San Michele Arcangelo,Santi a Viterbo vita opere storia, Viterbo, informazioni e fotografie a cura di Anna Zelli sito ufficiale web www.annazelli.com

Viterbo
Informazioni Turistiche

san michele arcangelo santi a viterbo vita opere storia

SANTI
 VITA OPERE STORIA
 VITERBO

     Guida Viterbo centro Viterbo dintorni torna alla Home

 San Michele Arcangelo

san michele arcangelo informazioni storiche

San Michele Arcangelo

Chiesa Sant'Angelo in Spatha

 Santi a Viterbo

viterbo i santi vita opere storia

Santi a Viterbo

 Chiese Viterbo Centro

viterbo chiese del centro storico

Chiese Viterbo centro

Viterbo Bibliografia

Contatti

 Viterbo

VITERBO MAPPA CENTRO STICO PIANTINA

Mappa Viterbo centro

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Contatti

 Viterbo

Viterbo

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE

Guida Turistica Viterbo
Mappa Viterbo centro
StemmA di Viterbo
Archi di Viterbo centro
Biblioteche Viterbo centro
Bibliografia Viterbo
Contatti
Cortili di Viterbo centro
Chiese di Viterbo centro
Chiese fuori Viterbo
Campanili di Viterbo centro
Cupole di Viterbo centro
Chiostri di Viterbo centro
Cinema di Viterbo centro
Città dei dintorni Viterbo
Colli di Viterbo centro
Confraternite di Viterbo
Degrado Viterbo
Dintorni Viterbo da vedere
Edicole sacre a Viterbo
Eventi Viterbo e dintorni
Famiglie nobili di Viterbo
Festa Santa Rosa Viterbo
Fiumi Fossi di Viterbo
Fontane lavatoi di Viterbo
Giardini Parchi Orti
Giornali e Media Viterbo
Laghi dintorni Viterbo
Lapidi Viterbo centro
Leggende di Viterbo
Logge di Viterbo centro
Musei di Viterbo centro
Monumenti di Viterbo
Mare e spiagge vicine
Mura Viterbo centro
Nasoni di Viterbo centro
Numeri utili
Ospedali scomparsi
Orologi Viterbo centro
Palazzi di Viterbo centro
Papi eletti a Viterbo
Piazze di Viterbo centro
Porte Storiche di Viterbo
Porte fuori Viterbo
Porte murate e scomparse
Ponti di Viterbo centro
Profferli di Viterbo centro
Panorami di Viterbo centro
Quartieri Viterbo centro
Quartieri Viterbo
Santi vita opere storia
Scuole Università Viterbo
Statue busti e teste
Scalinate Viterbo centro
Stemmi a Viterbo
Storia di Viterbo
Testimonianze Etrusche
Torri di Viterbo centro
Teatri di Viterbo centro
Terme di Viterbo
Vie di Viterbo centro
Viterbo sotterranea
Viterbo e la Tuscia
Viterbo dintorni vedere

 

piazze di Viterbo

vterbo piazze di viterbo

Piazze di Viterbo centro

 Vie di Viterbo

vie di viterbo centro storico

Vie di Viterbo centro

Informazioni Roma

A.Z. Arte Cultura Idee Guida Turistica di Roma www.annazelli.com

Itinerari Turistici Roma

Passeggiate Romane

Rioni di Roma

Città del Vaticano

Guida Turistica Roma

Bibliografia Roma

Contatti

Città del Vaticano

Città del Vaticano Guida Turistica

Città del Vaticano

Basilica di San Pietro

Musei Vaticani

Cappella Sistina

Giardini Vaticani

Strade in Vaticano

Borgo e Vaticano

Rione Borgo R. XIV

Informazioni Viterbo

Viterbo

viterbo centro storico

Guida Viterbo centro

Viterbo dintorni

Viterbo Bibliografia

Viterbo - Roma

Guida Viterbo centro

Guida Turistica Roma

contattaci

e mail arte cultura idee

Contatti

zellianna@hotmail.com

Torna alla Home

A.Z. Anna Zelli Arte Cultura Novità Idee www.annazelli.com

H O M E   P A G E

www.annazelli.com
 

Arcangelo Michele, a questo Arcangelo è dedicata a Viterbo,  la chiesa di Sant'Angelo in Spatha a piazza del Plebiscito, il nome significa chi è ? Come Dio ? lo si trova menzionato nell'Ebraismo, nel Cristianesimo, e nell'Islam. Nella tradizione delle chiese Cattolica Romana e Ortodossa, e di quelle Anglicana e Luterana,  è chiamato San Michele l'Arcangelo, ovvero l'Arcangelo per antonomasia, o più brevemente San Michele. Nella tradizione delle Chiese ortodosse orientali e ortodossa, è chiamato brevemente Arcangelo Michele.  L'attribuzione nel nome dell’Arcangelo Michele del titolo di santo, che pure ha origine nell'Antico Testamento, non è universalmente accettata da tutte le confessioni religiose. Invece, il nome proprio Michele è tra quelli a cui la Bibbia attribuisce espressamente il titolo di arcangelo, così come anche nei passi biblici che si riferiscono agli altri due ultimi arcangeli riconosciuti: Gabriele e Raffaele. Per la Chiesa cattolica, la solennità liturgica dei tre santi arcangeli ricorre il 29 settembre: in ordine, san Michele Arcangelo, san Gabriele Arcangelo, san Raffaele Arcangelo. L’Arcangelo Michele il Celeste Protettore dell'Ordine dei Minimi di San Francesco di Paola, è ricordato per aver difeso la fede in Dio contro le orde di Satana. Michele, comandante delle milizie celesti, dapprima accanto a Lucifero (Satana) nel rappresentare la coppia angelica, si separa poi da Satana e dagli angeli che operano la scissione da Dio, rimanendo invece fedele a Dio, mentre Satana e le sue schiere precipitano negli Inferi. L'arcangelo Michele è rappresentato in forma di guerriero, infatti porta una spada. Secondo la liturgia cristiana, Michele è l'angelo che rivelò l'apocalisse a San Giovanni. Il culto a San Michele riveste grande importanza per la Chiesa cattolica, infatti, Papa Leone XIII, ad scrisse alcune preghiere all'Arcangelo e, in atti ufficiali dichiarò ai fedeli che la preghiera a San Michele Arcangelo fu a lui dettata lettera per lettera direttamente dal “Principe delle milizie celesti» in una visione diurna e consapevole” Dal 1884, anno della sua introduzione, fino al 1965, prima della riforma del Vaticano II, alla fine di ogni Messa non cantata era obbligatorio che il sacerdote celebrante e i fedeli si mettessero in ginocchio davanti ai piedi dell'altare per pronunciare una preghiera alla "Santa Madre di Gesù Cristo Dio", e a seguire, la forma abbreviata delle Preci Leonine al Principe degli Angeli. Un regolamento preso durante il Concilio dalla Congregazione per la dottrina della fede ha abolito le preci leonine nella Forma Ordinaria del Rito Romano. Esse, tuttavia, rimangono obbligatorie nella Forma Straordinaria e possono facoltativamente essere aggiunte al Nuovo Ordo come pratica devozionale al termine della Messa. Oltre alle preci da recitarsi al termine della Messa, Leone XIII stabilì anche un rito esorcistico (l'Exorcismus in Satanam et Angelos Apostaticos) in cui, nella prima parte, “principe gloriosissimo delle milizie celesti” e “custode e patrono della Santa Chiesa” viene invocato perché venga in difesa dei cristiani contro il demonio.Lo stesso Pontefice fece pubblicare tutte queste preghiere nell'edizione (rivista più di una volta) del Messale Romano del 1884, insieme alle Messe dei Santi. Era quindi chiara e primaria l'indicazione generale che tutti riprendessero la preghiera in devozione all'Arcangelo, per poi fare di nuovo ripartire anche la devozione agli altri Santi.. Nella Chiesa cattolica e in diverse altre confessioni la posizione di "Santo Principe" comporta la venerazione dell'Arcangelo come "Principe dei Santi" e "Principe degli Angeli" (e della Milizia Angelica). Tutti gli angeli rimasti a lui fedeli e obbedienti nella Gerarchia creata sono anch'essi Angeli Santi. La devozione a San Michele Arcangelo ha permesso la nascita di diversi luoghi di culto in tutto il mondo e, in particolare, in Europa, dov'è apparso in alcune occasioni.  La Chiesa ortodossa celebra l'8 novembre la festa degli Arcangeli Michele e Gabriele, e delle potenze divine. L'inno a San Michele per questa ricorrenza è composto di 24 strofe, lette da una guida:La prima basilica dedicata all'arcangelo in Occidente è quella che sorgeva su di un'altura al VII miglio della Via Salaria, ritrovata dalla Soprintendenza archeologica di Roma nel 1996; il giorno della sua dedica, officiata con ogni probabilità da un Papa prima del 450, è rimasto fino ad oggi quello in cui tutto il mondo cattolico festeggia "San Michele", ovvero il 29 settembre. La basilica in Septimo fu meta di pellegrinaggi fino al IX secolo, quando il riferimento geografico della festa del 29 settembre risulta trasferito al santuario garganico e alla chiesa di Castel Sant'Angelo a Roma. Alla fine del V secolo il culto si diffuse rapidamente in tutta Europa, anche in seguito all'apparizione dell'arcangelo sul Gargano in Puglia. Secondo la tradizione, l'arcangelo sarebbe apparso a san Lorenzo Maiorano, vescovo di Siponto l'8 maggio 490 e, indicatagli una grotta sul Gargano, lo invitò a dedicarla al culto cristiano. In quel luogo sorge tutt'oggi il santuario di San Michele Arcangelo - Celeste Basilica - (nel mezzo del nucleo cittadino di Monte Sant'Angelo), che nel Medioevo fu meta di ininterrotti flussi di pellegrini, i quali per giungervi percorrevano un percorso di purificazione lungo la Via Francigena. Fin dal VII secolo i pastori pugliesi che si recavano in transumanza sulla Majella portavano con loro il culto di San Michele Arcangelo. San Michele Arcangelo è infatti anche il patrono di Arielli, piccolo comune della provincia di Chieti attraversato interamente dal tratturo che da L'Aquila porta in Puglia e la sua festa viene celebrata il 29 settembre con grande partecipazione di popolo. A Lettomanoppello a circa 750 ms.l.m. c'è un'ampia grotta in cui è collocata una statua in pietra del santo particolarmente venerata nei secoli passati da tutti i lettesi (abitanti di Lettomanoppello) che, ogni anno, l'8 di maggio si recavano in processione dal paese fino alla grotta per celebrarvi messa. Pietro da Morrone, poi papa Celestino V, ai piedi della grotta costruì una piccola cappella. Attualmente nella grotta è collocata una copia della statua in quanto quella originale, poiché di notevole valore storico-artistico (nonché economico) dopo un tentativo di furto è custodita presso il Museo delle genti d'Abruzzo a Pescara, San Michele è inoltre il patrono di Città Sant'Angelo sempre in provincia di Pescara. Nella vita di papa Gregorio I, riportata dalla Leggenda aurea, si narra che durante una tremenda pestilenza, al termine di una processione con il canto delle litanie istituite dal papa intorno alla città di Roma, Gregorio vide apparire su Castel Sant'Angelo San Michele che deponeva la spada nel fodero, segno che le preghiere erano state ascoltate e che la terribile epidemia sarebbe cessata. Per commemorare l'episodio sul monumento fu eretta una statua raffigurante l'arcangelo. Il culto di San Michele fu assai caro ai Longobardi, e in Italia l'arcangelo Michele è patrono di molti paesi e alcune città, tra cui Gualdo Tadino, dove si svolge un Palio in suo onore. Sul monte Pirchiriano, nel territorio di Sant'Ambrogio di Torino, i Longobardi costruirono una piccola edicola dedicata all'Arcangelo Michele, che successivamente, nell'anno 986, divenne abbazia denominata sacra di San Michele. Il culto fu caro anche a san Colombano ed ai monaci colombiani di Bobbio, lo stesso santo monaco missionario irlandese fondò numerose chiese dedicati al santo nella sua opera evangelizzatrice in Europa ed eresse nel 615 l'eremo di San Michele di Coli poco distante da Bobbion Vaticano, in occasione dell'inaugurazione di una statua di San Michele Arcangelo nei Giardini Vaticani il 5 luglio 2013, Papa Francesco ha consacrato lo Stato della Città del Vaticano a San Giuseppe e a San Michele Arcangelo, principale difensore della fede. Altro luogo di venerazione dell'Arcangelo Michele è l'isolotto francese di Mont Saint-Michel. Qui, secondo la leggenda, l'arcangelo Michele apparve nel 709 a Auberto di Avranches, vescovo di Avranches, chiedendo che gli fosse costruita una chiesa sulla roccia. Il vescovo ignorò tuttavia per due volte la richiesta finché San Michele non gli bruciò il cranio con un foro rotondo provocato dal tocco del suo dito, lasciandolo tuttavia in vita. Il cranio di Sant'Uberto con il foro è conservato nella Chiesa di Saint-Gervais. Più a sud, a Le Puy-en-Velay, nell'Alvernia, è dedicata a San Michele una cappella, sita sulla punta di un antico vulcano e meta di pellegrinaggi. Giovanna d'Arco identificò nell'Arcangelo Michele una delle "Voci" che la ispirarono e la prima che le si presentò. Nella tradizione cristiana è colui che combatte e sconfigge Satana. Ecco perché il Santo è stato proclamato protettore delle forze dell'ordine da Pio XII nel 1949 in omaggio alla “lotta” che il poliziotto combatte tutti i giorni al servizio dei cittadini. Nello stesso giorno la Chiesa festeggia anche gli Arcangeli Raffaele, soccorritore, e Gabriele, annunciatore. Giorno e notte essi servono Dio e, contemplando il suo volto, lo glorificano incessantemente.

La devozione all’Arcangelo Michele a Viterbo e dintorni: A Vitorchiano lo si festeggia il 29 settembre, insieme ai Santissimi Arcangeli Raffaele e Michele, come patrono del paese dal 1319 quando venne deciso di sostituire la precedente Patrona che era la Madonna Assunta con San Michele Arcangelo. La tradizione racconta che il parroco dell’epoca andò in pellegrinaggio al santuario di San Michele Arcangelo che si trova sul Gargano, in Puglia; rimasto talmente colpito dalla bellezza del luogo, decise di portare a Vitorchiano la devozione all’arcangelo Michele. Tornato in paese ed ottenuti i dovuti permessi fece eleggere il santo a nuovo patrono e di celebrarne la festa ogni anno l’8 maggio, giorno della prima apparizione sul Gargano. Da allora i Vitorchianesi ne celebrano la memoria l’8 maggio con grandi festeggiamenti e con la tradizionale processione all’antico santuario del 1358 e il 29 settembre con la tradizionale ricorrenza di San Michele delle vendemmie. A Viterbo l’Arcangelo Michele viene festeggiato come il protettore della Polizia di Stato, e a piazza del Plebiscito la chiesa di Sant’Angelo in Spatha è dedicata proprio all’Arcangelo Michele, rappresentato in una vetrata visibile sulla facciata della Chiesa. Anche a Nepi il 29 settembre ci sono celebrazioni solenni per la festa di San Michele, e qui oltre ad essere il protettore della Polizia di Stato lo è anche della Congregazione di San Michele Arcangelo. A Sutri, lungo la via Cassia, che è anche la via Francigena c’è la Chiesa di Santa Maria del Parto ricavata da un antico Mitreo pagano, e trasformata in chiesa nel Medioevo, . Del culto originario di san Michele rimangono raffigurazioni sulla volta a botte, dove l’Arcangelo ha il volto sbalzato nel rilievo della roccia, indossa il loron in segno di appartenenza all’esercito celeste, protettore dei cavalieri cristiani, databile all’VIII-IX secolo; e sull’arco sopra la porta, datato agli inizi del 1300, che raffigura il miracolo del toro e del pastore sul Monte Gargano. Non lontano da Viterbo, su uno sperone tufaceo che domina la bellissima valle Suppentonia, Castel Sant’Elia ospita una delle basiliche più suggestive di tutta la regione. Dedicata a Sant’Elia, ed eretta secondo la tradizione sul Tempio di Diana Cacciatrice, la basilica è sovrastata da una parete tufacea sul bordo della quale sorge la Chiesa di San Michele Arcangelo ad Rupes dalla quale un lungo cunicolo con 144 gradini scavati nella roccia conduce al santuario di Maria Santissima ad Rupes. Qui si venera un’immagine della Vergine del XVI secolo, a testimonianza della trasformazione di molti santuari micaelici in mariani.

Vedi la vita dei Santi vita storia miracoli

viterbo i santi vita opere storia

Santi a Viterbo, vita opere storia dei Santi che sono stati a Viterbo, informazioni storiche a cura Anna Zelli

Vedi Piazze di Viterbo - Vie di Viterbo centro storico

vterbo piazze di viterbo centro storico vie di viterbo centro storico

Piazze di Viterbo centro - Vie di Viterbo centro foto ed info Anna Zelli

Viterbo centro storico - Viterbo dintorni
 

VITERBO INFORMAZIONI TURISTICHE Viterbo dintorni luoghi da vedere
Viterbo informazioni Turistiche Viterbo dintorni

Viterbo guida centro storico - Viterbo dintorni info e foto a cura di Anna Zelli

Contattaci per prenotare un B&B a Viterbo centro
Camera B&B Anna Zelli a Viterbo in via San Lorenzo
un mini appartamento per 2 persone centro storico Viterbo
info e prenotare chiama 3273335577 (anche whatsapp)

VITERBO CAMERA B&B ANNA ZELLI VIA SAN LORENZO BIGLIETTO VISITA CAMERA BED AND BREAKFAST ANNA ZELLI A VITERBO CENTRO STORICO
 
VITERBO BED AND BREAKFAST B&B CAMERE DORMIRE VITERBO CENTRO STORICO foto camera b&b anna zelli via san lorenzo 67 viterbo centro storico www.annazelli.com
viterbo bed and breakfast via san lorenzo camera bed & breakfast viterbo centro anna zelli prezzi bassi

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro - via San Lorenzo
appartamento 35 mq
tra piazza del Gesù e piazza della Morte
a due passi a piedi da piazza San Lorenzo e Palazzo dei Papi
autoriz. Comune di Viterbo prot.n.0060028 del 18-07-2018.

Contatti B&B : Chiama o Manda una Mail
 Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro

 camera b&b anna zelli viterbo centro storico telefonocamera b&b anna zelli viterbo centro storico bed and breakfast e mail

manda una mail zellianna@hotmail.com

cellulari (39) 3273335577 - 3478532522
(puoi contattarmi anche via whatsApp)

 Viterbo informazioni turistiche e fotografie

viterbo guida informazioni turistiche fotografie a cura anna zelli

Informazioni Turistiche città di Viterbo
a cura di Anna Zelli : arte cultura novità idee

monumenti di Viterbo centro storico

 

   Città di Viterbo

informazioni storico turistiche e fotografie della città di Viterbo a cura di Anna Zelli

Copyright www.annazelli.com dal 2011

Tutte le foto ed i contenuti del presente sito web sono di Anna Zelli,sono di
mia esclusiva proprietà, ed è quindi vietata ogni riproduzione e copia anche
parziale: del sito di singole pagine e delle immagini,è altresì vietato mettere
link e foto su: web - social - portali senza il mio espresso, palese, e scritto
consenso.
Ogni abuso sarà  perseguito legalmente. Grazie per l'attenzione.

Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico
Via S. Lorenzo tra piazza del Gesù e piazza della Morte

  bed & breakfast viterbo centro storico via san lorenzo camera beb anna zelli viterbo

B&B Viterbo centro

   Camera B&B Anna Zelli Viterbo centro storico

Idee e Creatività : Arte Cultura Novità Idee
Arte e Pittura - pietre dure vere - Maglia - Benessere

anna zelli, pittrice, arte e pittura. www.annazelli.com collana bracciale orecchini vere pietre dure creazioni artigianali anna zelli
lavori a maglia di lana e cotone fatti a mano con i ferri www.annazelli.com erboristeria naturopatia mappa argomenti fitoterapia www.annazelli.com

quadri e pittura - collane bracciali orecchini pietre dure
golf sciarpe lana e cotone - erboristeria nozioni

torna Guida di Viterbo

Viterbo

Viterbo guida centro storico

torna Home Page

ANNA ZELLI www.annazelli.com

www.annazelli.com

pagina aggiornata Agosto 2020