

torna Mura di Roma - Porte di Roma - Guida Turistica

MURA DI ROMA Porte di Roma Guida Turistica di Roma, Foto, Informazioni

Mura di Roma - Porte di Roma Guida turistica di Roma

Tutte le Foto sono di proprietà di Anna Zelli 
ne è vietata la riproduzione anche parziale

 

 

 

mura serviane roma

 

Contatti: Guida Turistica Roma

e mail arte cultura idee

zellianna@hotmail.com

 

Itinerari Turistici Roma

roma itinerari turistici info e foto

Itinerari Turistici Roma

Passeggiate Romane

Piazza Navona dintorni

Pantheon e dintorni

Campo de Fiori dintorni

Portico d'Ottavia

via Giulia e dintorni

Piazza Spagna dintorni

via Veneto dintorni

Quirinale e dintorni

Campidoglio e dintorni

Foro Romano dintorni

Aventino e dintorni

Testaccio e dintorni

Caracalla e dintorni

Trastevere e dintorni

Gianicolo e dintorni

Giardini Gianicolo

Laterano e dintorni

Celio e dintorni

Piazza Cavour dintorni

Città del Vaticano Guida

ROMA CITTA' DEL VATICANO GUIDA TURISTICA www.annazelli.com

Città del Vaticano

Basilica di San Pietro

Musei Vaticani

Cappella Sistina

Giardini Vaticani

Strade in Vaticano

via della Conciliazione

Passetto Vaticano

Borgo e Vaticano

Rione Borgo R. XIV
 

Arte e Pittura Anna Zelli

anna zelli, pittrice, arte e pittura. www.annazelli.com

Anna Zelli Pittrice

Galleria A.Zelli

Galleria Ritratti Donne

     Omaggio a T. De Lempicka

     Galleria Ritratti Uomini 

     Galleria Nature Morte

     Galleria Paesaggi

      Paesaggi Urbani

     Galleria Disegni

2011 Mostra Zelli

2012 Quadri Zelli

Erboristeria Naturopatia

tematiche di medicina naturale erboristeria naturopatia a cura di anna zelli

Chi Sono Erboristeria

Accenni Erboristeria

Avvertenze uso Erbe

Patologie ed Erbe

Mappa Erboristeria

Schede Piante Officinalis

SCHEDE PIANTE OFFICINALIS,Erboristeria,erboristeria,ERBORISTERIA

Schede Erbe Piante

Vitamine e Minerali

Bibliografia Erboristeria

Fiori di Bach

fiori di bach mappa argomenti, www.annazelli.com

Fiori di Bach Home

Fiori di Bach Mappa

Bibliografia Fiori di Bach

Alimentazione Naturale

MAPPA SITO WEB ALIMENTAZIONE NATURALE, INFO A CURA DI ZELLI ANNA  www.annazelli.com

Alimentazione Sana

Mappa Alimentazione

Alimentazione Libri

Bellezza e Salute

erboristeria naturopatia bellezza e salute,mappa argomenti

Pelle Salute Erboristeria

elenco erbe fitocosmesi

mappa bellezza salute

Astrologia Medica

Astrologia Medica Mappa Argomenti

Suddivisione Zodiaco

Mappa Astrologia Medica

Bibliografia Astrologia

Arte Cultura Novità Idee

Anna Zelli - www.annazelli.com

H O M E

CHI SONO

CONTATTI

A.Z. Arte Cultura Novità Idee - www.annazelli.com

www.annazelli.com

Mura Serviane di Roma

Mura Serviane Roma

Porte Serviane di Roma

Guida Turistica Roma

Itinerari Turistici Roma

Rioni di Roma

Bibliografia Roma

Città del Vaticano

A.Z. Anna Zelli Arte Cultura Novità Idee www.annazelli.com

 

 

Anna Zelli  A.Z.  Arte Cultura Novità Idee

potete contribuire gratuitamente con le vostre idee : mandate una mail
 

Copyright dal 2011

tutte le foto e i contenuti del sito sono di proprietà esclusiva
è vietata qualsiasi riproduzione e copia del sito e delle immagini

torna

Guida Turistica di Roma - Itinerari Turistici di Roma -  Guida Turistica del Vaticano - Home Page

     Guida Turistica di Roma, Foto, Informazioni Itinerari Turistici di Roma GUIDA TURISTICA CITTA' DEL VATICANO Home Arte Cultura Idee Anna Zelli - www.annazelli.com

Guida turistica di Roma - Itinerari Turistici Roma - Guida turistica Città del Vaticano - Home Page

ANNA ZELLI www.annazelli.com

www.annazelli.com